LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA-Barcaccia sfregiata dagli ultrà: «Provocati danni permanenti»
Valeria Costantini
Corriere della Sera, 20/02/2015

Tecnici al lavoro per valutare le lesioni sul monumento seicentesco. La fontana svuotata. Confcommercio: tre milioni di euro da risarcire. Arrestati sei hooligan olandesi

«Danni permanenti». È questa la prima stima dei tecnici della Sovrintendenza capitolina in sopralluogo alla Barcaccia di piazza di Spagna, il giorno dopo la guerriglia urbana degli ultrà olandesi del Feyenoord che per ore hanno sequestrato e violentato il centro di Roma. Sono gli stessi archeologi che hanno definito uno «stupro» della fontana del Bernini. La Sovrintendenza ha svuotato intorno alle otto di venerdì mattina il monumento dall’acqua per provvedere al monitoraggio dei danni. La Confcommercio, invece, ha già stimato quelli provocati al settore: «A causa delle chiusure forzate, i negozi del centro hanno avuto una riduzione degli incassi ed un danno commerciale di circa 3 milioni di euro». Sei gli hooligan arrestati.

«Danni gravi»
Diverse le «ferite» inferte dai supporters olandesi rilevate dai tecnici che hanno prima di tutto ripulito la fontana dalle decine di frammenti di vetro delle bottiglie, lanciate in un assurdo tiro al bersaglio dai vandali contro il monumento. decine le strisciate delle bottiglie sul marmo, diversi i pezzi della fontana recuperate. «I danni sono gravi - ha detto Anna Maria Cerioni responsabile restauri della sovrintendenza - danni ancora da quantificare ma permanenti».Intorno alle 11.30 anche il sindaco Ignazio Marino si è recato in piazza di Spagna : gli è stato mostrato il grande pezzo staccatosi dalla fontana, un frammento di circa dieci centimetri del candelabro colpito dai vandali. Marino però non si è voluto fermare per rispondere alle domande dei giornalisti: ne è nato un assedio e una corsa corredata da urla e polemiche durata oltre 200 metri fino all’auto del sindaco.

Morandi: «Quello che è successo è assurdo»
«Sono scandalizzato: è assurdo pensare al danno che hanno provocato a questo monumento stupendo» ha commentato il cantante Gianni Morandi che questa mattina passeggiava su piazza di Spagna ed è stato circondato dai suoi fan.

Sei arresti
Sono sei, tutti attualmente detenuti al Regina Coeli, i tifosi del Feyenoord arrestati giovedì nel corso degli scontri avvenuti nella zona di Piazza di Spagna. Sono accusati di resistenza a pubblico ufficiale e lesioni. Per i disordini di due giorni fa a Campo de’ Fiori già condannati 19 hooligans.
Il sindaco contro polizia e prefetto
Più rassicuranti, invece, le parole del sindaco Marino. «Abbiamo ripulito interamente piazza di Spagna e per fortuna i danni alla Barcaccia non sono gravissimi, ma l’offesa alla città rimane». Il giorno dopo l’assalto il sindaco Ignazio Marino, tira le somme di una giornata difficile. E appare ormai chiaro l’errore di aver aver sottovalutato il numero e il rischio degli hooligan. Lo sfregio più grande è quello subito dal capolavoro seicentesco di Pietro Bernini, la fontana al centro di Piazza di Spagna che era stata restaurata solo lo scorso settembre grazie a 200mila euro e pagati con il contributo dei privati.

L’ira del sindaco
«Alla fine della partita abbiamo accompagnato a scaglioni con degli autobus i tifosi, ma io li chiamerei più barbari, alla stazione Termini e all’aeroporto» ha detto il sindaco ha attaccato prefettura a polizia. «Falle intollerabili nella sicurezza», agenti fermi «mentre i teppisti devastavano la Barcaccia» ha accusato. E a chi gli chiede chi pagherà i danni, il sindaco Marino risponde: «Chi rompe paga: l’ho detto all’ambasciata olandese. Al vice ambasciatore ho spiegato di stracciare il passaporto di questi violenti, qui non sono graditi».

Urina e bottiglie di birra sulla fontana
Dopo l’assalto degli hooligan - che hanno perfino urinato sopra il pregiato marmo - la fontana era ridotta ad una pattumiera: i tifosi olandesi l’hanno riempita di rifiuti, palloncini con i colori della squadra, bandiere e sciarpe. Si sono divertiti a tirargli contro bottiglie di birra. È questo che ha provocato danni in più punti causando lesioni che ora gli esperti stanno valutando. «È probabile che una parte del bordo del tripode centrale abbia subito qualche scheggiatura. Qualche danno c’è sicuramente ma dobbiamo attendere le verifiche definitive» spiega il sovrintendente comunale ai beni culturali di Roma Capitale, Claudio Parisi Presicce.
Un frammento della Barcaccia è stato divelto dai teppisti che hanno usato la fontana come un tiro a segno. Il pezzo staccatosi per l’urto era visibile in fondo all’acqua, resa torbida dalle bottiglie e dai cartoni di birra. Per i più piccoli frammenti, la ricerca prosegue anche venerdì. «L'area intorno alla fontana è stata transennata e l'acqua prosciugata per un controllo dettagliato - ha fatto sapere l’assessore alla Cultura, Giovanna Marinelli - Verifiche andranno fatte anche per la Scalinata di Trinità dei Monti e per l'intera piazza».

Ama al lavoro per tutta la notte
«La squadra dell’Ama, una della protezione civile e una del dipartimento ai Lavori pubblici hanno chiuso la fontana per pulirla. Sono rimasti al lavoro per tutta la notte, ripulendo anche tutta la piazza»ha detto l’assessore ai Lavori Pubblici, Maurizio Pucci. Barbaccia «spenta» per un danno che, sottolinea ancora Marino, «è anche un danno di immagine» per la città perché il restauro era stato finanziato con fondi di donatori, e «come fa adesso il sindaco a presentarsi da altri donatori quando questi hanno visto i soldi buttati per i danni di questi violenti?».

Finito a settembre il restauro della Barcaccia
La furia dei tifosi olandesi ha sfregiato il cuore storico di Roma. Il tutto succede a distanza di pochi mesi dalla fine dei lavori di restauro della Barcaccia, terminati dopo un anno. L’inaugurazione della fontana, tornata a splendere grazie ad un laborioso restyling, è del settembre scorso. Il restauro è costato circa 200 mila euro, finanziato con un bando della Sovrintendenza capitolina «Concessione di spazi pubblicitari» e vinto dalla Urban vision. In cantiere c’è anche un prossimo restauro della Scalinata di Trinità dei Monti, anch’essa presa di mira dagli ultrà, lavori che - come annunciato nei mesi scorsi dal sindaco Marino, - dovrebbero iniziare proprio nel primo semestre del 2015.



news

28-08-2021
Allarme Archivio Centrale dello Stato. La petizione disponibile su change.org

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

Archivio news