LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Un Parco, tre gestori: il caso dello Stelvio diviso
Leonard Berberi
Corriere della Sera 29/3/2015

La proposta di spartirlo fra Trento, Bolzano e Lombardia. Giulia Maria Crespi: Gigantesco passo indietro

Un parco, tre responsabili. E un appello al presidente del Consiglio Matteo Renzi: Non ratifichi quellaccordo.
Gli ambientalisti sono sul piede di guerra. Mercoled una speciale Commissione dei dodici (composta da rappresentanti di Stato e Province autonome) ha approvato allunanimit la proposta di norma di attuazione che prevede il trasferimento delle competenze del Parco nazionale dello Stelvio alle due Province di Trento e di Bolzano e alla Regione Lombardia, cio i territori su cui si estende. Ora la palla passa al governo per ladozione del decreto legislativo e al capo dello Stato per lemanazione.
Laccordo mette finalmente in capo alle Province autonome le competenze di una porzione del nostro territorio che erano nelle mani dello Stato centrale, costituendo unanomalia rispetto alle prerogative di Trento e Bolzano, spiega il senatore Franco Panizza, uno dei componenti della commissione. Si apre una nuova stagione che valorizzer il ruolo e lautonomia dei territori, dice Ugo Rossi, presidente della Provincia autonoma di Trento.
Ragionamenti che non piacciono alle associazioni ambientaliste. Anzi. inaccettabile dividere in tre parti separate il parco, dice Giulia Maria Mozzoni Crespi, presidente onorario del Fai (Fondo ambiente italiano). Ci chiediamo quale sia il senso di unoperazione che rappresenta un gigantesco passo indietro per la tutela della natura e del paesaggio in una delle aree pi preziose delle Alpi. Se non resta unitaria la gestione, vuol dire che siamo arrivati al capolinea del parco nazionale continua Crespi . Questo il motivo per cui il premier Renzi non deve ratificare laccordo: sarebbe una scelta senza precedenti in Europa ed lontana dalle vere necessit dei cittadini.
Se lo smembramento dovesse andare in porto faremo ricorso affinch questo spezzatino non possa continuare a chiamarsi Parco nazionale, aggiunge Antonio Nicoletti, responsabile aree protette di Legambiente.
Istituito 80 anni fa, il Parco nazionale dello Stelvio tra i pi antichi dEuropa e il pi esteso dellarco alpino. Il 30 settembre 2009 un accordo tra Stato italiano e Province autonome di Trento e Bolzano stabil il passaggio della sua gestione agli enti locali interessati. Un anno dopo arriv la ratifica del Parlamento. Ma nel marzo 2011 lallora presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, decise di non firmare il decreto legge. Fino ad arrivare, mercoled, al voto della Commissione dei dodici.



news

29-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 29 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news