LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LIVORNO - Villa Mimbelli, ovvero lingiusto oblio del regno dei macchiaioli
di ADOLFO LIPPI
IL TIRRENO 05 aprile 2015



A Livorno unistituzione culturale troppo poco visitata che raccoglie opere di Fattori, Ulvi Liegi, Corcos, Lega


Le migliaia di turisti che, sulle navi da crociera, attraccano al porto di Livorno, transitano frettolosi ed ignari verso Pisa, verso Lucca, verso Firenze, Volterra o San Gimignano. Pochi sanno che esiste Villa Mimbelli, museo civico "Giovanni Fattori". Pochi vi vengono indirizzati, mentre, lo dice anche a ragione lo storico Franco Cardini, farebbero ore di fila per un Manet. Forse che i macchiaioli non valgono gli impressionisti? unantica questione. Gli che dietro i macchiaioli non vi fu l'industria culturale, n vi sono i massmediologi che indirizzano il mercato e i musei del mondo. Mentre, da lunghi anni, su Parigi si addensa la finanza speculativa che prospera sull'arte. Cos Villa Mimbelli, dove ospitata unampia collezione di forti, validi, seduttivi pittori toscani, a cominciare da Fattori, visitata con parsimonia ed anche le scolaresche sono rare. Mentre nei resti del bel giardino si assolano mamme coi bambini sotto palme e rara erba. Ma i tesori sono dentro e da gustare.

La villa opera dell'architetto Vincenzo Micheli a cui fu commissionata nel 1860 dai coniugi Mimbelli, Francesco ed Enrichetta Rodocanacchi,commerciante di granaglie lui, e bellissima possidente lei.Coppia ambiziosa e mondana ben inserita nel milieu dei trafficanti di merci, che a partire dal 1600 fecero la fortuna del porto livornese, preferito dai Medici prima e dai Lorena successivamente. I Mimbelli scelsero per la loro casa un pratone a sud della citt prima di Antignano, un tantino discosto dal mare per battuto dai gabbiani ed insaporito dalle tamerici. Le altre agiate e storiche famiglie livornesi si appoggiavano al centro. Volevano star protette dall'imponente fortezza ed esser vicino alla cattedrale ed al mercato. Francesco Mimbelli si volle staccare, forse perch il centro troppo cosmopolita tra greci, ebrei,portoghesi ed inglesi non gli permetteva un soggiorno appartato e solitario, magari rinfrescato dalla visione del colle di Montenero che gi era stato speculato dai romantici come Shelley o Byron.

Ora Villa Mimbelli museo comunale con bellissime sale dove tanti pittori toscani e livornesi offrono meraviglie ed anche tele appena passabili,tra dipinti di Ulvi Liegi e Natali. Penetrare la villa unincantevole passeggiata nella memoria. Vi scorrono storia, arte, vita livornese che ben conosce ed indica la responsabile del museo Francesca Gianpaolo, attiva dirigente. Da vedere al piano terra la sala destinata al ballo e quella in stile moresco dove attendevano i frequentatori fumando davanti alle tappezzerie originali, alle boiserie.Opere di Neri, di Picci del secolo XV ed autori pi contemporanei come Pascali e Burri. Ci che davvero incanta la scalinata che porta ai piani superiori dove erano le camere dei signori. La scalinata decorata di putti grassottelli e fiabeschi.

Ed abbiamo, quando ancora si risentiva il neoclassico caro a Mario Praz, una parata che richiamando la bottega dei Della Robbia anticipa il Liberty, ed sfavillante e leggera; con il moresco della sala da fumo, la dice lunga sul gusto eclettico dell'architetto e dei proprietari. Ora in questo periodo a met del secolo dopo il romanticismo sfrenato, riscopriva il medioevo, il neo-gotico.

La scalinata di Villa Mambelli annuncia ci che sarebbero risultati i villini dell'Ardenza, il mercato e le Terme Corallo, il Teatro Goldoni col tetto di un vetro stupendo.

Al piano superiore della villa l'occhio lascia le architetture e si posa completamente sui soffitti affrescati. Nei soffitti in particolare si ammira tra tante allegorie delle sale degli specchi e del salottino giallo, l'imponente affresco di Annibale Gatti (1874) che raffigura l'inaugurazione del monumento dei "Quattro Mori" (1626) col granduca Ferdinando II, la granduchessa Vittoria della Rovere, e lo scultore carrarino Pietro Tacca autore delle statue in bronzo dei "Quattro Mori",mentre la statua del granduca di Giovanni Bandini; lavoro che non piacque allo Stendhal, il quale scrisse: cosa davvero sconveniente che un principe sia circondato dall'eterna immagine del dolore, egli con la sua presenza dovrebbe sbandirlo ovunque.

L'attenzione ai quadri, tanti maestri macchiaioli, diviene poi esclusiva per le sale che seguono: la sala nera, quella dei ritratti e quella di Nomellini. Di Giovanni Fattori, livornese doc e gloria nazionale, si mostrano due eccezionali battaglie di indipendenza quali L'assalto a Madonna della Scoperta del 1868 e la Carica della cavalleria a Montebello del 1862. Quale lezione si acquisisce guardandole? Siamo lontani dai modelli classici di Michelangelo, Paolo Uccello, Raffaello dove i guerrieri erano veri maschi in posizioni omeriche e con slanci ferini di carni.Fattori pacato, umanizzante, e i suoi guerrieri seppur lanciati alla carica, mantengono un aspetto di bonomia pastorale forse derivata dagli sguardi in Maremma. I cavalli paian ascoltare, manca il rosso del sangue. L'ispirazione di Fattori gi tutta ripiegata, acquietata dai bagni all'Ardenza.

Altre meraviglie del maestro, "Le mandrie maremmane", "La signora Martelli", "La Torre Rossa", "La giornata grigia", La campagna romana, rafforzano la tesi che i macchiaioli da Lega a Tommasi, o come Corcos e Cecconi, non fossero in arte come in vita dei rivoluzionari, bens dei tranquilli pittori, da tenere comodamente in salotto sopra un sof. Insomma quest'Ottocento che deliziava gli artisti era democratico, pacifista, progressista, illuminato.

Sfrenato mai come erano gli impressionisti. L'unico livornese ad essere smodato come noto fu Modigliani (anche una sua campagna in mostra nella villa), e visse non a caso a Parigi fuori da ogni tempo. Fortuna sua. A Villa Mimbelli richiama bruscamente alla realt un gran telone di Plinio Nomellini che raffigura l'ingresso trionfale delle camice nere a Firenze. Una citt "rossa" ha l'audacia di esporre un 'arte marcatamente nera. Nomellini si convert al fascismo come tanti altri intellettuali toscani da Soffici a De Ambris a Viani. Il quadro di Nomellini una eruzione di toni caldi e figure brusche e movimentate, giovanilistiche, prorompenti.

L'Italia sognava l'avventura (gi anticipata dal Gabriele D'Annunzio), Villa Mimbelli invece sogn la poesia calma dolcissima. Perci merita di essere valorizzata.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news