LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SIRACUSA- Il sovrintendente dell'Inda Gioacchino Lanza Tomasi Il teatro miserabile perch miserabile lo Stato
laura valvo
LA SICILIA Domenica 29 Marzo 2015 Siracusa

Quando il vero problema del teatro greco era il paesaggio che distraeva il pubblico
Il sovrintendente dell'Inda Gioacchino Lanza Tomasi
Il teatro miserabile perch miserabile lo Stato. La Fondazione ogni anno mette circa 600mila euro per ripulire il Temenite



Intervenendo a Fahrenheit, il programma quotidiano di cultura di Radiotre, il sovrintendente dell'Inda Gioacchino Lanza Tomasi ha risposto a una domanda sull'ammaloramento del teatro greco spostando il mirino delle ultime polemiche innescate: Il teatro miserabile perch miserabile lo Stato. Tradotto significa che uno Stato che lesina finanziamenti alla cultura, cos come del resto fa la Regione siciliana, non pu pretendere di essere sostituito nei suoi compiti primari dagli enti locali che per giunta tiene a stecchetto. Lanza Tomasi ha spiegato che non solo il teatro greco in pena, ma anche l'Ara di Ierone trascurata oltre che essere preda, come la cavea, di erbacce le cui sostanze chimiche hanno il potere di corrodere in profondit la pietra.
L'Inda interviene ogni anno con circa 600 mila euro per ripulire il teatro - ha detto il sovrintendente - ed una somma significativa, ma di pi non pu fare. Quanto poi al montaggio delle strutture si pu stare tranquilli perch le operazioni di spinta e tiraggio sono affidate a un tenico del Genio civile che ha in materia competenze a prova di rischi.
Tuttavia il problema del teatro greco, che torna puntuale ogni anno in questo periodo, lo stesso che riguarda oggi Pompei, la Valle dei templi di Agrigento, il Parco di Selinunte e decine di altri siti archeologicI italiani, denotando tutti insieme un deficit che innanzitutto statale. Problema che comunque si poneva pressoch immutato gi agli inizi degli Spettacoli classici quando i fondatori dell'Inda si posero la domanda se una gran massa di spettatori nella cavea potesse peggiorare le condizioni gi precarie e comunque delicatissime del teatro. Proprio nell'anno inaugurale delle tragedie greche, il 1914, la questione del teatro e della sua sacralit era talmente sentita che pi di un intellettuale siracusano fu indotto a proporre di apprestare le toghe agli spettatori, cos da assimilarli agli attori, perch era ritenuta davvero una stonatura vedere cappelli a cilindro e redingotes. In verit, in quegli anni era il paesaggio offerto dal teatro, cos suggestivo e attraente, a costituire un autentico problema, dal momento che il pubblico era spinto facilmente a distrarsi dalla scena. Quando nel 1922 per la prima volta, dopo aver diretto a distanza alcune tragedie, Duilio Cambellotti venne a Siracusa e vide il teatro prese coscienza di una nuova concezione della scenografia e, a differenza che nelle edizioni precedenti allorch aveva acconsentito a creare scene asimmetriche aperte sul paesaggio, volle realizzare un "grembo scenico" che intercettasse lo sguardo degli spettatori impedendo loro di ammirare il panorama pi che le sue scenografie. Panorama che allora come oggi si identificava con quel particolare momento del tramonto che da solo valso a rendere celeberrime le Rappresentazioni di Siracusa: cosa che Cambellotti, sfidando la natura e l'architettura, cerc di cancellare, ma con totale insuccesso.
Lanza Tomasi ha cos potuto spiegare a Radiotre che se un problema c' al teatro greco quello delle luci: inutili perch, com'era nell'antica Siracusa, gli spettacoli iniziavano nel pomeriggio e terminavano alle prime ombre, ma oggi divenute essenziali se, ora legale a parte, ancora alle ventuno molte volte le Rappresentazioni sono in pieno o semipieno svolgimento. Momento questo pi che altro magico, in linea proprio con quel paesaggio che si tent invece di rimuovere e che a Siracusa torna sempre in primo piano: giusto come quelle tele di Cambellotti che nella prefettura di Ragusa provarono a nascondere, caduto il fascismo, e che poi tornarono inevitabilmente alla luce.
Certamente il Temenite ha bisogno di manutenzione, come ogni sito che abbia raggiunto una certa et, ma che se ne parli a ridosso degli Spettacoli classici e non di sfilate, kermesse, premi e concerti, tutte manifestazioni che sembrano promosse solo a condizione che sciorinino tra le antiche pietre, non rende certamente merito a una citt che se ha un'esclusiva universale proprio la tragedia antica. La quale dovrebbe essere considerata sacra come sacro i siracusani del primo Novecento ritenevano il loro teatro e che invece pare prendere sempre pi la fisionomia di una "tragediatura" tra accuse ad hoc, allarmismi mirati, dichiarazioni cotte a puntino, anatemi e alti lai. Tutto ordito e condito perch la realt sia mistificata. Il solito vizio siracusano di mostrare quello che in realt non c'. Anche Elio Vittorini ne fu vittima: volendo recensire le tragedie classiche in calendario chiam La Fiera letteraria e chiese una tessera d'ingresso gratis nella quale fosse ben evidente che egli arrivava da Roma come inviato speciale e che non era un semplice corrispondente da Siracusa. Piccole miserie di provinciali in una citt eterna dove il teatro greco, come un gran saggio di 2500 anni che ne ha viste tante ma tante ed pi siracusano di tutti i siracusani, se la ride di miserie e miserabili e fa intanto gli scongiuri ai gufi, ai corvi e agli sparvieri.


29/03/2015



news

04-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 4 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news