LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ecomostri e incompiute ferite sempre aperte
di VINCENZO DELLE DONNE*
23 febbraio 2015 IL MESSAGGERO VENETO



Negli ultimi ventanni la citt stata deturpata da cemento e scelte imbarazzanti Lo scheletro della piscina e il maxi-parcheggio sono i simboli dello scempio


Come descrivere questa citt in cui oltre 20 anni fa decidemmo di trasferirci con tanto entusiamo perch, come un amore a prima vista, la ritenevamo un rifugio ideale dove il tempo e i valori di una volta sembravano immutati e praticati? Gli amici udinesi, che cercavano in tutti modi di dissuaderci da prendere tale decisione, li consideravamo dei malauguranti e guasta feste. S, perch San Daniele del Friuli, la Siena del Friuli, conosciutissima in tutto il mondo sia per il prosciutto che per le sua bellezza paesaggistica, sancita per decreto gi in epoca fascista, suscita ammirazione e invidia anche per i suoi tesori e la sua famosissima Biblioteca Guarneriana. Insomma una cittadina bella e irrangiungibile dove volevamo far crescere i nostri figli con dei ritmi a dimensione duomo e con tutte le strutture allavanguardia a portata di mano: lospedale, le scuole, il campo sportivo. Provenendo dalla Germania ci ritenevamo in un certo senso fortunati di vivere qui, coniugando le caratteristiche di un salubre borgo tradizionale con la sua gente genuina con quelle di unepoca moderna.

Ben presto iniziammo, per, a renderci conto che, forse, ci eravamo fatti prendere un po troppo la mano dal nostro entusiasmo che distoglieva lo sguardo dalla realt. Avevamo, infatti, unimmagine troppo idilliaca. Ora dopo tanti anni siamo stati costretti, nostro malgrado, a ricrederci: il degrado e le ferite architettonico-urbanistiche sono visibili ovunque e non sappiamo se siano da attribuire allincompetenza o all interesse dei vari amministratori. E si ha la sensazione che tutto ci si sia potuto verificare anche grazie al complice silenzio della Sovrintendenza alle belle arti a cui spetta il compito di vigilare sul rigido vincolo paesaggistico. Lo stato delle cose, ora, anche e soprattutto grazie alle decisioni errate degli amministratori che si sono susseguiti nellultimo ventennio non ottimale, per dirla con un eufemismo.

Il maxi-parcheggio: mostro di cemento

Ma andiamo con ordine e facciamo un malinconico viaggio indietro nel tempo. Il nostro sconcertante tour attraverso i disastri architettonico-urbanistici di San Daniele inizia dal famosissimo Portonat che vanta un fantastico rilievo di Andrea Palladio che anche qui lasci traccia della sua reinvenzione degli elementi classici. Siamo quindi in pieno centro, sulla strada che porta a Gemona. A due passi da qui sotto, legida del primo Paolo Menis come sindaco, si diede il via alla costruzione di un gigantesco parcheggio coperto che si articola su diversi pieni a ridosso del centro storico. Per realizzare la geniale idea venne sventrata unintera collina. In fondo si doveva fare fronte alle future orde di turisti che si sarebbero riversate a San Daniele. Oggi il mostro di cemento costantemente quasi vuoto e costa alle prosciugate casse comunali diverse migliaia di euro all anno solo per la sua manutenzione. E vedendo come le intemperie aggrediscono anche il cemento armato c da giurare che i costi in futuro aumenteranno anzich diminuire. Si riempie a malapena solo in occasione della festa del prosciutto. Per il resto dell anno si presterebbe benissimo come un naturale set per un film horror. Ma le magagna urbanistiche non finiscono qui.

Il flop del piano del traffico

Lo stato delle strade, ad esempio in diversi borghi, penoso oltre che pericoloso, perch molte vie sono strette, prive di marciapiede e trafficate come quelle di un grande centro. Dopo vari esposti lallora sindaco Gino Marco Pascolini, successore di Menis destinato a compiti maggiori come consigliere regionale, prese atto di questa situazione e tent di porre rimedio. Si rivolse infatti a un rinomato studio tecnico per redigere un nuovo piano del traffico che doveva rendere pi vivibile la perla del Friuli: pi slow come si disse, spendendo alcune migliaia di euro affinch si elaborasse un nuovo assetto del traffico cittadino. Ma anche qui le cose non andarono per il verso giusto. Alla fine anche il nuovo piano del traffico divenne carta straccia a causa delle proteste di alcuni cittadini. Singolare motivazione: una volta giravano per le viuzze del centro anche autocorriere e Tir! Quello che ne rimasto di quel ambizioso piano sono solo alcune strisce sulla strada oramai sbiadite che collegano la scuola elementare alla scuola media. Al massimo qualche centinaio di metri. A conti fatti le strisce stradali probabilmente pi costose al mondo.

