LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Facciamo una troika culturale per calcolare i crediti della Grecia
Marcello Madau
il Manifesto , 20.2.2015

Cultura e debito. Nel 2010 la Finlandia chiese in pegno il Partenone. Ma i capolavori in giro sono tanti e i musei tedeschi, francesi e italiani sono pieni di opere elleniche


Se la statua crisoelefantina dellAthena Parthenos, che stupiva con il suo favoloso scudo e i suoi dodici metri chi entrava nella cella del Partenone, fosse ancora presente, gli accusati di grattarne nottetempo loro e lavorio non sarebbero come un tempo Pericle e Fidia ma questa volta giustamente i tre corsari della troika della Comunit Europea.

Nella richiesta greca dei danni di guerra appaiono ora anche i furti dei beni archeologici, ma vorrei illustrare come il problema sia decisamente pi ampio, come apra una prospettiva interessante nella quale si incrociano il valore incalcolabile della storia con quello pi misurabile di incassi e fideiussioni. E una curiosa interscambiabilit fra i ruoli di creditore e debitore.

Senza addentrarci in discorsi complessi, importanti ma lontani (come il debito di civilt che avremmo verso la Grecia), possiamo limitarci alla contemporaneit: essa ci fa dono nel 2010 di un momento di grande valore simbolico: quando la Finlandia propose di pignorare il Partenone a garanzia del debito pubblico greco. Misura da vera economia classica, spietata e glaciale ma con il pregio, direi involontario, di riconoscere il valore dellarcheologia greca e dei suoi straordinari monumenti rispetto al debito enorme che la Grecia avrebbe verso lEuropa.

In effetti quanti capolavori greci nei grandi musei della terra! In quegli stati europei che, per mano dei tre corsari cercano di strangolare lEllade antica e contemporanea: non tutti vengono da accordi virtuosi, molti episodi assomigliano a veri e propri furti, di Stato o individuali.

Una parola dordine, che in casi analoghi spesso risuona, che le opere darte trafugate pi o meno legalmente dovrebbero rientrare nei paesi dorigine. Eppure questi musei sono diventati luoghi universali, luoghi anche nostri grazie a queste opere. E la circolazione dei beni artistici un fatto di cultura persino caldeggiato nei diligenti documenti europei.

Daltronde difficile immaginare un British Museum di Londra senza opere greche o i bassorilievi assiri, ragionamento valido per il Louvre e tanti altri celebri complessi espositivi.

Molti proprio della Germania, da Monaco a Berlino a Karlsruhe: pensate ai kouroi dello Staatliche Museum, dello Altes Museum, della Gliptoteca; della Francia celebre la splendida dotazione del Louvre: kouroi, due sculture acquisite dal Partenone, labbacinante Cavaliere Rampin, solo per ricordarne alcuni; della Gran Bretagna, con il succitato British e i celebri elementi decorativi dal Partenone, dallEretteo; con le ceramiche e nuovamente i kouroi. Ancora, visto linteresse dellAmerica per il debito greco, esempi come il Paul Getty, il MoMA, fino alle collezioni del Museo di Kansas City

E c lItalia, proprio nella Firenze di Matteo Renzi, se pensiamo ai due splendidi kouroi Milani e Milani-Barberini, esposti nel Museo archeologico nazionale.

Solo onore per la Grecia allora? Perch non qualche diritto in pi, anche economico? Leconomia dei beni culturali ci pu aiutare a trovare una possibilit, sia nella sua straordinaria tensione fra valore duso e valore di scambio in manufatti che dovrebbero essere fuori mercato, beni comuni e invece non lo sono, fra traffico clandestino, antiquaria ed aste sia nella pi corretta lettura dei settori collegati alla fruizione.
Qualcuno (pi vicino alla troika) potrebbe obiettare: pubblicit per quei paesi, se ne accresce la fama, la gente viene indirizzata verso di loro. Ma pi semplice, sicuro e tangibile, valutare i grandi introiti di quelle citt e di quei musei: grazie alle opere dellantica Grecia. Perch non provare a fare due conti?

(In fondo vi qualche timida consapevolezza degli aspetti finanziari delle collezioni museali anche in vari documenti della Comunit Europea, come il Lending to Europe del 2005, la Council resolution del 25 giugno 2002 e naturalmente le premesse cos sensibili del Trattato di Maastricht 1999, art. 151 e punto 3.2.2).

Si potrebbe allora nominare una troika di archeologi: uno della Grecia, uno della Magna Grecia, uno della Libia (Cirene); poi stabilire il valore di ogni opera, tra quello assicurativo in caso di spostamento e le opere di mano dopera specializzata e comune per realizzarlo oggi (ma con gli strumenti di allora).

Infine calcolare, sulla base dei parametri di riferimento ufficiali, il costo relativo ai prestiti di natura onerosa, lungo i molti decenni (in alcuni casi di secoli, come per i marmi Elgin del Partenone), basandosi su valori desunti dal calcolo dei flussi dei visitatori, dagli introiti di biglietteria e dai redditi complessivi dellunit museale (merchandising, ristorazione, book shop: magari sulle pubblicazioni regolarmente vendute oltre le duemila copie, come recita ad esempio la legislazione italiana: il nostro Presidente del Consiglio potrebbe far contare un po di pi lItalia in questo senso).

Infine, analizzare la valutazione economica dei vantaggi a rete, la crescita dei prezzi fondiari nelle zone attorno ai grandi musei dopo la loro inaugurazione, gli incassi dei trasporti e insomma tutti i sistemi economici ad essi relativi. Un calcolo davvero interessante, una somma che potrebbe sorprendere.

Sar disposta la Grecia a concedere qualche dilazione ai paesi europei che hanno contratto un debito culturale di questa dimensione? Panta rei



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news