LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA - Eur, in vendita i musei e l'Archivio di Stato
Francesco Erbani
17 febbraio 2015 la repubblica






VICINA al collasso finanziario, l'Eur aliena i suoi gioielli. La società che gestisce un intero quartiere romano, quasi fosse il suo feudo, ha deciso di vendere i palazzi che ospitano l'Archivio centrale dello Stato e i musei Luigi Pigorini, quello delle Arti e delle Tradizioni popolari e quello dell'Alto medioevo. Sembrerebbe salvo, almeno per il momento, il Palazzo della civiltà del lavoro, il cosiddetto Colosseo quadrato. Con i 300 milioni che si spera di incassare, assicura il presidente Pierluigi Borghini al termine di una riunione del consiglio d'amministrazione, sarà completata la Nuvola di Massimiliano Fuksas. Ma non solo, perché per la chiusura di quel cantiere mancano 130 milioni.

Pezzi importanti del patrimonio culturale vengono messi sul mercato per finire un Centro congressi che sembra una voragine senza fondo. Ma sono anche altre le operazioni spericolate condotte dalla società di cui era amministratore delegato Riccardo Mancini, uomo legatissimo all'ex sindaco Gianni Alemanno, finito in galera prima per tangenti e poi per Mafia capitale. Dalla demolizione del Velodromo allo scorticamento delle torri di Cesare Ligini. Altri manufatti di pregio, la cui sorte fu decisa durante l'amministrazione Veltroni.

I palazzi in vendita, per i quali Borghini sostiene ci siano già delle offerte, non sono edifici qualsiasi. Fanno parte di un complesso architettonico avviato alla fine degli anni Trenta e completato dopo la guerra. Un quartiere nato per iniziativa del regime fascista, ma realizzato seguendo criteri urbanistici di qualità, dagli assi viari al verde. La sede dell'Archivio centrale fu progettata da Mario De Renzi insieme ai più giovani Gino Pollini e Luigi Figini. L'edificio è documentato in tutti i testi d'architettura e qui, in 110 chilometri di scaffalature, è custodita la memoria cartacea del paese.

L'Eur è una spa interamente in mano pubblica. Il 90 per cento è del ministero dell'Economia, il 10 del Comune di Roma. Paradossalmente il ministero per i Beni culturali paga all'Eur quasi 5 milioni l'anno di affitto per l'Archivio. Per il Museo Pigorini 3,6 milioni. Per il Museo delle Arti e delle Tradizioni popolari 1 milione 890 mila. Per il Museo dell'Alto Medioevo 370mila. Ma tutti questi soldi che escono da un portafoglio pubblico per entrare in un altro portafoglio pubblico, non sono bastati a rimettere in sesto le disastrate casse dell'Eur. Che ora dice di essere costretta anche a licenziare 40 persone.

Quella dei musei dell'Eur è una storia che si trascina da decenni. In origine l'Archivio centrale pagava all'Eur un canone di concessione in uso. Era previsto infatti che l'Eur fosse liquidato e che il palazzo rientrasse nel patrimonio dello Stato. Nel 2000, invece, l'Eur venne trasformato in spa (era un epoca di ubriacatura da privatizzazioni). Nel frattempo la concessione in uso era diventata un canone d'affitto a prezzi di mercato, lievitato fino ai quasi 5 milioni di oggi.

Ma in quali mani finiranno gli edifici? E che cosa ne sarà di quel che contengono, le carte dell'Archivio e le collezioni dei musei? L'operazione di vendita non può essere completata senza l'assenso di diverse soprintendenze. Gli edifici sono tutti vincolati e vincolato è quel che custodiscono. Borghini sostiene che si sono fatti avanti sia privati che enti pubblici. Ai quali lo Stato potrebbe continuare a pagare salatissimi affitti affinché custodiscano beni che sono di tutti. «Alienare un patrimonio che già doveva essere pubblico e che è stato gestito malamente, per fare cassa, ripianare debiti e allo stesso tempo garantire agli acquirenti profitti sicuri è una operazione scellerata», sostiene la Cgil Funzione pubblica.





news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news