LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - SIRACUSA - Caserma Caldieri in abbandono «Colpa della tutela eccessiva»
Isabella Di Bartolo
LA SICILIA Domenica 15 Febbraio 2015 Siracusa


L'edificio di proprietà della Regione era stato invano corteggiato da una catena di alberghi a 5 stelle


Meglio tenere chiusi i grandi immobili pubblici e lasciarli cadere a pezzi o venderli ai privati? La questione è sempre la stessa. E oggi, davanti allo scempio in cui versa l'ex Caserma Caldieri del lungomare di Levante, torna di attualità.
Lo storico edificio è in condizioni di oblio da ormai quasi 30 anni che hanno reso questo grande complesso tra lungomare di Ortigia e via Santa Teresa un rudere. E degrado causa degrado come mostra lo scenario in cui versa l'interno dello storico edificio, di proprietà del Demanio, dove sono anche custoditi reperti archeologici che non entrano nei magazzini di musei e SOpRINTENDENZA.
Costruito per ospitare il convento di Santa Teresa, di cui si conserva ancora la chiesa che si affaccia sull'omonima via, la struttura del lungomare di Ortigia è stata sede del distretto militare. La caserma Caldieri restò tale sino a circa venti anni fa quando il distretto venne spostato alla caserma Abela. La chiusura dell'immobile è stata dunque dovuta non a ragioni di inagibilità ma alla fine del suo utilizzo come sede militare.
«Lo stato di degrado dell'edificio - dice il consigliere comunale Salvo Sorbello, leader di Sicilia democratica - è conseguente alla totale assenza di interventi nel corso di questi decenni. Uno scempio». Nel Piano particolareggiato di Ortigia firmato da Pagnano, la caserma Caldieri avrebbe dovuto ospitare l'istituto d'arte per evitare il trasferimento della scuola dall'isola e, di conseguenza, mantenere «viva» Ortigia. Tuttavia ciò non è mai accaduto e oggi l'immobile è alla mercè dell'incuria.
Una situazione di degrado che è simile ad altri grandi edifici pubblici di Ortigia come l'ex complesso di Cinque piaghe o il grande complesso di San Domenico. Edifici in attesa di restauri costosissimi, protagonisti di lavori finanziati e mai avviati o bloccati per questioni burocratiche. Alla luce di questo scenario di degrado e mala-gestione pubblica dalle radici decennali, la questione è sempre la stessa: fare dei grandi e meravigliosi edifici di Ortigia alberghi di lusso, oppure tutelarli anche a rischio di lasciarli chiusi?
La salvezza di Ortigia, dei suoi immensi tesori sconosciuti agli stessi siracusani, passa infatti dalla gestione. Ed è proprio il futuro di edifici e palazzi di proprietà del Comune, della Provincia e della Regione al centro di un nuovo dibattito che vede protagonista, ancora una volta, la nuova Amministrazione comunale.
Il dilemma è decennale: aprire le porte dei grandi immobili pubblici ai privati oppure lasciarli in mano a Comune e Regione? Il vicesindaco Francesco Italia non ha dubbi: l'unica strada è quella della gestione privata. «In un momento di crisi economica qual è quella di atto ormai da anni - dice l'assessore comunale alle Politiche culturali - l'unica strada percorribile è quella del rilancio economico concreto, anche alla luce della situazione vissuta dalla Regione a causa dei problemi legati al bilancio che rischia di trasformarsi in una polveriera. E noi preferiamo tenere chiusi palazzi bellissini, lasciarli cadere a pezzi piuttosto che venderli? Una follia».
Italia guarda ai modelli delle altre città d'arte e contesta l'atteggiamento di stasi di fronte a situazioni che potrebbero rimettere in moto economia e turismo. «Chi in passato ha bloccato la vendita di questi beni - dice Francesco Italia - quando c'erano società importanti interessati ad acquistarli per trasformarli in grandi alberghi, ha la responsabilità politica chiara del blocco dello sviluppo di una città in nome della cultura dei monumenti che cadono a pezzi. E' questa dunque la cultura? Quella dei ponteggi davanti ai portoni storici in attesa che crollino del tutto? Quella dei restauri completati per poi lasciare tutto chiuso?
Questa è la cultura che abbiamo difeso? Semmai questa è solo la cultura dell'immobilismo».
Lo sfogo di Italia è quello di un residenti davanti alle condizioni pietose di un immobile grandioso come l'ex caserma caldieri per cui si attendono finanziamenti pubblici da decenni. «E' impensabile oggi aspettare soldi dall'alto - dice Italia -, è impensabile restare fermi ad attendere la manna del cielo. Per l'ex caserma servirebbero tanti, troppi soldi. Il pubblico non può farcela».
L'edificio che si affaccia sul lungomare di Ortigia ingloba due conventi e una chiesa. Oggi non solo l'edificio cade a pezzi ma è anche sconosciuto a molti siracusani che non conoscono il valore di questo immobile in abbandono. Qualche anno addietro, la SOpRINTENDENZA diretta da Mariella Muti riuscì a intercettare un bando europeo che metteva a disposizione 20 milioni di euro da poter destinare, appunto, alla rinascita di questo enorme complesso. Ma è stata un'occasione sprecata. Come la richiesta di una catena di alberghi che voleva acquistarlo per farne un hotel a cinque stelle. «Un vero errore - ribatte Francesco Italia - che si aggiunge a tutti quelli fatti negli anni scorsi. Errori di una politica che ancora oggi si perpetra e che immobilizza la rinascita e il recupero dell'isolotto in nome di una tutela ormai obsoleta».


15/02/2015



news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news