LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia, Calatrava. Il ponte, i giudici, le polemiche. Un unicum, rifarei tutto
A.Zo.
Corriere del Veneto 4/4/2015

VENEZIA Architetto Santiago Calatrava, si aspettava di essere assolto?
I giudici sono stati accurati e oggettivi nella comprensione delle varie e molteplici vicende che hanno riguardato il Ponte e hanno saputo capire che quellopera rappresenta un unicum, oggetto di attenta valutazione durante la progettazione ed assolutamente stabile.
Sono passate circa due settimane dalla pubblicazione della sentenza della corte dei conti che ha assolto Santiago Calatrava dallaccusa di aver progettato male il quarto ponte sul Canal Grande e di avere per questo, con la complicit di tre tecnici chiamati dal Comune di Venezia a dirigere e seguire i lavori, causato un danno erariale quantificato dal procuratore Carmine Scarano in 3,9 milioni di euro. Ora parla larchistar catalana, la cui firma ha segnato decine di grandi progetti in tutto il mondo.
Architetto, la Corte ha per riconosciuto alcuni errori nel progetto per circa 463 mila euro, come affermato da due periti del Politecnico di Torino, che dal punto di vista erariale sono prescritti ma che sono oggetto di una causa civile. Non si rimprovera nulla?
Abbiamo difeso la bont del progetto in ogni suo dettaglio e continueremo a farlo in ogni sede in cui sar necessario.
Allora perch il costo del ponte aumentato da 3,8 milioni del primo progetto preliminare ai 6,7 del definitivo e agli oltre 11 finali? E perch il tempo di costruzione salito da 450 giorni a pi di 2.000?
I giudici della corte dei conti sono stati chiari sulla vicenda sullaumento dei costi del ponte e hanno affermato che le lavorazioni aggiuntive correlate alle varianti sono riconducibili a circostanze non prevedibili e a finalit migliorative. Quindi, come ha affermato lo stesso giudice, non ad errori e carenze progettuali.
Il procuratore Scarano ha gi annunciato che far appollo. Cosa vorrebbe dirgli?
Non abbiamo nulla da temere. Il progetto solido ed fatto bene.
I giudici hanno per riconosciuto che nel suo ponte lingegneria stata stressata per scelte estetiche...
I giudici hanno evidenziato che il ponte della Costituzione rappresenta unopera prototipale non tanto nel senso semantico, quanto nella sua unicit, correlata al contesto urbanistico. Questopera doveva garantire una duplice funzione: quella di ponte e quella ulteriore di status symbol. Gli stessi giudici affermano che ovvio che una struttura siffatta si presta inevitabilmente a forti oscillazioni e spinte sulle spalle che, tuttavia, non sono state sottovalutate: n in sede di progettazione, n in esecuzione.
Per converr che questo ha portato a un aumento notevole dei costi di manutenzione.
Sui costi di manutenzione il giudice ha evidenziato la grande cura e attenzione del progettista nellelaborazione del piano di manutenzione e ha ricordato che i famigerati episodi di scivolamento sono stati del tutto comuni a ci che accade a Venezia nelle giornate di pioggia o umidit. Tanto che era stato previsto anche nei verbali di allora della polizia municipale, per cui ogni diversa ipotesi si rivela ad oggi del tutto infondata se non fantasiosa.
E i gradini rotti? Proprio da poco il Comune ha impegnato altri 24 mila euro per sostituire sei lastre.
Ahim, anche la questione della rottura dei vetri stata sfruttata in modo negativo quando in verit il numero di lastre sostituite rientra perfettamente nella media da noi prevista nel periodo di riferimento (due allanno, ndr ).
Lei ha affermato che il ponte di Venezia una delle sue opere pi importanti. Se ritornasse nel 1997, regalerebbe nuovamente il progetto al sindaco di allora, Massimo Cacciari?
Senzaltro. Sono stato molto onorato e orgoglioso di avere avuto la possibilit di dare il mio contributo a Venezia. Inoltre devo ringraziare Cacciari, che ha sostenuto la mia proposta con convinzione ed energia. Cacciari era a favore di una moderna architettura in una citt come Venezia, dove il peso della storia sentito fortemente.
Chi vorrebbe ringraziare per questo risultato?
Il sindaco Cacciari, ma anche tutti i suoi collaboratori per avere sostenuto il progetto in questi anni. Vorrei inoltre anche ringraziare i cittadini di Venezia che hanno accolto la costruzione del ponte con interesse ed entusiasmo.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news