LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il Museo civico archeologico di San Paolo di Civitate (FG)
Maria Paola Porcelli
Corriere del Mezzogiorno, 29-03-2015

Questa la storia di un'inaugurazione, dell'apertura al pubblico non solo per una manciata di giorni e non solo di un segmento di un museo. E speriamo sia anche la storia di una rinascita. Potr anche essere la storia di antichi splendori e vivacit ed orgogli che tornino ad animarsi. Siamo a San Paolo di Civitate, tanta voglia di costruire futuro per poco meno di 6000 abitanti e scuole fino alle medie inferiori; collegamenti assicurati quasi ogni ora tra pulman e treni con Foggia che dista circa 40 chilometri e l'uscita autostradale di San Severo a 12.
L'inaugurazione quella del Museo civico archeologico, il 30 marzo prossimo alle 17, presso l'ex Convento di sant'Antonio in piazza Padre Pio, spazio multifunzionale- con affreschi seicenteschi- pronto ad ospitare al piano terra anche esposizioni temporanee (tel. 0882. 553078; cultura@comune.sanpaolodicivitate.fg.it).
Accanto al Sindaco Generoso Perna ed all'archeologa Giovanna Pacilio, responsabile ministeriale per quest'area della Daunia, saranno presenti, tra gli altri, Pietro David del Segreteriato generale del Ministero dei Beni e delle attivit culturali e del turismo, il Segretario regionale del MIBACT per la Puglia, Eugenia Vantaggiato, Fabrizio Vona e Luigi La Rocca, rispettivamente neo Direttore del Polo museale e Soprintendente per i Beni archeologici della Puglia.
Oltre i confini del Mezzogiorno d'Italia, avendo a disposizione un patrimonio simile a quello presente in questo comprensorio del foggiano, si costruiscono file di visitatori paganti e poi anche corner con gadgets, progetti editoriali e si porta linfa ad indotti vari, alberghi e ristoranti compresi.
Speriamo accada anche in questo caso.
Che cosa c' di straordinario qui a San Paolo, archeologicamente parlando (perch tra l'altro siamo a meno di un'ora dallo splendido Gargano)?
Tra tutto quanto ci hanno descritto e raccontato la Pacilio e Raffaella Corvino, archeologa comunale responsabile dei servizi museali, questo museo civico che sta per spalancare le porte al pubblico in quella che fu la Tiati daunia e la Teanum Apula romana con la mostra TIATI. Membra disiecta. Frammenti di vita di un insediamento di frontiera tra VII e III sec. a.C., suscita grande curiosit ed interesse per il fatto che in una sua sala al primo piano per la prima volta saranno esposti al pubblico reperti provenienti dalla Tomba dei capitelli ionici, databile agli ultimi decenni del IV sec. a.C..
Uno straordinario unicum storico- archeologico questo monumento funerario scoperto a 4 Km dall'attuale abitato di San Paolo dove son stati trovati anche altri monumenti funerari come la Tomba degli ori, databile fra fine IV e III sec. a.C..
Ma torniamo alla tomba dei capitelli ionici la cui campagna di scavo, diretta dalla Pacilio, ha restituito un ipertesto che racconta in modo sorprendente tanta parte di vita quotidiana di un lite aristocratica attraverso il ricchissimo corredo funerario, le varie tipologie di frammenti ceramici, in alabastro o bronzo a testimoniare perfino dei trucchi usati dalle sue donne dall'orgoglio daunio, fard ed unguenti compresi; e che proprio dell'essere questo comprensorio terra di osmosi e scambi tra il contesto campano- sannita e quello daunio, tra costa tirrenica e l'asse fluviale Volturno- Calore- Tamarro e Fortore e quindi Adriatica, limpidamente testimonia.
Il riferimento, spiega in particolare la Pacilio, va alle tombe a camera capuane e cumane a doppio spiovente del IV secolo a. C. delle famiglie aristocratiche campane e sannite (per le pitture figurate con l'uso di un colore rosso vivo) ma qui a San Paolo con la contaminazione di elementi di altre tradizioni, come le colonne dai capitelli di tipo ionico- tuscanico, appunto, o la trave centrale nel punto pi alto della volta, presente anche nelle tombe a camera di contesti etruschi.
E visto che il monumento funebre non ancora visitabile per motivi di sicurezza, si pensato di proiettare nelle sale del museo un filmato 3D che renda lo stato dei luoghi, con visita e ricostruzione virtuali.
Nel nuovo museo sar anche esposto, per esempio, un sigillo in calcedonio scaraboide con incisa l'immagine di un grifo ad ali spiegate (scelta come logo del museo) che ben racconta l'importanza dei commerci perfezionatisi in quel secolo nel comprensorio della daunia Tiati. Accanto, molti altri documenti che svelano la continuit millenaria di occupazione di queste terre da parte di insediamenti di diverse culture ed etnie: acquisirono ricchezze e potere proprio grazie al loro abitare una terra di mezzo, tra vie naturali di comunicazione.
Riuscir questo Comune a ritrovare antiche vene? Vogliamo credere di s. Le energie sembrano davvero schierate. Il POIn Attrattori Culturali, naturali e del Turismo (FESR 2007-2013) aveva consegnato al Comune di San Paolo 736.000 euro (e molti altri ne ha elargiti per musei di altri piccoli Comuni pugliesi che stanno per aprire anche grazie a POIn successivi, Sindaci lungimiranti e Soprintendenze efficientissime); tutti i lavori qui sono stati realizzati e da adesso vale. Colpita dal sisma dell'ottobre del 2002, San Paolo ora ci prova.



news

04-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 4 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news