LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SIENA - S.Maria della Scala modello Beaubourg la volta buona del sogno possibile
TOMASO MONTANARI
LA REPUBBLICA 21 febbraio 2015



DOPO l'intervento di Alessandro Bagnoli (storico dell'arte della soprintendenza, e fra i massimi conoscitori di arte senese) apparso a tutti evidente l'aberrazione di un simile intervento di "eugenetica" artistica: la Pinacoteca un organismo vivo, che ha le sue radici nel tardo Settecento, e che ora non pu essere fatto a pezzi senza ucciderlo.

Ma accanto a questo "no", dall'incontro senese uscito un ancor pi importante "s" nei confronti del progetto che si presenta come il fulcro della politica culturale a Siena nei prossimi anni: quello del grande polo museale da realizzare al Santa Maria della Scala. Si tratta di un'idea ormai antica, che ha padri nobili nelle figure di storici dell'arte come Cesare Brandi e Giovanni Previtali, e che approd anche in sede istituzionale quando (ormai tre lustri fa) il ministero per i Beni culturali era guidato da Giovanna Melandri. Il Beaubourg senese come fu chiamato ai tempi di Brandi vedrebbe confluire un gruppo di musei nell'enorme citt ospedaliera medioevale (duecentomila metri cubi) che sorge di fronte al Duomo: la Pinacoteca stessa (tutta intera!), il Museo Diocesano, il Museo Archeologico, il Museo del Santa Maria (con le opere mobili e immobili che appartengono all'ospedale). E qui si apre un bivio: perch si potrebbe trattare di un condominio di musei (grado zero dell'integrazione), ovvero di un sistema coordinato, o infine di un unico museo "federato", articolato in tante sezioni (la cui propriet rimarrebbe impreguidicata) guidate da un curatore, ma con un unico direttore e un unico consiglio scientifico. Quest'ultima soluzione non solo la pi ambiziosa: essa forse anche la pi pratica, perch eviterebbe alla radice ogni rischio di anarchia ed immobilismo, e permetterebbe di creare anche una rete di laboratori di restauro ed indagine al servizio dell'intero complesso. Questo grande Museo di Siena avrebbe anche il vantaggio di avere un'identit cos forte da non naufragare nel polo museale toscano che sta per nascere in forza della riforma dei Beni culturali voluta dal ministro Franceschini. Ed aperta la discussione sull'istituto giuridico pi adatto a questo Beaubourg (consorzio, fondazione o altro): con l'unico caveat che non si costruisca un cavallo di Troia che conduca ad una privatizzazone- commercializzazione come quella che, dall'altro lato della piazza, ha investito l'Opera del Duomo senese (un destino che sembra preannunciato dalla funesta, recentissima decisione della giunta di appaltare a un grande soggetto privato Civita? la realizzazione di mostre proprio al Santa Maria: un modello in cui l'amministrazione pubblica delega la politica culturale al mercato).

E non tutto: nel Santa Maria gi collocata la biblioteca di uno dei pi grandi storici dell'arte del Novecento italiano (Giuliano Briganti), attualmente sottoutilizzata ed isolata. Questo nesso dovrebbe diventare vitale, e il complesso potrebbe accogliere la Scuola di specializzazione in storia dell'arte, e poi almeno una sezione del Dipartimento di scienze storiche e di beni culturali. Oltre che, naturalmente, spazi comuni, laboratori didattici per bambini, librerie, ristoranti. Insomma: il Santa Maria della Scala del prossimo futuro pu diventare un luogo dove il nesso tra conservazione, produzione e redistribuzione della conoscenza e sovranit dei cittadini sia e rimanga evidente.

Non un libro dei sogni, ma un grande obiettivo politico, di rilievo addirittura nazionale. E il calore dei senesi dimostra che malgrado le avversit di questo tempo giunto il momento di provare davvero a centrarlo.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news