LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

"A Roma monumenti sotto scorta solo cos eviteremo nuovi sfregi"
SARA GRATTOGGI
22 febbraio 2015, La Repubblica






ROMA . Una campagna per dare la scorta ai monumenti. Ed evitare cos che vengano sfregiati dai vandali, come accaduto gioved scorso a Roma alla Barcaccia di piazza di Spagna, presa a bottigliate dai tifosi del Feyenoord. E lesionata in 110 punti, con danni giudicati irreparabili dalla sovrintendenza capitolina. A lanciare l'idea il nuovo soprintendente speciale per il Colosseo, il Museo nazionale romano e l'area archeologica di Roma, Francesco Prosperetti.

La sua una provocazione?

In parte s. Ma ci sono scorte assegnate a personaggi pubblici che in alcuni casi, forse, non sarebbero necessarie. E anche i monumenti hanno bisogno di protezione, come si visto nel caso della Barcaccia. Non sono forse il nostro patrimonio pi prezioso? Di certo la proposta far discutere.

L'idea non cos balzana. In piazza della Signoria, a Firenze, c' un servizio di vigilanza continuo per la Loggia dei Lanzi.

S, fu introdotto da Antonio Paolucci all'epoca in cui era soprintendente a Firenze, proprio per evitare degrado e danneggiamenti. Ma costa decine di migliaia di euro l'anno.

Per questo l'idea sarebbe quella di lanciare una campagna, un appello direi. Chiedendo, per esempio, a esponenti del mondo politico: chi disposto a rinunciare alla propria scorta per "donarla" a un monumento?" Non sarebbe pi semplice predisporre recinzioni a protezione dei monumenti, come del resto la Soprintendenza archeologica che ora guida fece negli anni Novanta per l'Arco di Costantino, la Colonna di Marco Aurelio o i templi di Ercole e Portuno?

Sono contrario alle recinzioni che ostacolano la fruizione dei monumenti. E far tutto il possibile per levarle, a cominciare proprio da quella dell'Arco di Costantino. Sempre che ci siano le condizioni di sicurezza necessarie .

Anche il Colosseo, nonostante la cancellata e la presenza di custodi (seppure in numero insufficiente, come pi volte dichiarato dalla sua Soprintendenza), nel 2014 stato oggetto di quattro atti vandalici, fra incisioni e asportazioni di frammenti. Tutti opera di turisti stranieri che erano entrati per visitare l'Anfiteatro Flavio. Come pensa di proteggerlo?

Sicuramente sarebbe positivo aumentare il numero di custodi. Anche se, a livello generale, ripenserei i loro compiti, nel segno di un maggiore rapporto con il pubblico, e l'evoluzione delle loro carriere. Ma il nodo principale mi pare quello dell'informazione, per non dire dell'educazione, dei visitatori.

Cio?

Bisogna puntare a una maggiore sensibilizzazione dei turisti sulla storia e sul valore dei monumenti, come patrimonio collettivo. Per esempio allestendo un centro di accoglienza, magari in corrispondenza delle stazioni della metropolitana, in cui i visitatori vengano preparati a ci che vedranno. Forse cos ci sarebbe una fruizione pi consapevole, non solo legata al potere evocativo dei siti pi celebri.





news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news