LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Mantova. Da venerd torna visitabile la Camera dipinta dal Mantegna
Edgarda Ferri
Corriere della Sera - Milano 29/3/2015

E la stanza dei tradimenti apr (finalmente) la porta

MANTOVA. Il 3 aprile riapre al pubblico la Camera degli sposi dipinta da Andrea Mantegna. Ma niente sar come prima. Il terremoto del maggio 2012 stato una dramma smisurato dice Giovanna Paolozzi Strozzi, Soprintendente di Mantova; ma, come spesso succede, un grande sconvolgimento pu offrire una grande opportunit. Dopo il Vaticano, la reggia gonzaghesca la pi grande del mondo: 35.000 mq di superficie con 900 stanze, una chiesa, piazze, vicoli, sotterranei, scaloni, giardini pensili e giardini per terra. Un labirinto dove si rischia di perdere lincantevole visione del fuori: i tetti rossi della citt, le torri, la cupola di santAndrea, i campanili del Duomo e di santa Barbara, le cime dei platani, i laghi; e di arrivare nella Camera degli sposi senza capire come si entrati in Castello.
Troppa bellezza stordisce, confonde, favorisce la perdita dellorientamento; e questo non merita la stanza del marchese Ludovico, che aveva chiamato i pi grandi artisti del mondo per fare Mantova sempre pi bella: dalle strade lastricate ai palazzi pubblici, fino alla sbalorditiva torre con il mirabile orologio di Manfredi, progettata da Leon Battista Alberti, edificata da Luca Fancelli. Il Castello di San Giorgio nasce alla fine del 300 come fortezza militare dei Gonzaga. Ludovico aveva ceduto la sua reggia in Corte Vecchia a Pio II, quando, nel 1459, aveva riunito a Mantova i principi cristiani per organizzare una campagna contro i turchi. Insieme a sua moglie Barbara del Brandeburgo, si era ritirato nellappartamento al secondo piano della torre Nord del Castello. Nella stanza vista lago dove il marchese dormiva, non sempre, con la tedesca e pi volte tradita consorte, Andrea Mantegna aveva eseguito un affollato ritratto di famiglia: compresi i canie la nana di corte. Dodici anni di lavoro pi volte interrotto, che non sempre porta a disastri, dal momento che il risultato uno dei pi celebri capolavori del Rinascimento.
Il disastro stato invece provocato dal terremoto del 29 maggio 2012: quando, oltre a una crepa scivolata fra il naso del marchese e quello del segretario, la torre nord del Castello ha sussultato e ondeggiato fino a risultare inagibile. La crepa stata risanata subito. Non cos laccesso alla Camera degli sposi, finora isolata. Il 3 aprile riapre con un percorso svelto e, probabilmente, lo stesso usato da Ludovico: attraverso una scala elicoidale, si sale direttamente al Castello.
Il sisma spiega Paolozzi Strozzi ci ha permesso di valorizzare un interessante edificio considerato, finora, soltanto come contenitore della Camera degli sposi. La visita comprende lappartamento nella Torre nord, dove, oltre alla Camera picta, si allineano magnifiche stanze affrescate e il primo studiolo di Isabella dEste. Dal 3, le sale dei Soli e delle Cappe ospiteranno cento bronzetti, armi, arredi e dipinti, compresa una parte della gigantesca Trinit di Rubens, offerti in comodato al Ducale dal mantovano Romano Freddi, collezionista di opere appartenute ai Gonzaga e comperate con i proventi delle sue pizze (napoletane) surgelate.



news

27-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 27 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news