LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Borgata, il Caravaggio non basta S a mini-musei a costo zero
isabella di bartolo
LA SICILIA Venerd 27 Febbraio 2015 Siracusa


Oltre al rientro dell'opera da Ortigia servono collegamenti, servizi e idee per un turismo religioso


Non solo Caravaggio per il rilancio della Borgata. Il rientro del capolavoro dipinto da Michelangelo Merisi nel 1608 per l'altare maggiore della Basilica di Santa Lucia extramoenia, infatti, da solo non basterebbe per ridare lustro al secondo rione storico della citt.
Ne convinta Mariella Muti, ex soprintendente ed ex assessore comunale alle Politiche culturali che interviene nel dibattito per la rinascita della Borgata. All'indomani della petizione popolare lanciata dal'associazione Democratici per la citt di Mariarita Sgarlata, e sposata in pieno dalla circoscrizione, per il ritorno del capolavoro di Caravaggio dalla chiesa della Badia di Ortigia alla Borgata, si sono riaccesi i riflettori sul quartiere abbandonato.
L'idea di riportare il Caravaggio nella sua Basilica bellissima - dice l'architetto Muti - e riprende gli sforzi del passato. Quando, nel 2006, riuscimmo a riportare l'opera dal museo Bellomo alla Borgata fu una grande impresa ma sono ancora adesso sempre pi convinta che fosse l'operazione culturale giusta. Un obiettivo per il quale ci siamo impegnati sfidando luoghi comuni e posizioni di intellettuali contrari al rientro dell'opera. Per questo adesso che il quadro si trova in Ortigia, mi affianco alla battaglia di chi vuole riportarlo a casa: alla Borgata.
Negli ultimi 40 anni non c' stata pace per il Caravaggio. Era il 1971 quando l'opera venne trasferita da Siracusa all'Istituto centrale del Restauro di Roma per un lungo restauro conclusosi nel 1984: data in cui il dipinto ha fatto ritorno in citt. Non pi alla Borgata bens al museo Bellomo dove il "Seppellimento di Santa Lucia" stato esposto per 19 anni fino ai lavori di restauro del museo. Da allora, la preziosa tela stata ospite d'onore di esposizioni di rilievo tra cui persino una mostra in occasione della notte Bianca di Roma. E ancora Napoli, Torino, al palazzo Reale di Milano dove rimasta fino al marzo del 2006 quando il quadro tornato in Sicilia, a Palazzo Abatellis, in mostra per un mese nel capoluogo palermitano.
Dopo 35 anni di attesa, Siracusa ha riaccolto il capolavoro caravaggesco nel 2006. Era il 19 maggio e il rione di Santa Lucia festeggiava il rientro del suo capolavoro.
Fu un evento - dice Mariella Muti - preceduto da lavori delicati per la messa in sicurezza del catino absidale e la disposizione di un sistema di monitoraggio, tutto finanziato da uno sponsor privato. Qui il quadro rimasto fino all'avvio dell'intervento di consolidamento strutturale della Basilica extramoenia che ha comportato il trasferimento del Caravaggio nella chiesa di S. Lucia alla Badia. Secondo le ultime notizie, la SOpRINTENDENZA in sinergia con la Curia starebbe lavorando all'accordo per il rientro del quadro alla
Borgata. Tuttavia vi sarebbero pressioni affinch il quadro restasse in Ortigia per ragioni di opportunit turistiche, diciamo cos. L'opera protagonista di una gestione delicata: essendo un bene di propriet del Fec (Fondo edifici di culto) gestito dalla Prefettura su diretta competenza del ministero dell'Interno. Ma la sua tutela, come ogni patrimonio culturale, compete alla SOpRINTENDENZA.
Di certo l'opera deve rientrare - dice l'architetto Muti - ma occorre anche altro. Subito dopo il suo rientro, nel 2006, infatti ci siamo resi conto che il boom turistico sperato non ci sarebbe stato. La ragione legata al fatto che da anni i flussi dei visitatori sono sempre gli stessi e escludono la Borgata: i turisti arrivano al parco della Neapolis e da qui si recano poi in Ortigia, solo una minima parte va a visitare il museo "Paolo Orsi". Alla luce di questo, il problema che non basta riportare il Caravaggio ma promuovere un flusso turistico che da Ortigia arrivi alla Borgata e invogliare i visitatori a proseguire il tour all'interno del secondo centro storico aretuseo sfruttando un tesoro immenso: Santa Lucia. La nostra Patrona infatti tra le pi venerate al mondo. Il suo culto radicato e sentito in Argenitina, in Svezia oltre che nel nord Italia. Dunque sarebbe bello immaginare un turismo religioso attorno alla Borgata. E questo potrebbe anche intercettare i pellegrini che si recano al Santuario della Madonna delle Lacrime.
L'idea potrebbe essere quella di ampliare l'offerta turistica della Borgata con le catacombe - dice Mariella Muti - e le altre bellezze del rione. Certo, questo significherebbe in termini pratici garantire i servizi a partire dalla sistemazione della piazza, alla regolamentazione del parcheggio e ai collegamenti con gli altri luoghi turistici, Ortigia in primis. Una sfida che dovrebbe vedere insieme pubblico e privato.
E da qui l'appello all'amministrazione comunale, alla Curia, alla deputazione di Santa Lucia e alle associazioni culturali interessate. Ma anche ai cittadini e ai tanti collezionisti - dice ancora l'ex soprintendente - che potrebbero entrare in campo per una gestione nuova del turismo alla Borgata. Sarebbe suggestivo, per esempio, creare le "case di Lucia" sfruttando i locali della Borgata per esposizioni di ex voto e tutto ci che rievoca la Patrona, una sorta di mini-musei a costo zero.


27/02/2015



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news