LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

«Il ministro Franceschini sostenga il nostro progetto»
05 aprile 2015 iL MESSAGGERO VENETO


Udine si candida a essere "capitale europea della Grande Guerra" e chiede al ministero dei Beni culturali di sostenere la valorizzazione del Fondo Luxardo. Il capoluogo friulano si prepara a svolgere un ruolo di primo piano nel programma messo a punto, a livello nazionale, per il centesimo anniversario dall'ingresso dell'Italia in guerra. A un secolo esatto dalla scelta interventista che trascinò il Paese nel primo confitto mondiale, Udine farà luce su un'epoca in cui da tranquilla cittadina di provincia alla periferia del Regno, si ritrovò a ospitare il comando militare supremo e a diventare epicentro amministrativo dei fatti bellici, al punto che allora fu coniato il termine "Governo di Udine". Per raccontare quel periodo alla cittadinanza, ai turisti e alle nuove generazioni, il Comune aprirà al pubblico il Fondo Luxardo, uno dei patrimoni archivistici editoriali più preziosi delle collezioni dei Civici musei, unico nel suo genere a livello nazionale e internazionale per valore e completezza documentale. «Questa ricorrenza è un'occasione irripetibile per restituire alla città, al Paese e all'Europa un patrimonio culturale straordinario» sottolinea l'assessore alla Cultura, Federico Pirone, auspicando che «il progetto possa trovare il giusto sostegno da parte del ministero e in una sinergia con la Regione, che investe con decisione sul centenario della Grande guerra. A dare spessore al progetto di valorizzazione del Fondo Luxardo contribuiscono poi - prosegue Pirone - i partner, nazionali e internazionali, che hanno creduto da subito nell'iniziativa, come il museo centrale del Risorgimento di Roma, il Filmmuseum di Vienna, i musei e le gallerie di Lubiana, l'Archivio di Stato di Esslingen, l'università di Udine, la cineteca del Friuli e il Messaggero Veneto. Il progetto prevede la catalogazione e la digitalizzazione del fondo, completandone così la sistemazione, avviata nel 2014 grazie a un contributo regionale, mettendo finalmente a disposizione tutti i materiali rimasti finora inaccessibili. A partire dalla fine di ottobre, inoltre, il castello, uno dei luoghi storici del primo conflitto mondiale, ospiterà la mostra "Corpi e anticorpi. Satira e propaganda di Guerra", attraverso la quale sarà possibile confrontare le diverse strategie propagandistiche dei principali Paesi europei. L'esposizione sarà corredata da un ricco apparato multimediale e da un catalogo contenente numerosi approfondimenti. «Il Fondo Luxardo è una raccolta di inestimabile valore anche dal punto di vista della ricerca - spiega Pirone - perché permette di indagare diversi temi confrontandoli con quelli che i vari partner del progetto metteranno a disposizione: la rappresentazione del nemico nella satira e nella propaganda per immagini, il ruolo della donna e del femminile tra propaganda e narrazioni nazional-patriottiche, la nazione e il martirio, il culto della patria tra recuperi risorgimentali e costruzioni nazionaliste. Fino al tema del "nemico su tutti i fronti", in cui si analizzano le modalità scelte dalle diverse propagande nazionali (italiana, francese, austriaca e tedesca) per raccontare lo scontro militare». In questa iniziativa il Comune è l'ente capofila di una rete di istituzioni che svilupperà un ampio progetto annuale di attività che comprendono mostre, eventi cinematografici e teatrali, conferenze, spettacoli di danza, incontri e laboratori. Uno degli aspetti che l'amministrazione di palazzo D'Aronco vuole approfondire in chiave moderna è quello dell'illustrazione. «Vogliamo incentivare gli illustratori del nostro tempo a riflettere sui meccanismi di propaganda che influenzarono la Grande guerra» spiega l'assessore alle prese con un progetto il cui fine sarà quello di invogliare gli illustratori di oggi a interpretare il primo conflitto mondiale. Considerato che il concetto di propaganda non è mutato nel tempo, l'obiettivo è tracciare una sorta di filo rosso per evitare di commettere gli stessi errori e di riflettere soprattutto sulla pace.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news