LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Racconti dal fronte della Grande guerra, migliaia di pagine negli archivi dei musei
di Giacomina Pellizzari
06 aprile 2015 IL MESSAGGERO VENETO

Udine, in corso la catalogazione di migliaia di documenti donati da un medico. In autunno in mostra le edizioni dei giornali di trincea uniche in Europa




UDINE. Migliaia di pagine scritte al fronte dai soldati tedeschi, italiani, francesi, durante la prima Guerra mondiale. Testimonianze uniche raccolte da un medico nato a Messina nel 1875 e morto a Udine il 4 febbraio 1930.

Augusto Luxardo era anche un bibliofilo e oltre a collezionare volumi di vario genere ha documentato la Grande guerra attraverso i giornali di trincea in varie lingue, i giornali di guerra e il materiale propagandistico. Un patrimonio inestimabile donato dalla vedova, Pia Sandri, in parte alla biblioteca Guarneriana di San Daniele e tutta la raccolta sul primo conflitto mondiale al Comune di Udine. A breve quel patrimonio sar visibile in una mostra che sar inaugurata il prossimo autunno, in castello.

Nellufficio che fino a qualche mese fa era occupato dal direttore dei musei, due ricercatori, Massimo De Sabbata e Irene Bolzon, coordinati dal professore dellateneo friulano, Paolo Ferrari, stanno completando la catalogazione del Fondo Luxardo composto da 4014 fra documenti, fogli a stampa, libri, giornali e riviste.

Questo il dato di partenza perch aprendo gli scatoloni dove fu riposta buona parte dei cartolari, gli studiosi stanno trovando ritagli di giornali, cartoline e altri documenti non ancora catalogati. Da una prima stima, una volta completata la catalogazione, il Fondo sar caratterizzato da circa 5 mila pezzi.

un Fondo evoluto, nellatto di donazione sono stati stimati 500 volumi, 1.800 opuscoli, 300 periodici e una sezione che non rientra nel Fondo di 1.200 medaglie spiega De Sabbata secondo il quale questo era il nucleo di partenza al quale, nei decenni successivi, si aggiunsero altri documenti.

Lo conferma la lettera inviata dal conte Alessandro Del Torso a Enrico De Brandis il 15 marzo 1940: Del Torso - riferisce il ricercatore - allegava alla lettera una rivista chiedendogli se voleva inserirla nel Fondo Luxardo.

Rileggere queste corrispondenze come indietreggiare di un secolo. In decine di scatoloni sono conservate le testimonianze di chi ha combattuto senza riuscire a riabbracciare le famiglie, di chi balzato alle cronache per i meriti di guerra e di chi incitava le folle con discorsi propagandistici.

Tutto il materiale stato raccolto da Luxardo, il medico fortemente attratto da Gabriele DAnnunzio e dalle imprese di Fiume, che conosceva Balbo il quale gli ha pure dedicato una copia del suo libro.

Il Fondo Luxardo si pu dividere in tre blocchi: la biblioteca con 900 volumi; la pubblicistica che la parte pi corposa e le raccolte di settimanali e mensili, si tratta di edizioni complete, che raccontano la guerra continua De Sabbata aprendo i vari cartolari con la curiosit di chi cerca di collegare i fili della storia.

La biblioteca

Lesercito italiano nella grande guerra edita dallIstituto poligrafico dello Stato, solo uno degli esempi che caratterizzano il patrimonio lasciato da Luxardo. Circa 900 volumi di letteratura di guerra raccontano il conflitto e il dopoguerra. Ma dal punto di vista grafico La rapsodia di Caporetto di Francesco Antonio Perri, sicuramente tra le pi belle.

La pubblicistica

La pubblicistica la sezione pi corposa del Fondo proprio perch coinvolge tutti i Paesi in guerra. Qui troviamo edizioni complete dei giornali di trincea fa notare il ricercatore sfogliando pagine scritte fitte fitte, disegnate dai soldati al fronte.

I giornali di trincea rappresentano un fenomeno tardo che si imposto dopo la rotta di Caporetto quando fu costituito lufficio P di propaganda sul quale si invest molto spiega ancora De Sabbata soffermandosi sulla figura di Giuseppe Lombardo Radice, il pedagogo che aveva capito come si doveva trattare i soldati e il popolo bambino, per farli sentire partecipi della guerra in modo emotivo.

De Sabbata, dopo aver visionato buona parte del materiale, si sofferma sulla diversa gestione della comunicazione durante il conflitto: Prima di Caporetto i discorsi che i vari graduati pronunciavano ai soldati in trincea erano discorsi alati, dopo Caporetto si invest molto sulle riviste di breve durata. Riviste tutte rappresentate nel Fondo Luxardo e in parte gi studiate da Mario Isnenghi.

Il Fondo Luxardo assume unimportanza particolare proprio perch in grado di restituire alla storia le collezioni complete come, tanto per citare alcuni esempi, La Tradotta, il giornale della terza armata che riservava molto spazio allillustrazione.

Oppure Il Montello, il quindicinale dei soldati del Medio Piave, illustrato aanche da Mario Sironi. Si tratta di quattro numeri per intenditori, pubblicati nel 1918 spiega sempre il ricercatore senza trascurare LAstico, il giornale della prima armata, diretto da Pietro Jahier, impreziosito dagli interventi del critico Emilio Cecchi e del pedagogista Lombardo Radice.

Accanto ai giornali di trincea venivano stampati pure i periodici satirici e Numero, illustrato da Eugenio Colmo noto con lo pseudonimo di Golia e da Aroldo Bonzagni, svolse una campagna interventista per sostenere poi il conflitto mondiale. Anche in questo caso tutte le pubblicazioni, cessate nel 1922, fanno parte del Fondo Luxardo.

Il tema della propaganda sar il tema della mostra che documenter anche lattivit avviata con largo anticipo degli eserciti tedesco e francese: Qui - fa notare De Sabbata - si dipinge il nemico sempre brutale e comunque quello che passava era tutto controllato.

Un altro tema che ha colpito i ricercatori la rappresentazione della donna: Nelle riviste tedesche e francesi troviamo la donna che lavorava in fabbrica, erano immagini rivolte alla popolazione a indicare che anche le donne davano il loro contributo nel momento in cui gli uomini erano al fronte. Lobiettivo - continua De Sabbata - era comunicare lidea della meccanizzazione con schiere di donne al posto degli uomini.

Era un modo per raccontare la guerra a chi non la faceva, lo confermano le raccolte di settimanali e mensili catalogati da Luxardo. Ci offrono la possibilit di analizzare come i tedeschi raccontavano la guerra ai tedeschi, come lo facevano gli italiani agli italiani e i francesi ai francesi aggiunge lo studioso nel ricordare che in buona parte il Fondo Luxardo gi consultabile in biblioteca presentando specifica richiesta al conservatore di riferimento.

Entro fine mese, De Sabbata e Bolzon completeranno la catalogazione. Da settimane aprono i faldoni dove sono custodite le varie testimonianze. Le sorprese non mancano proprio perch, oltre al nucleo storico, si aggiunto un insieme di articoli di stampa, pieghevoli, opuscoli rimasti sconosciuti ai pi.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news