LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Stelvio provinciale: norma approvata
Tristano Scarpetta
Corriere del Trentino 26/3/2015

Parco, il ministero avr potere di veto sui piani di Lombardia e Trentino Alto Adige

La norma di attuazione che sancisce la provincializzazione del Parco nazionale dello Stelvio stata approvata ieri allunanimit dai Dodici. Ora manca solo il via libera del consiglio dei ministri. La mediazione stata trovata prevedendo che i piani e i regolamenti predisposti dalle Provincie di Trento e Bolzano e dalla Regione Lombardia debbano sottostare al parere vincolante del ministero dellAmbiente.

TRENTO Salvo ripensamenti da parte del consiglio dei ministri, liter di provincializzazione del parco dello Stelvio si finalmente concluso. Con voti unanimi, ieri la Commissione dei dodici ha licenziato il testo definitivo che prevede, tra le altre cose, lassunzione del personale da parte delle due Provincie autonome e della Regione Lombardia. A sbloccare lo stallo creatosi nei mesi scorsi il diritto di veto del Ministero sui piani di Trentino, Alto Adige e Lombardia. Soddisfatto il presidente della commissione Lorenzo Dellai: un atto di responsabilit dellAutonomia.
Dato il tempo trascorso tra lintestazione formale della competenza sul Parco (fine 2009 con il patto di Milano) e la norma di attuazione approvata ieri in Commissione, forse opportuno riprendere per sommi capi il contenuto dellaccordo. In sintesi, le Provincie di Trento e Bolzano assumono le funzioni di gestione del Parco nazionale dello Stelvio. Milano, per lesercizio delle medesime funzioni, opera in coordinamento con le due Province autonome tramite intesa. Per la cronaca, gli oneri annui sostenuti fino al 31 dicembre 2013 dallo Stato (5.492.0000 euro) saranno a carico delle sole Province di Trento e Bolzano, anche con riferimento al territorio della Regione Lombardia. Lo Stelvio, insomma, rientra nelle spese che Trento e Bolzano si accollano come compartecipazione al risanamento dei conti pubblici.
Per quanto riguarda il personale, i dipendenti pubblici con rapporto di lavoro a tempo indeterminato sono inquadrati nei ruoli rispettivamente delle Province autonome e della Regione Lombardia. Discorso analogo per i contratti a termine, fino alla loro naturale scadenza, sulla base dellambito territoriale in cui viene prestata in modo prevalente lattivit lavorativa dei dipendenti interessati. Avendo Trento il maggior numero di dipendenti, provveder entro un anno ad attivare procedure concorsuali pubbliche disciplinate dal proprio ordinamento, prevedendo nei bandi il riconoscimento dellesperienza maturata da parte del personale gi dipendente al 31 dicembre 2013 dal consorzio Parco nazionale dello Stelvio da almeno dieci anni in esito a procedure diverse da quelle previste per laccesso al pubblico impiego. In sostanza, chi gi lavora per il Parco, anche se assunto a chiamata, avr ottime probabilit di conservare il posto di lavoro.
Laspetto su cui si pi discusso in questi anni e, in particolare, negli ultimi mesi, per il pericolo dello smembramento di una parco che nazionale rischia di rimanere solo di nome. In altre parole, come fare in modo che tre gestioni separate e molto vicine agli interessi locali possano garantire una conduzione unitaria del Parco ed evitare di seguire ciascuno la propria strada? La soluzione stata quella di prevedere un comitato di controllo e di indirizzo. Ne faranno parte un rappresentante di Trento, uno di Bolzano, uno di Milano, uno del ministero dellAmbiente, tre per i Comuni dei tre diversi territori, uno delle associazione ambientalista maggiormente rappresentativa e uno dellistituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra). Il problema, si per fatto notare, quale potere reale avr tale comitato. Ieri stato approvato il compromesso: le proposte di piano e di regolamento che saranno predisposti da ognuno dei tre territori saranno sottoposte a parere preventivo e vincolante del Ministero, che potr cos verificarne anche la coerenza con le indicazioni del comitato.
Si trattava commenta Dellai di una previsione che era gi implicita nella precedente formulazione della norma. Ora labbiamo resa esplicita. Rappresenta un passaggio importante, direi un atto di responsabilit e di maturit da parte dellAutonomia. Per il senatore Francesco Palermo, invece, il testo stato modificato significativamente ed un evidente compromesso: gestione a Province e Lombardia, indirizzo congiunto con potere di veto del Ministero. In pi i vari riferimenti alla normativa nazionale ed europea dovrebbero rappresentare ulteriori garanzie e aprire a sviluppi futuri rispetto ad una europeizzazione del parco. Staremo a vedere. Soluzione di compromesso che, alla fine, risultata accettabile per tutti. Lauspicio commenta il senatore Franco Panizza che dopo tutto questo lavoro la norma dattuazione venga presto approvata.



news

27-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 27 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news