LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Agrigento, museo archeologico a misura dei beb e dei genitori
Isabella Di Bartolo
LA SICILIA Luned 23 Febbraio 2015


Agrigento. Ad Agrigento, il museo archeologico si fa piccolo per ospitare i beb. E trasforma i suoi reperti pi preziosi in peluche. Cos il possente Telamone, la statua dell'Efebo e, ancora, i vasi greci e le lucerne diventano pupazzetti con cui far giocare i visitatori da 0 a 2 anni.
Per la prima volta in Italia, un museo dedicato all'archeologia apre le sue porte anche ai neonati. E propone visite speciali dedicate ai bimbi e ai loro genitori per far percepire sin dalla pi tenera et la magia della storia.
Un esperimento che ha ottenuto successi a Oslo e in Canada - sottolinea Gabriella Costantini, direttrice del museo Ruffo di Agrigento, storica dell'arte e gi soprintendente di Agrigento - e che abbiamo voluto promuovere perch convinti che l'attivit di didattica debba essere tra i compiti principali di un museo. Per questo abbiamo sempre organizzato manifestazioni coinvolgendo le scuole elementari, gli istituti superiori e le universit con progetti ad hoc per gli studenti. E adesso sar la volta dei neonati e dei bimbi fino ai 24 mesi.
Il progetto coinvolge due gruppi per diverse fasce d'et: i bimbi dai 3 ai 9 mesi e quelli dai 9 mesi ai 2 anni, che potranno gattonare o fare i primi passi tra le vetrine museali allestite ad hoc. Le visite saranno dedicate ai beb e ai genitori - prosegue la direttrice del museo Ruffo - poich il coinvolgimento delle famiglie negli approcci culturali dei figli una priorit formativa e sociale. Saranno organizzate letture animate, attivit motorie e intrattenimento musicale all'interno di un'area del nostro museo usata per mostre ed eventi culturali. Il museo un luogo eccellente per creare rapporti emotivi tra genitori, figli e le figure stesse che lavorano all'interno dei percorsi museali, dunque archeologi, storici dell'arte ed esperti. Il progetto nasce dalla consapevolezza che i neonati siano esseri culturali pensanti, come dimostrano gli studi del settore. I bambini gi a tre mesi hanno capacit visive, riescono a distinguere i genitori, le voci, i colori. Riconoscono lo sguardo e il profumo della mamma. Dunque, se sin dalla prima infanzia un essere vivente va al museo e comincia a percepire le ombre, gli oggetti, i colori e i suoni legati ai percorsi tra i reperti antichi; e ancora, stringe tra le mani un pupazzetto che richiama il Telamone di Agrigento o l'Efebo, e poi continua a frequentare questo luogo di cultura anche all'asilo, sempre con percorsi ad hoc, e ancora alle elementari e fino alle scuole superiori, chiaro che il ragazzo sentir il museo familiare. Quasi fosse un pezzo della sua casa. Un pezzo della propria identit.
Questa nuova concezione didattica, sperimentata con mamme e beb al Louvre Lens e al Toledo museum of art ma per i bimbi dai 9 mesi in su, alla base del progetto di Agrigento. Un lavoro finanziamento con i fondi del cosiddetto sbigliettamento, ovvero il 30% degli incassi del museo stesso messi a disposizione dal Comune di Agrigento, oggi commissariato, che ha sposato con entusiasmo l'iniziativa costata meno di 3mila euro.
La prima visita-baby si svolger ad aprile e coinvolger il primo gruppo, mentre da ottobre a novembre sar la volta dei bimbi dai 9 ai 24 mesi che potranno muoversi nella sala allestita per loro tra giochi e musica. A ogni genitore verr consegnato un kit di oggetti per partecipare al tour sotto la guida di un mediatore.
Ci avvaliamo di un esperto sociologo e di una operatrice del settore, esperta di didattica - spiega la direttrice Gabriella Costantini - e metteremo a disposizione il nostro chiostro, il giardino e le sale espositive dove i gruppi potranno muoversi con una guida speciale che offrir anche spunti per attivit creative ispirate ai reperti del museo. I bimbi potranno giocare con i pupazzetti e con i libri gommosi e di stoffa che stamperemo per l'occasione.
Giocattoli dedicati ai tesori di Agrigento che serviranno anche per le letture animate e le attivit di stimolazione sensoriale e motoria, accompagnate dalla musica, che coinvolgeranno i beb. Sar bellissimo osservare le reazioni dei bambini - sottolinea ancora Gabriella Costantini - e anche quelle dei loro genitori. Il nostro museo custodisce un patrimonio importante e rappresenta un simbolo dell'archeologia in Sicilia; il nostro intento stringere un legame con le altre strutture museali della citt, creare una rete per valorizzare nella sua interezza il sistema museale del territorio. In questi anni, ho lavorato in SOPRINTENDENZA dedicando studi, ricerche e restauri utili per mettere a sistema i beni culturali di Agrigento e creare una rete di musei nei centri storici. Il museo, a partire da quello archeologico, deve diventare un luogo vivo, aperto agli incontri culturali come anche la direttiva del governo nazionale e deve essere punto di partenza per un polo museale e culturale del territorio.


23/02/2015



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news