LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bologna. «Il Nettuno, metafora di questa Italia»
P. D. D.
Corriere di Bologna 25/3/2015

Carandini, presidente del Fai: «Sulla manutenzione non si specula, sui restauri sì»

Andrea Carandini, presidente nazionale del Fai, parla in un’intervista al Corriere dello stato del Nettuno e dice che la Fontana è «la metafora dell’Italia». E che «siamo l’unico Paese europeo che prima fa i restauri e poi li abbandona».
E poi l’affondo: «Non dimentichiamo che con la manutenzione si guadagna poco ed è facile da controllare, per cui è difficile essere disonesti. A contrario di quanto accade con i restauri. Noi del Fai siamo pronti a vigilare».

Le sofferenze del Nettuno e della sua fontana vanno ormai considerate una questione che travalica i confini cittadini. Il Gigante rimasto quasi all’asciutto è lo specchio di come i beni culturali e paesaggistici vengono trattati nel nostro Paese. Non ha dubbi in proposito Andrea Carandini, già Presidente del Consiglio Superiore dei Beni Culturali dal 2009 al 2012 e oggi Presidente del Fai, il Fondo Ambiente Italiano.
Professor Carandini, cosa pensa dello stato del Nettuno?
«Credo che il destino di questa statua simboleggi quello di tutto il patrimonio culturale italiano. Siamo l’unico Paese europeo dove prima si fanno i restauri e poi si abbandonano»
In che senso?
«Se non si fa manutenzione delle cose restaurate, anche il restauro è destinato a diventare una rovina. E poi non ci si stupisca che le statue si degradano. Se non si volevano spendere cifre costosissime bisognava solo fare una regolare manutenzione»
Il restauro del Nettuno non ha nemmeno trent’anni…
«Ed è stato fatto da un grandissimo restauratore che avete a Bologna come Giovanni Morigi. Se in seguito fosse stata fatta una revisione annuale o anche solo biennale, con una manutenzione programmata, si sarebbe spesa una cifra ridicola».
Chi doveva fare qualcosa?
«È la logica a essere completamente sbagliata, perché si restaura ciò che è decadente, ma se poi non lo si cura la decadenza torna, occorre di nuovo un restauro e si ricomincia da capo. Il Ministero dei Beni culturali e i Comuni dovrebbero capire che più che di operazioni chirurgiche c’è bisogno di prevenzione.
I bolognesi sono preoccupati.
«Li capisco, anche perché oggi ci sono molti meno fondi. Ma il punto resta che si tende ad agire solo quando l’opinione pubblica si allarma. Ma se lei avesse una persiana che non si apre o una grondaia bloccata, non chiamerebbe subito qualcuno per provvedere?
Il Fai cosa ha intenzione di fare?
«Di sicuro noi guardiamo con attenzione a quanto accade e siamo pronti a vigilare perché venga fatto tutto nel modo migliore. A questo punto direi con un nuovo restauro necessario, magari fatto da Morigi, e cambiando poi registro»
In che modo?
«Ma è possibile che la più importante fontana di Bologna, forse la più rilevante in Italia, sia precipitata nelle condizioni in cui si trova senza che nessuno intervenisse? Un monumento simile un minimo di manutenzione se la meriterebbe, o no?
L’attenzione accesa dall’Expo può aiutare?
«Guardi, l’Italia ama la vetrina e invece bisognerebbe curare il nostro patrimonio culturale come si fa con il proprio corpo»
Vale a dire?
«Lo sa che ci sono degli Stati che non pagano per la cura degli obesi perché con i propri comportamenti alimentari errati arrecano un danno a loro stessi ma anche a tutta la collettività? Bisogna mantenersi bene e poi se ci sono problemi di salute lo Stato aiuta. Si dovrebbe fare lo stesso con i beni culturali. E poi, posso essere franco?
Prego, dica pure.
«Non dimentichiamo che con la manutenzione si guadagna poco ed è facile da controllare, per cui è più difficile essere disonesti. Al contrario di quanto accade con i restauri, che pure a volte sono necessari».
Come nel caso del Nettuno, ormai.
«Stiamo parlando di una fontana preziosissima nella piazza più grande della città. Ma come si fa a non accorgersene per tempo? Di sicuro non bisognava arrivare a questo punto e in futuro non si dovrà più ripetere lo stesso errore.



news

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

Archivio news