LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Zagrebelsky: "Chi ha pi consenso governi senza provocare fratture"
ILARIA CIUTI
28 febbraio 2015 LA REPUBBLICA



L'INTERVISTA


DAVVERO siamo messi cos male quanto a democrazia?

Siamo nel tempo esecutivo, nel tempo non politico, nel tempo tecnico. Esecutivo significa, tanto per non fare citazioni tirare dritto, governo significa invece confrontarsi. Nell'esecutivo chi non d'accordo un impiccio che deve farsene rapidamente una ragione.

Perch parla di tempo non politico?

La politica il contrario di esecutivo. Procede attraverso il confronto. Nella politica si hanno idee diverse di societ e di giustizia nella societ, ci si confronta, si compete, ci si affronta nelle elezioni per avere consenso nell'applicare un'idea. Mentre il concetto di esecutivo poggia su quello del dato oggettivo che il raggiungimento di equilibri finanziari nella sfera pubblica, in modo che i nostri Stati siano appetibili alla finanza internazionale. Ecco il perch si fanno le riforme, solo per soddisfare questo obiettivo, E cos la parola riforma viene svilita. Un tempo i partiti riformatori le facevano partendo dalle condizioni date per trasformarle. Oggi invece riformare significa tornare indietro, ripristinare. D'altra parte questo il comandamento del tempo tecnico. I tecnici sono conservatori, basti pensare a quelli che vengono a casa, mi si perdoni il paragone. Vengono per accomodare, ripristinare: come succede oggi in politica.

Proprio in epoca di rottamazioni?

Facciamo un esempio. La riforma del lavoro un ritorno all'800. Si riduce lo stato sociale, si riducono le gala ranzie di lavoratori lasciati soli di fronte al potere del datore di lavoro. Il Jobs Act, con la riforma dei licenziamenti mette il lavoratore dipendente a disposizione delle decisioni del datore di lavoro. La stessa parola mercato del lavoro rovescia i principi della Costituzione che considera il lavoro come nucleo fondamentale della dignit di una persona e che dunque non pu essere una merce spendibile sul libero mercato: crolla il mercato e hai peggiori condizioni di lavoro. La Costituzione non parte dall'economia ma dal lavoro. Considera i lavoratori come la parte debole nei confronti del datore di lavoro e dunque stabilisce che siano tutelati con politiche collettive e dal diritto di sciopero. Invece ancora prima del Jobs Act si fatta una norma, forse ancora peggiore, che ha praticamente reso nullo il valore dei contratti collettivi di lavoro nazionali trasferendolo ai contratti di prossimit, dove il lavoratore si trova solo in azienda davanti a chi ha pi potere di lui. Mentre il Jobs Act gli toglie anche il diritto di sciopero. I datori di lavoro chi licenzieranno? Chi fa sindacato, chi sciopera e dunque lo si potr minacciare: se scioperi ti licenzio La riforma del lavoro sarebbe secondo lei incostituzionale?

Non nei termini di norma contro norma, forse. Ma sicuramente in quelli di filosofia generale, basti pensare agli degli articoli 1 e 4. Se fossi ancora presidente della Consulta non ci dormirei la notte, in ballo il destino di milioni di persone.

E la riforma elettorale?

Cosa ci sia esattamente nel patto del Nazareno non si sa ma sicuramente ci sono la legge elettorale e la riforma della Costituzione. Si tratta di un patto tra due sole persone mentre sono temi che si possono affrontare solo attraverso la democrazia partecipativa, perch la Costituzione si pu cambiare ma di tutti non di pochi. N vale dire che le riforme vengono approvate da un parlamento cui si dice o sei d'accordo o ti sciogli. Cos diventa solo un organo di registrazione, per esempio di una legge elettorale il cui vanto sarebbe che la sera sapremo chi ha vinto', come la si propaganda. Non ci sono vincitori e vinti in politica ma un partito che ha pi consenso e dunque anche oneri maggiori, come governare e farlo senza provocare fratture. Chi ne ha meno ha l'onere di collaborare criticamente. Se adesso vediamo il parlamento per met deserto, penso, pur non approvando gli aventiniani, che la maggiore responsabilit sia della maggioranza. Chi ha pi consenso deve decidere ma non schiacciare chi non ce l'ha.

Una deriva autoritaria?

Un'oligarchia in cui comandano pochi, quelli che stanno in alto, spesso una plutocrazia finanziaria. Una dittatura del presente e della necessit che ha provocato un distacco dalla politica peggiore da quella provocata dalla corruzione.

In Toscana il piano del paesaggio ha fatto discutere tra difesa del paesaggio e interessi economici.

Come risolvere?

La mediazione sempre e comunque la strada maestra.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news