LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

"In Emilia e all'Expo mafie come a L'Aquila"
il centro 03 aprile 2015

Intervista al coordinatore regionale dell'associazione Angelo Venti: le leggi in deroga e l'emergenza favoriscono l'infiltrazione. I processi del terremoto destinati a cadere tutti in prescrizione

L'AQUILA. L'Aquila, Emilia, Expo; un unico denominatore: le leggi in deroga. E le leggi in deroga che servono ad affrontare l'emergenza hanno un secondo denominatore comune: l'infiltrazione delle mafie. La mano delle mafie sulla ricostruzione dell'Aquila, il pi grande cantiere d'Europa, venuta alla luce tramite recenti inchieste, solo la punta dell'iceberg. A dirlo in un'intervista all'Ansa Angelo Venti, responsabile del presidio di Libera all'Aquila, giornalista, direttore del giornale online Site.it e autore di inchieste sulle infiltrazioni criminali. "Laddove si agisce in regime emergenziale e con leggi in deroga, dunque all'Aquila ma anche in Emilia e per l'Expo, si favoriscono corruzione e malaffare e le mafie sono solo il braccio armato di un sistema a monte". C' poi "una carenza di strumenti di controllo", come ha dichiarato lo stesso Procuratore antimafia Franco Roberti.

Le inchieste sull'Aquila, secondo Venti, da quelle della prima emergenza, a quelle dei puntellamenti, alle pi recenti sulla ricostruzione delle Chiese, hanno un denominatore comune: le leggi in deroga "che favoriscono l'infiltrazione". Poi il referente di Libera ricorda che "in due soli cantieri delle new town aquilane vennero trovate 132 ditte senza autorizzazioni al subappalto ma un'ordinanza di Protezione civile cancell retroattivamente il reato. Cos difficile anche per forze dell'ordine e magistratura". Un settore dove le mafie dimostrano di infiltrarsi facilmente quello della ricostruzione privata. "Perch il contributo dello Stato va come indennizzo al proprietario, il quale lo gestisce privatamente, a differenza degli appalti pubblici che invece qualche controllo lo prevedono. A certificare il danno poi il tecnico di fiducia ed assurdo che non vi sia nessun organismo di controllo dello Stato, che d i fondi". In Emilia la situazione non meno preoccupante perch sono stati fatti "gli stessi errori dell'Aquila - racconta Venti -, forse qualcuno peggiore, come il decreto per lo smaltimento delle macerie, che elimin l'obbligo delle bolle di carico e di analisi sul materiale trasportato. Era scontato - aggiunge - che lo smaltimento finisse nelle mani della 'ndrangheta. Solo un esempio: se un camion portava rifiuti radioattivi da Reggio Calabria e si presentava in uno degli impianti, una pattuglia all'ingresso non avrebbe avuto nessun potere di controllare". Le mafie in
Abruzzo come in Emilia avevano contatti e sedi prima dei terremoti. "Tutte le ditte sospettate all'Aquila di collusione con la 'ndrangheta - spiega ancora Venti "avevano sede in provincia di Reggio Emilia o Modena. E questo la dice lunga su cosa sta accadendo in Emilia".

Di recente sono emersi intrecci tra Mafia Capitale e L'Aquila. Innanzitutto per i rifiuti: il consorzio Formula Ambiente di Salvatore Buzzi aveva preso diversi appalti. "E poi" rivela Venti "a Libera erano arrivati i nomi di quattro papabili per il vertice della Soprintendenza unica creata nel cratere sismico con la riforma del Ministero dei Beni culturali. Tra questi c'erano la sorella di Buzzi e un cugino di Carlo Guarany. Sono solo parenti e non abbiamo prove" precisa Venti "per quantomeno sospetto". Che fine faranno le inchieste? Il coordinatore di Libera Abruzzo non ottimista: "Tutto il terremoto andr in prescrizione, molte inchieste non vanno avanti. Per i bagni chimici delle tendopoli dell'Aquila furono spesi 34 milioni di euro. Immagini che ogni sfollato avrebbe dovuto produrre 100 litri di rifiuti al giorno. Di quell'inchiesta un filone gi archiviato, un altro andr in prescrizione tra un anno con il rischio di non fare nemmeno un'udienza di primo grado. Ed solo un esempio". (Enrica Di Battista)

http://ilcentro.gelocal.it/laquila/cronaca/2015/04/03/news/libera-in-emilia-e-all-expo-mafie-come-a-l-aquila-1.11171416?ref=search


news

04-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 4 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news