LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LIVORNO - Bottini dell'Olio: museo pronto eppure chiuso
di Riccardo Pasquinelli
23 marzo 2015 IL TIRRENO



L'apertura, prevista inizialmente per inizio 2015, slitter almeno fino alla fine di quest'anno. Per lallestimento il Comune mette 800.000 euro, serve un altro milione e mezzo (chiesto alla Regione)

LIVORNO. Ormai fatta. O meglio: sembrerebbe fatta. Gli operai stanno smontando il cantiere e gli ambienti che ospiteranno il nuovo Museo della citt e la Biblioteca Labronica in piazza del Luogo Pio sono praticamente pronti dopo circa due anni di lavori. Ma lapertura per adesso un punto interrogativo. Fine anno o forse inizio 2016, dice lassessore alla cultura Serafino Fasulo.

SETTE MILIONI DI SPESA. Fu il sindaco Cosimi all'inizio del 2013 a porre la prima pietra dell'opera, finanziata per buona parte da fondi europei arrivati attraverso i piani integrati di sviluppo integrato sostenibile (Piuss) della Regione, che in citt hanno messo in campo ben 26 milioni di euro. Come si vede si tratta di una somma molto elevata che comprende la ricostruzione della Dogana d'acqua (anche quella ormai praticamente ultimata) e dello Scoglio della Regina e gli interventi di rivitalizzazione di Borgo Cappuccini attraverso il sistema dei totem interattivi, come noto gi fallito.

Speriamo che vada meglio al Luogo Pio dove sono stati impegnati pi di 7 milioni di euro, di cui quasi 3 reperiti dal Comune, per costruire un Polo culturale (museo pi biblioteca) che rappresenta un'autentica sfida per la nuova amministrazione civica.

LAVORI IN ORARIO. I lavori sono stati conclusi nei tempi dovuti, non ci sono stati particolari ritardi n risultano difficolt durante la loro esecuzione: una volta tanto tutto filato liscio consentendo di incassare il finanziamento europeo che in caso di gravi rinvii sarebbe stato ritirato. Segno evidente che se ci sono regole precise e un po' di rigore le cose si fanno.

E qui molto stato fatto. Il cantiere stato affidato alle imprese Societ edilizia Tirrena di La Spezia, Iteci di Livorno, Impianti industriali di Pisa che hanno lavorato sul progetto definitivo degli architetti Di Pietrantonio e Lessi mentre l'allestimento museale dello studio associato Guicciardini e Magni di Poggibonsi.

STRUTTURA PRONTA MA... La struttura pronta, gli arredi sono gi in allestimento, dice Fasulo. Sono stati restaurati i Bottini dell'olio e la chiesa del Luogo Pio, e costruiti nuovi spazi. Ora il cantiere sta chiudendo ed entro giugno si prevedono i collaudi per rendere agibile il complesso.

Quando l'apertura? Questa la grande domanda: in realt secondo le previsioni fatte nei mesi scorsi, il nuovo Polo avrebbe gi dovuto essere in funzione in questo inizio 2015, poi stato deciso di rinviare tutto. Andremo a fine anno o allinizio del 2016 - dice lassessore -. Proprio in una delibera di giunta di questi giorni stato confermato lo stanziamento di oltre 800mila euro per il primo lotto finalizzato allallestimento del museo. Ma molti di quei soldi derivano da oneri di urbanizzazione e dunque non sono spendibili immediatamente, ma lo saranno solo a fine anno.

Loperazione di allestimento stata suddivisa in due lotti. Il primo di 820mila, il secondo, pi importante, di quasi un milione e mezzo, per il quale si busser alle casse della Regione, la quale - sottolinea Fasulo - si detta disponibilissima a venirci incontro. Sono venuti a vedere il museo e si sono mostrati entusiasti. Ad ogni modo - aggiunge lassessore - il primo lotto sar sufficiente ad aprire il museo.

COSA RESTA DA FARE. Cosa c da fare? Oltre ai collaudi, c' da finanziare lo spostamento dei libri nei nuovi locali della biblioteca, da trasferire le collezioni storiche e d'arte dai magazzini in cui giacciono da decenni al museo dove finalmente saranno esposte al pubblico, da completare alcuni arredi. Dal punto di vista edilizio rimane da decidere la sistemazione finale del piazzale tra l'ex chiesa, i Bottini e il canale di viale Caprera, un ampio cortile, che comunque destinato a rimanere libero e non compreso nell'appalto generale, da cui si acceder al Polo culturale.

IL PROBLEMA DELLA GESTIONE. In realt il problema vero far funzionare una struttura cos importante. Con i costi conseguenti, molto impegnativi per il Comune in un periodo di vacche magrissime. Quanto personale, quali uscite richieder il museo? I nuovi amministratori non ne parlano volentieri ma dicono due cose: che le risorse per garantire l'apertura e la continuit ci sono anche grazie a un forte interessamento della Regione, che quasi tutti i musei del mondo - Louvre compreso - sono in perdita e che quindi lo Stato e gli enti pubblici devono trovare i fondi per farli funzionare. Quello che conta - aggiungono in Comune - sono la valorizzazione dell'immagine della citt e l'indotto. Il museo deve essere una risorsa per attrarre visitatori nel centro di Livorno, crocieristi in primis. E' questa la sfida, ci riusciremo?

Finora il museo Fattori di villa Mimbelli, nonostante il suo valore, non ha dato un significativo contributo in questo senso (pi di 500mila euro di spese annue a fronte di neanche 30mila di incassi...), speriamo che i rinati Bottini dell'olio e la nuova amministrazione riescano a fare di meglio per coprire un po' di pi i costi della struttura con un adeguato flusso di utenti e positive forme di gestione dei servizi.



news

05-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 5 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news