LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NAPOLI- NON C' POLITICA PER LA CULTURA
EDUARDO CICELYN
24 febbraio 2015 LA REPUBBLICA






SE PER continuiamo a credere che la politica sia un affare personale di questi e di quelli, rappresentanti di una presunta parte o di un'altra, rassegniamoci a osservare con un certo gusto del brutto e per un lungo periodo la spettacolare impotenza degli organismi dirigenti del San Carlo e del Mercadante. Nessuno in realt sa che pesci pigliare. Come peraltro si accinge a mostrare in anteprima nazionale il Mibact con i prossimi risultati del fantasmagorico concorso internazionale per la nomina dei futuri megadirettori dei nostri musei, a Napoli e non solo il vuoto culturale delle presunte politiche innovatrici, efficientiste e moderniste inevitabilmente destinato a partorire soluzioni di basso profilo, o meglio nomi proporzionati ai budget ridicoli che le istituzioni pubbliche assegnano al teatro, alla musica, all'arte.

Non c' politica per la cultura in Italia, ma solo scontri provincialissimi e clientelari tra personaggi di secondo piano, perch non ci sono soldi e quei pochi da dividere sono nelle mani incompetenti di governatori, sindaci, assessori, tutti mediamente convinti di poter usare le risorse pubbliche a proprio piacimento. Tornando a noi, in quale paese civile l'avrebbe fatta franca un presidente della Regione che non potendo imporre la rielezione a presidente di una fondazione culturale di un collega di partito, lo nomina commissario col beneplacito del ministero, non senza aver prima minacciato pubblicamente il taglio dei finanziamenti europei? Che dire poi di un concorso bandito da un'altra fondazione per assumere personale di un teatro, le cui procedure e i cui risultati sono ora nelle mani dei magistrati, mentre i vertici resistono aggrappati alla propria reputazione professorale, come se non fosse stata la politica a nominarli a quell'incarico di amministratori non proprio eccelsi, visto il guaio che hanno combinato? O il caso di parlare del futuro sovrintendente del San Carlo, figura che dovrebbe avere qualit taumaturgiche per guarire un malato grave con la bacchetta magica del prestigio internazionale, negli ultimi anni non richiesto, finora mai desiderato e oggi soltanto sbandierato contro i candidati dell'uno o dell'altro?

Le fondazioni culturali campane sono luoghi del commercio clientelare degli amministratori locali, bassifondi frequentati per vezzo o per diletto anche da gentiluomini ( il caso certamente del professor Giannola, il personaggio oggi pi discusso) sedotti dal richiamo mellifluo della politica, molto spesso esperti di procedure, quasi sempre carenti in conoscenza degli ambienti e delle pratiche culturali su cui sono chiamati a sovrintendere. Sono loro le foglie di fico di un potere che fa di peggio solo quando si presenta in prima persona, come oggi accade nel consiglio d'indirizzo del San Carlo con Caldoro e de Magistris a contendersi lo scettro, cio la nomina del futuro sovrintendente. Il sindaco invoca trasparenza delle procedure qui come al Mercadante. Il governatore gli oppone parole non proprio concilianti sul presunto isolamento di Palazzo San Giacomo.

C' aria di rissa. vero. Ma qualcuno pu dire di aver capito quali sono le due diverse visioni culturali in campo? La trasparenza invocata dal sindaco un criterio sufficiente per la scelta della dirigenza dei vertici e del personale delle istituzioni culturali? Le maggioranze nei cda, al momento nella disponibilit del governatore, sono garanzia per decisioni di qualit? Solo a ragionare in questi termini viene l'orticaria. Tutto questo non politica.

D'altronde a Napoli la politica culturale finita quando si sono tagliati i ponti tra le comunit dei teatranti, dei musicisti, degli artisti e il pubblico che si era formato negli anni, o per fingere aperture a un mercato mai visto o per declamare mitologiche partecipazioni dal basso. E quando la politica torner, se mai torner, non dovr cambiare le persone, bens le istituzioni. Tutto il sistema va ripensato. Quel che si dimostrato insopportabile la presunzione di un ceto politico fallimentare che, invocando il fantasma di capitali privati o l'avvento di un'intelligenza collettiva mai vista, ha riempito di s, cio di niente, il vuoto di istituzioni buone solo per privatizzare le poche risorse europee ancora disponibili. E come c' riuscita? Appaltando all'esterno servizi su servizi con procedure di evidenza semipubblica (un po' come accaduto per il concorso al Mercadante), cos impedendo ai giovani di entrare con dignit nel mondo delle imprese culturali, che dalle nostre parti sono tutte finanziate col denaro dei cittadini.

Una politica seria dovrebbe discutere di questo. E cambiare verso, come dicono quelli alla moda. Molti sostengono che il problema pi grave della nostra vita pubblica la scarsa qualit degli uomini a cui si affidano incarichi di responsabilit. quasi sempre vero. Ma ci sono casi, e questo ne uno, in cui le cose che gli uomini fanno sono oggettivamente sbagliate, indipendentemente dalle loro qualit personali. Le fondazioni culturali, che gestiscono solo denaro pubblico, sono luoghi insani. Bisogna metterci le mani. Cambiarle, forse abolirle. Non la loro gestione, ma la loro trasformazione in strumenti nuovi, utili alla collettivit: questa sar la partita di una politica migliore.





news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news