LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MESSINA-Galleria Vittorio Emanuele. Lesperto del sindaco: disattese le esigenze di decoro e di valorizzazione dei pi importanti monumenti della citt
Eleonora Urz
www.messinaora.it, 27/03/2015

Scrive a sindaco, ad assessori competenti (commercio, cultura e patrimonio) e al presidente della IV circoscrizione, Davide Rizzo, esperto del sindaco per la progettazione culturale strategica, denunciando come da troppo tempo siano disattese le esigenze di decoro e di valorizzazione riguardanti alcuni tra i pi importanti monumenti della citt situati nellarea del centro storico. Tra questi, ovviamente, tra gli altri, spicca anche la Galleria Vittorio Emanuele III, sotto i riflettori, negli ultimi tempi, per via delle condizioni di degrado in cui versa, le rimostranze degli imprenditori a cui il Comune non concede il suolo per gli allestimenti e in merito alla quale i consiglieri Lo Presti e Zuccarello, appena qualche giorno addietro, avevano presentato in aula un atto di indirizzo bocciato dai colleghi.

Correva lanno 2012 quando il Ministero per i beni e le attivit culturali ( si veda Gazzetta Ufficiale del 9 novembre 2012) imponeva agli Uffici della Soprintendenza di effettuare una ricognizione dei complessi monumentali e di impartire le linee di intervento alle amministrazioni locali: () al fine di contrastare lesercizio, nelle aree pubbliche aventi particolare valore archeologico, storico, artistico e paesaggistico, di attivit commerciali e artigianali (.) nonch di qualsiasi altra attivit non compatibile con le esigenze di tutela del patrimonio culturale ().

Si rende necessario raccordare le esigenze di decoro del centro storico con lo sviluppo delle attivit commerciali, contrastare il degradarsi di tale area ed evitare la proliferazione di quelle attivit ambulanti di varia natura che finiscono con il danneggiarne lassetto, esordisce Rizzo.

Sono diversi gli aspetti da considerare in premessa, dalla questione della compatibilit tra le attivit commerciali allaperto e ambulanti alle esigenze di tutela e di adeguata qualit della valorizzazione del patrimonio culturale; [] lesercizio diffuso e talora incontrollato di attivit commerciali e talvolta ambulanti nellambito di aree pubbliche aventi particolare valore archeologico, storico, artistico e paesaggistico, specie in quelle contermini ai complessi monumentali e agli altri immobili del demanio culturale interessati da flussi turistici particolarmente rilevanti. Il consulente mette in evidenza il fatto che lesercizio delle attivit sopra menzionate pu determinare la compromissione delle esigenze di tutela del patrimonio culturale, in quanto potenzialmente confliggente, oltre che con la corretta conservazione e protezione, anche con la salvaguardia dellaspetto e del decoro dei beni e del significato culturale da essi espresso e rappresentato. Senza trascurare che lo svolgimento di attivit non compatibili pu impedire di assicurare livelli di valorizzazione qualitativamente adeguati allo straordinario valore dei beni interessati, con effetti pregiudizievoli anche sullo sviluppo e la promozione del turismo culturale. Non si dimentichino i lavori del Progetto di Valorizzazione partecipata sulla Galleria Vittorio Emanuele III, che il Servizio Valorizzazione del Patrimonio Storico, Artistico e Culturale del Comune di Messina sta conducendo; n che la disposizione in oggetto, attribuisce la competenza a individuare le aree pubbliche di valore culturale, ove vietare o limitare lesercizio del commercio, esclusivamente allamministrazione comunale; salvo prevedere un parere del Soprintendente.

Scopo della missiva dunque sollecitare all individuazione di aree pubbliche aventi valore archeologico, storico, artistico e paesaggistico nelle quali vietare o sottoporre a condizioni particolari lesercizio del commercio ex art. 52 del D.Lgs. n.42/2004, tra le quali viene indicata per lappunto proprio la struttura di Piazza Antonello. La proposta poggia su un cospicuo complesso normativo, specifica lo scrivente. In merito alla questione commercio, precisa come con le deliberazioni previste dalla normativa in materia di riforma della disciplina relativa al settore, i comuni, sentito il soprintendente, individuano le aree pubbliche aventi valore archeologico, storico, artistico e paesaggistico nelle quali vietare o sottoporre a condizioni particolari lesercizio del commercio. (comma cos modificato dallart. 2 del d.lgs. n. 62 del 2008) 1-bis. Al fine di contrastare lesercizio, nelle aree pubbliche aventi particolare valore archeologico, storico, artistico e paesaggistico, di attivit commerciali e artigianali in forma ambulante o su posteggio, nonch di qualsiasi altra attivit non compatibile con le esigenze di tutela del patrimonio culturale, con particolare riferimento alla necessit di assicurare il decoro dei complessi monumentali e degli altri immobili del demanio culturale interessati da flussi turistici particolarmente rilevanti, nonch delle aree a essi contermini, le Direzioni regionali per i beni culturali e paesaggistici e le soprintendenze, sentiti gli enti locali, adottano apposite determinazioni volte a vietare gli usi da ritenere non compatibili con le specifiche esigenze di tutela e di valorizzazione, comprese le forme di uso pubblico non soggette a concessione di uso individuale, quali le attivit ambulanti senza posteggio, nonch, ove se ne riscontri la necessit, luso individuale delle aree pubbliche di pregio a seguito del rilascio di concessioni di posteggio o di occupazione di suolo pubblico.

Cosa significa concretamente valorizzare il patrimonio culturale? Incentivare lattivit diretta a promuovere la conoscenza del patrimonio culturale e ad assicurare le migliori condizioni di utilizzazione e fruizione pubblica del patrimonio stesso e per la tutela dei beni culturali immobili, la norma prevede che si assegni al Ministero la () facolt di prescrivere le distanze, le misure e le altre norme dirette ad evitare che sia messa in pericolo lintegrit dei beni culturali immobili, ne sia danneggiata la prospettiva o la luce o ne siano alterate le condizioni di ambiente e di decoro. Pertanto, gli enti pubblici territoriali interessati recepiscono le prescrizioni medesime () negli strumenti urbanistici ().

Inoltre, spiega Rizzo, la regola vuole che in attesa della revisione dellart. 41 della Costituzione Comuni, Province Regioni e Stato () adeguano i rispettivi ordinamenti al principio secondo cui liniziativa e lattivit economica privata sono libere ed permesso tutto ci che non espressamente vietato dalla legge nei soli casi di: () d) disposizioni indispensabili per la protezione della salute umana, la conservazione delle specie animali e vegetali, dellambiente, del paesaggio e del patrimonio culturale; e continua evidenziando come costituisca principio generale dellordinamento italiano, la libert di apertura di esercizi commerciali sul territorio senza contingenti, limiti territoriali o altri vincoli di qualsiasi altra natura, esclusi quelli connessi alla tutela della salute, dei lavoratori, dellambiente, ivi incluso lambiente urbano e dei beni culturali.



news

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

05-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 5 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news