LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ASSISI-Bufera sui restauri degli affreschi di Lorenzetti
Stefano Miliani
www.ilgiornaledellarte.com, 20/02/2015

Durissime critiche di Tomaso Montanari, che parla di un effetto pizzeria. La soprintendenza sospende i lavori nella Basilica inferiore. In attesa che si istituisca una commissione, i frati francescani respingono le accuse di malrestauro

Nella basilica inferiore di San Francesco ad Assisi interventi di restauro hanno danneggiato testi capitali quali affreschi della bottega di Giotto e di Simone Martini e stanno compromettendo pitture murali di Pietro Lorenzetti?
Linterrogativo su queste pagine centrali del primo Trecento ineludibile dopo quanto ha riferito Tomaso Montanari su la Repubblica: dopo un controllo di due ispettori la direzione delle Belle arti e paesaggio guidata dallarchitetto Francesco Scoppola, gi direttore dei beni culturali in Umbria fino al dicembre scorso, allarmatissima per lavori compiuti sulla Cappella di San Nicola e conclusi da tempo, su una pagina di Simone Martini e per i lavori in corso, da gennaio, sulle pareti affrescate da Pietro Lorenzetti (cfr. Il Giornale dellArte n. 349, gen. 15, p. 36). Il responsabile dei cantieri del Sacro Convento Sergio Fusetti si dichiara sbalordito per questo fulmine improvviso e immotivato. Un primo effetto che la soprintendenza ai beni artistici ha sospeso lintervento iniziato un mese fa. Ora probabile che venga istituita una commissione.

Per il docente di storia dellarte alluniversit Federico II di Napoli invece i motivi per preoccuparsi sono numerosi: sarebbero stati alterati chiaroscuri e altri elementi tanto da creare, con la pulitura del paramento di pietra del Subasio, un effetto pizzeria. Ma ancora pi grave, afferma Montanari a "Il Giornale dellArte", che discutiamo se testi cos importanti sono stati toccati o meno quando dovrebbe esserci un comitato a vegliare e formato dagli esperti dellIstituto superiore per la conservazione e il restauro o dellOpificio delle Pietre Dure. Lo storico dellarte andato di persona nella basilica inferiore luned scorso dopo aver saputo dellesito dellispezione di due esperti inviati da Scoppola un paio di settimane fa.

Montanari esprime critiche durissime. Scrive: Nella cappella di San Nicola, dove attiva la bottega di Giotto, intorno al 1315, il celebre gruppo della Madonna che sviene ai piedi della Croce ha ora una scalatura cromatica e un chiaroscuro completamente diversi da quelli noti. Accanto, le sublimi mezze figure di Santi affrescate poco dopo (1317-19) da Simone Martini sono ancor pi cambiate: appiattite, e prive di alcuni dettagli della decorazione. E la Madonna al centro del trittico nella Cappella di San Nicola, annota ancora lo storico dellarte, ha completamente (e irreversibilmente) perso il suo manto. Ce n di che per sobbalzare sulla sedia.

I frati francescani rigettano con durezza ogni accusa di malrestauro: Critiche pretestuose e polemiche infondate, dichiara il direttore della sala stampa, padre Enzo Fortunato Soprattutto il Sacro Convento contesta le foto pubblicate dal quotidiano su carta e sul web: Si riferiscono ad affreschi restaurati nel 1968 dallIcr. Il prima di cui parlano a quando si riferisce? Non a questi anni. E il dopo? Nemmeno. Oltre tutto sono foto scattate da un cellulare che non permettono affatto di fare confronti, non sono affidabili n veritiere. A Scoppola vorrebbero domandare: perch non si pronunciato quando guidava i beni culturali nella regione?

In mezzo al ciclone si trova Fusetti, in servizio presso la basilica da quarantanni. Replica cos: Le foto su "Repubblica" si riferiscono a Simone Martini e non ci ho mai messo le mani. N capisco perch le critiche sulla cappella arrivano dopo due anni e mezzo. Sono passati di l studiosi, restauratori, ministri, direttori, ispettori e funzionari del ministero, cera la presenza costante dellex direttore dellIcr Giuseppe Basile, e peccato sia morto altrimenti ora parlerebbe. A parere del capo restauratore falso dire che ci sono stati schiarimenti. Nel transetto destro stiamo facendo consolidamenti perch zona sismica e dopo il terremoto facciamo manutenzione preventiva autorizzata e sorvegliata dalla soprintendenza. un semplice spolverare con un pennello o un intervenire con acqua senza solventi: non fa male a nessuno, e facciamo consolidamento. Ogni nostro intervento dopo il terremoto stato eseguito sotto la direzione dellIcr, e poi sotto la supervisione o la guida della soprintendenza..

Fusetti un restauratore esperto e scrupoloso, lo difende il soprintendente ai beni artistici dellUmbria Fabio De Chirico, cui spetta la sorveglianza sui cantieri e ha inviato in giornata la documentazione a Scoppola. Le critiche riguardo alla Cappella di San Nicola mi sembrano strane. Le integrazioni fatte, tutte removibili, riguardano solo parti decorative, non figurative, e comunque parliamo di un lavoro iniziato nel 2010 e finito nel 2012. E nella Cappella del Lorenzetti stanno facendo una manutenzione ordinaria per evitare e prevenire eventuali distacchi, fanno una semplice spolveratura. Quanto a una commissione permanente di esperti sulla basilica di Assisi, De Chirico a Il Giornale dellArte risponde che ne sarebbe felice per un monitoraggio costante, per i restauri, mentre non mi pare necessaria per la manutenzione. E listituto centrale del restauro non stato estromesso: si sono conclusi i lavori.

Come prova della bont del loro lavoro nella Cappella di San Nicola, dal Sacro convento rimandano a un articolo di Bruno Zanardi uscito su Il Giornale dellArte nel novembre 2012 intitolato Ma Giotto non aveva bisogno di firmare le sue opere come un turista d'oggi. Il teorico e restauratore, docente a Urbino che ha lavorato a lungo nella Basilica assisiate, tirato in ballo alla nostra testata puntualizza: Ero stato in visita nel 2011 al cantiere quando si stava lavorando nella parte alta della controfacciata. Limpressione era stata dun buon lavoro, inoltre eseguito da un restauratore che conoscevo da decenni e che sapevo bravo e esperto. Ma quando sono tornato un paio di mesi fa in Basilica con i miei allievi dellUniversit di Urbino, vedendo dal basso la Cappella senza ponteggi e vedendo il transetto destro sottoposto nel frattempo, come m stato detto, a un lavoro di manutenzione, ho avuto una sensazione molto diversa. Come si fosse proceduto a un restauro estetico di pulitura e reintegrazione con una generale diminuzione dei valori chiaroscurali. Uno sbiancamento, specie nei visi, per un eccesso di pulitura, e un inscurimento dei fondi molto reintegrati. Una sensazione che mai avrei avuto se si fosse proceduto a una manutenzione fatta come le manutenzioni vanno fatte. Cio limitandosi a togliere la polvere dai dipinti con pennelli di martora. Allora, visto che si vuole fare lo stesso lavoro sullintera Basilica credo sia meglio per tutti istituire un comitato scientifico internazionale che ci renda sicuri, per primo il restauratore, di come stanno procedendo i lavori.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news