LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TORINO - L'esperto egiziano "Sono entusiasta come il Louvre"
MARINA PAGLIERI
01 aprile 2015 LA REPUBBLICA



L'INTERVISTA



Sherif El Sebaie nato al Cairo, ma vive a Torino da quindici anni. Qui si occupa di diplomazia culturale e politica sociale e di integrazione. Gi consulente della Compagnia di San Paolo, ora docente di lingua araba e civilt dell'Islam al Politecnico.

Da egiziano, come vede il museo che si inaugurato ieri?

Sono entusiasta, l'Egizio aveva bisogno di essere messo a nuovo, di acquisire un'impostazione moderna. Ora le sale hanno un grande respiro, vedere la Tomba di Kha in uno spazio cos ampio, con la possibilit di ammirare ogni singolo reperto, mi rende orgoglioso come egiziano. Ma c' una questione che mi sta particolarmente a cuore.

Quale?

L'avere inserito nei testi esplicativi nelle sale e nelle audioguide la lingua araba. un fatto molto importante, che potr contribuire, ed un auspicio a costruire un rapporto forte con l'Egitto e con gli egiziani che vivono in Italia. Oltretutto non lontano da qua, a Milano, vive la comunit egiziana pi numerosa d'Europa. Tutti gli egiziani che sono in questo paese devono venire a Torino per visitare il museo: certo il fatto di avere le spiegazioni anche in lingua araba potr aiutare.

C' qualcosa che le piace in modo particolare?

Guardi, io sono un appassionato di orientalistica e proprio per questo ho apprezzato la scelta di dedicare un ampio spazio all'inizio del percorso all'egittologia ottocentesca sviluppata a Torino, legata alla nascita del museo. Mi piace anche la scelta di mantenere, accanto alle nuove in vetro, alcune delle vetrine storiche del museo, recuperando in un contesto moderno la nostalgia. Con le vecchie vetrine si respira l'aria dei tempi di Champollion.

Le piace l'allestimento?

S, perch moderno. Ho visitato di recente le collezioni egizie del British Museum e del Louvre e devo dire che l'impostazione simile. Questo un allestimento davvero al livello di un grande museo internazionale .

Dove sta la modernit?

Nell'impostazione del percorso espositivo, che parte dalla storia del museo e si sviluppa per temi. Copre la storia dell'antico Egitto dall'era preistorica alla islamica, andando al di l del patrimonio storico del museo. Sono stati rintracciati ed esposti alcuni oggetti islamici trovati nei magazzini, per esempio due steli: una scelta interessante. La modernit anche nel tipo di vetrine adottate, nell'illuminazione, nelle didascalie .

Oggi si firma l'accordo tra il comune di Torino e il governatorato di Luxor. Che cosa significa per questa citt?

Significa creare un rapporto stretto, ufficiale tra una citt sulle rive del Po e una sulle rive del Nilo: un legame anche simbolico, che spero si tramuti in una collaborazione a tutti i livelli. L'Egitto ha bisogno in questo momento del supporto di Paesi amici, di costruire insieme progettualit in vari campi: spero che proprio in presenza del Museo Egizio si possa realizzare una collaborazione sul piano culturale, scientifico e archeologico. E aggiungerei una cosa.

Ovvero?

Come l'Egizio ha fatto la scelta di adottare le didascalie in arabo e di fare un cenno alla presenza araba in Egitto, credo debbano essere incentivate le iniziative culturali riferite all'eredit e alla storia contemporanea di questi Paesi. Non ci deve essere solo il grande passato, c' anche l'epica attuale: attraverso la storia e la cultura si devono trovare soluzioni soprattutto in questo momento per le questioni pi difficili.

Il Museo Egizio pu avere un ruolo in questo?

S, il museo ha dato in modo implicito un segnale, con le didascalie in arabo, per dare dignit a una lingua e a una comunit, per creare un legame tra questa eredit storica e la comunit immigrata che vive in Italia. Le scritte in arabo fanno anche capire al visitatore che siamo in presenza di una collezione a tutti gli effetti extracomunitaria' .




news

10-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news