LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TOSCANA - PIANO PAESAGGISTICO. Sul piano del paesaggio spunta il "lodo Rossi"
MASSIMO VANNI
24 febbraio 2015 LA REPUBBLICA



IL CASO


PIANO paesaggistico, entra in campo il lodo Rossi'. Dopo giorni di scontri tra la linea della tutela difesa ad oltranza dall'assessore Anna Marson e quella delle ragioni delle imprese interpretata invece dal Pd toscano guidato da Dario Parrini, il governatore Enrico Rossi annuncia alcune modifiche per mediare tra le posizioni in conflitto. Non un terzo testo. Piuttosto modifiche, anche sostanziali, al testo del maxi emendamento presentato in commissione ambiente da Ardelio Pellegrinotti e dagli altri consiglieri dem. Con l'obiettivo di correggere il Piano Marson adottato a luglio.

Ci sar una versione finale alla quale ho personalmente contribuito, in cui si terr conto sia dell'aspetto di tutela sia dell'aspetto del lavoro, annuncia lo stesso Rossi in vista del vertice della maggioranza regionale convocato per dopodomani. Non sar Rossi a presentare il nuovo testo: sar lo stesso Pd, si tiene a precisare. Ma il risultato quello che conta: Abbiamo fatto un'ulteriore verifica sui punti ancora problematici. Credo che siamo vicini alla soluzione giusta, scrive su Facebook Rossi. Ci sar una versione finale che concilier tutela e lavoro. Il resto sono tutte chiacchiere, politicismi, invettive che sono normali e che noi stiamo governando nel miglior modo possibile , aggiunge.

Dove sta la mediazione? Io voglio regolare le cave. Evitare che abbiano effetti distruttivi sul paesaggio e sull'ambiente. Aumentare il lavoro e l'occupazione , l'intento dichiarato del governatore. E coloro che a cuor leggero si propongono la chiusura devono sapere che, secondo i dati Inps 2012, nelle aziende di natura industriale o del settore lapideo, nella sola provincia di Massa Carrara, lavorano 2.147 dipendenti , avverte il presidente toscano. Senza contare, aggiunge pure, che oltre a questi sono sempre dipendenti dal lapideo una fetta consistente delle attivit del porto di Marina di Carrara, di aziende metalmeccani- che, di commercio di prodotti abrasivi, articoli diamantati, funi, cavi e una quota non trascurabile derivante dal turismo d'affari.

Un totale, fa i conti Rossi, di oltre 5mila addetti: Ecco perch bisogna conciliare il lavoro e l'occupazione con il paesaggio . Cos, se di contro al Piano di luglio, che vieta l'attivit estrattiva nelle zone a parco sopra i 1200 metri, il Pd propone di mantenere il divieto per i crinali vergini e di consentire la prosecuzione dell'attivit di estrazione fino ad esaurimento per i crinali dove gi' ci sono le cave, Rossi pensa a porre regole ulteriori: una valutazione ambien- tale quando l'ampliamento della cava esistente supera il 30%.

Una modifica sostanziale ma solo questa, dice Pellegrinotti. Si sta pero' discutendo anche se la valutazione debba restare a carico dei Comuni o debba arrivare alla Regione. Stop alla rapina selvaggia delle Apuane e l'attivit estrattiva deve essere regolata e valutata per l'impatto ambientale e paesaggistico, dice il governatore. In pi, spiega, ci che viene scavato deve essere lavorato in loco per dare pi occupazione.

Baster il lodo Rossi' a rimettere insieme i cocci? Baster a Marson e al ministero dei beni culturali che, dopo l'ultimo s del Consiglio regionale atteso per il 10 marzo, dovr esprimersi sul Piano toscano? Rossi si visto ieri con Pellegrinotti, il consigliere autore del maxi emendamento. Che poi ha riferito: Abbiamo convenuto che l'emendamento non cambiava molto rispetto al piano adottato. E Rossi ha condiviso con noi che il piano debba essere strumento di salvaguardia dell'ambiente e del paesaggio senza per essere un freno allo sviluppo. Nel caso per giudicasse inaccettabili le modifiche finali, Marson potrebbe dimettersi. Lasciando cos una difficile ipoteca per l'esame conclusivo del ministero.

Nell'attesa di studiare il lodo Rossi', la Rete dei comitati per la difesa del territorio di cui fa parte il critico letterario Alberto Asor Rosa mette nel mirino proprio Rossi. Con parole pesanti, che richiamano quelle della stessa Marson: Con il maxi emendamento del Pd il partito del mattone e del marmo tenta di distruggere il Piano del paesaggio . Un emendamento, insiste la Rete, che ricalca le osservazioni di Forza Italia, riproponendo in chiave regionale il patto del Nazareno' e producendo effetti devastanti per il futuro della Toscana. Una netta opposizione alle modifiche fin qui proposte del Piano di luglio.





news

10-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news