Il restauro doro di villa Serravallo

Allera Pascolini risale, inoltre, anche la ristrutturazione della prestigiosa villa Serravallo con la sua posizione maestosa. Il Comune acquist la magnifica villa circondata da un enorme giardino in stato dabbandono dal Consorzio del Prosciutto che non sapeva cosa farsene per le difficolt finanziarie in cui versava. Dopo un costosissimo restauro divenuta la sede regale dellamministrazione. Unico neo: la vecchia sede del Comune, in pieno centro di fronte alla chiesa Sant Antonio con i suoi straordinari affreschi rinascimentali di Giovanni da Udine, che si voleva inizialmente vendere rimase per lungo tempo praticamente vuota. Ora, per mancanza di acquirenti, sede dell ufficio anagrafe del Comune, dell Inps e di diverse associazioni cittadine.

La piscina comunale incompiuta: un ecomostro

Ma le scelte disastrose degli sfortunati amministratori non finiscono qui, come ci insegna il progetto della nuova piscina comunale: fu il colpo di scena con il quale Emilio Iob voleva entrare a pompa magna negli annali di San Daniele. La nuova promessa doveva far compiere quel grandissimo salto di qualit alla vita dei sandanielesi che per andare in piscina, ora, devono recarsi nella vicina Spilimbergo. E anche qui la malasorte ci mise lo zampino. Il grezzo della piscina era praticamente finito quando, per, tutto si blocc a causa delle difficolt finanziarie della Hypo Bank Alpe-Adria che finanziava la societ esecutrice. Ora il cantiere alcuni a ragione lo definiscono ecomostro, altri una splendida piscina per svariati tipi di pantegane del Mediofriuli abbandonato a se stesso. Le annose proteste dei vicini di ultimare o demolire l impianto non sono valse a nulla. Intanto continuano i proclami anche del neosindaco Paolo Menis, rientrato dagli anni di gloria in Consiglio regionale, che verso la met del 2014 si sbilanci non poco, dichiarando alla stampa che si prospettava unapertura dellimpianto gi a fine 2014. inutile aggiungere che questa sua previsione era alquanto azzardata. Lecomostro continua a dormire il sonno della bella addormentata.

La colata di cemento in via Piave

Lultimo colpo di genio architettonico-urbanistico vede di nuovo protagonista Paolo Menis, suo malgrado: questa volta in via Piave. Di fronte ad una casa padronale del 1719, nell antico Borgo Pozzo, lamministrazione ha dato infatti il via senza batter ciglio a un progetto di ristrutturazione che unautentica colata di cemento: dove cera un bellissimo giardino pensile, sul fronte strada, si data lautorizzazione a uno scempio tipo Anni Settanta. Del giardino oggi, infatti, non vi pi traccia. Al suo posto c un garage e un ampliamento, una cementificazione totale del vecchio giardino. A nulla sono valse le segnalazioni al sindaco, al comandante di vigili urbani e alla Sovrintendenza che limpresa esecutrice dei lavori aveva con una ruspa volutamente abbattuto un muro in sasso sul fronte strada per costruire al pi presto un garage, commettendo un reato penale per eludere in questo modo furbescamente i vincoli paesaggistici. Lesposto formale avvenne nel settembre 2013. Fino ad oggi nessuna risposta. Perfino la richiesta formale dei vicini di prendere visione del progetto caduta nel dimenticatoio amministrativo. Dopo un anno e mezzo si attende ancora una risposta dal Comune. Un autentico muro di gomma. Stessa fine per le segnalazioni alle autorit competenti.

Il futuro del teatro Ciconi

Cosa dire ora del progetto di restauro del teatro Ciconi che proprio in questi giorni oggetto di diatriba politica? Se il giorno si vede dal mattino non c da aspettarsi nulla di buono.

*docente di tedesco alluniversit di Udine, collaboratore di Sddeutsche Zeitung, Frankfurter Allgemeine Zeitung, Tagesspiegel, Ard, Zdf, Orf .



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news