LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MILANO - L'Annunciazione non sarà a Expo Franceschini "Resta agli Uffizi"
ALESSIA GALLIONE
14 febbraio 2015 LA REPUBBLICA






ERA stato Giuliano Pisapia a inviargli un appello, l'ultimo tentativo per riuscire ad avere quell'ultima tessera mancante del mosaico. E adesso è stato proprio il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini a pronunciare l'ultimo "no": «Quelle del direttore degli Uffizi sono valutazioni corrette, che io rispetterò», ha detto. Nessun ripensamento o intervento in extremis — «Secondo me la politica non deve comunque intervenire in decisioni che sono di competenza dei direttori dei musei », la spiegazione — per convincere il museo a prestare l'Annunciazione di Leonardo alla mostra di punta del programma culturale organizzato per Expo. L'opera contesa non si sposterà. Caso chiuso anche per Palazzo Marino che, con l'assessore alla Cultura Filippo Del Corno, dice: «La vicenda è finita con una posizione del ministro che per sensibilità istituzionale rispetto ». Eppure, è inevitabile il rammarico: «È un'occasione persa: dal punto di vista scientifico avevamo l'opportunità straordinaria di far dialogare l'opera degli Uffizi con la cosiddetta Annunciazione piccola del Louvre confermata sei mesi fa». E c'è ancora spazio per una, amara, considerazione conclusiva: «Milano ha un destino singolare — ricorda l'assessore — : dialoga con estrema facilità con Washington, Parigi e Londra e fa un po' più di fatica quando deve dialogare con il proprio Paese».

Alla fine, L'Annunciazione non traslocherà. Un altro Leonardo negato dopo quello ancora più famoso — la Dama con l'ermellino — dichiarata inamovibile da Cracovia. In realtà, dagli Uffizi arriveranno altre opere. È stato Franceschini a riepilogare la storia: «Ho ricevuto una lettera dal sindaco Pisapia che mi chiedeva una riflessione. Ho chiesto al direttore degli Uffizi una relazione, che mi ha fatto avere, e nella quale ha allegato l'elenco delle opere che hanno prestato alle varie mostre per Expo: sono 28 opere». Proprio per l'esposizione dedicata a Da Vinci, dalla Galleria usciranno tre prestiti importanti: la Tavola della fortezza di Botticelli, l'Adorazione dei Magi del Ghirlandaio e la copia anonima della Leda con il Cigno di Leonardo. Dal Gabinetto, invece, verranno "spediti" sette o otto disegni «straordinari», dice Del Corno. Il bilancio delle richieste inviate al mondo è considerato comunque positivo: «La mostra avrà oltre 200 prestiti confermati; 97 saranno di Leonardo tra cui sei quadri di inestimabile valore e disegni mai esposti prima in circostanze come queste», spiega l'assessore. Peccato per quell'ultima casella vuota. Franceschini, però, è stato chiaro: «Il direttore degli Uffizi mi ha fatto presente che il museo fiorentino, se prestasse l'Annunciazione, rimarrebbe completamente privo di opere di Leonardo durante i sei mesi di Expo».

Il Leonardo conteso negli ultimi giorni ha creato anche una divisione tra il Comune e il com- missario del padiglione italiano, Diana Bracco: «Questa storia delle opere in prestito per Expo sta diventando una tortura», il giudizio dell'industriale. Ma Palazzo Marino difende l'operazione: «Chi ha confuso la nostra richiesta di prestito nata sulla base di una ricerca scientifica con le boutade estive non ha capito molto», precisa Del Corno. E il vuoto che l'Annunciazione avrebbe creato a Firenze? «Credo che se i turisti non l'avessero trovato non sarebbe rimasti delusi da uno dei musei più importanti del mondo».




news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news