LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Apre a Napoli il primo museo dedicato all'archeologia etrusca.
17 febbraio 2015 la repubblica

Nella citt millenaria, greca fino al midollo, dai cardi e decumani che ancora ne disegnano il centro storico fino al suo stesso nome, Neapolis, si inaugura una galleria incentrata sull'affascinante e ancora in parte misterioso popolo indoeuropeo, presente nell'Italia centrale, tra Emilia Romagna ed alta Campania, fin dall'ottavo secolo avanti Cristo. L'appuntamento per mercoled 18 alle 17, all'istituto Collegio Francesco Denza (discesa Coroglio), gestito dai padri barnabiti e diretto dal rettore padre Pasquale Riillo. Il museo sar visitabile su prenotazione (info 081 575 7533). La collezione, curata dall'archeologa napoletana Fiorenza Grasso, comprende circa 800 pezzi, che abbracciano un arco cronologico tra l'Et del Bronzo ed il terzo secolo. Di questi, 250 reperti arrivano da Orvieto (databili tra fine settimo secolo e secondo avanti Cristo): antiche coppe, sostegni, brocche con mascheroni decorativi con cinghiali e cavalli alati. Molte ceramiche di bucchero, caratterizzate dal colore nero lucente, sia in superficie che in frattura. Dall'Umbria alla Campania: 47 ulteriori raffinate ceramiche a figure rosse (quarto secolo avanti Cristo), tra bellissimi vasi e crateri, sono di origine caudina, precisamente di Montesarchio, una delle pi fiorenti citt sannite in epoca preromana. Un'altra sezione raccoglie articoli di siti minori e iscrizioni imperiali (dal primo secolo in poi), provenienti da Roma. Fiore all'occhiello, un sarcofago di terracotta (datato tra fine terzo e inizio secondo secolo a. C.), che rappresenta una sconosciuta donna. Ogni sala provvista di appositi pannelli epslicativi e didascalie. "E' la prima volta che la collezione arriva a Napoli - spiega la curatrice Grasso - fu acquistata tra il 1869 e il 1882, dal padre barnabita Leopoldo De Feis ed esposta fino al 1906 al Collegio di Firenze Alla Querce, per poi confluire in un museo ad hoc fino al 2003". Con la chiusura definitiva del collegio, i reperti sono stati sigillati e chiusi in casse, all'interno della vicina villa San Paolo dei Barnabiti, sempre a Firenze. Fino al 2014, quando padre Riillo ne ha chiesto lo spostamento all'istituto posillipino, in accordo con la Soprintendenza archeologica di Napoli che ne ha imposto un vincolo culturale. Un piccolo tesoro del popolo etrusco, in una delle citt in Magna Grecia che pi gli fu nemica. (paolo de luca)



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news