LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'AQUILA - Dai cantieri spuntano tesori nascosti e storie inedite e sconosciute
Michela Corridore
05 aprile 2015 IL CENTRO



Le gru si affacciano dai tetti sconquassati dal sisma, i rumori dei cantieri rimbalzano tra gli edifici antichi. Le facciate di pietra bianca, quelle poche non coperte dai ponteggi, spuntano qua e l tra le macerie, riflettendo, come cristalli, la luce del sole e rendendo pi belle e riconoscibili le testimonianze di un passato che prima di quel maledetto 6 aprile 2009 era dato per scontato. Se il terremoto distruzione, il post-terremoto anche ricostruzione. Una ricostruzione che si vorrebbe completa e immediata, mentre solo parziale e procede a passi lenti seppur incessanti. cos che proprio su quelle facciate splendenti, sulle gru illuminate la sera, dentro ai rombi dei trapani in centro storico, si aggrappano i ricordi e le speranze degli aquilani, gli stessi che si emozionano quando tornano a calpestare il pavimento di San Bernardino, seppure lo abbiano gi fatto centinaia di volte, o quando entrano a Palazzo Ardinghelli, ancora cantiere. Ogni pietra che torna al suo posto si trasforma in un sospiro, un punto da cui ricominciare. E, tra le mura antiche, i ritrovamenti inattesi, i luoghi che tornano alla vita, non c' spazio per chi dice che tutto fermo e che L'Aquila destinata a morire. Ne convinta Alessandra Vittorini, da poco nominata soprintendente unico per il cantiere dal ministero dei Beni culturali, ma da anni in prima linea nella ricostruzione della citt storica, come soprintendente ai beni architettonici. Dal 6 aprile 2009 a oggi sui monumenti e sui palazzi storici della citt molto stato fatto, anche se ancora tanto resta da fare. In termini numerici, quanto stato speso per i beni culturali e quanti edifici sono stati oggetto di interventi? La ricostruzione del centro storico aquilano essenzialmente un problema di ricostruzione di patrimonio culturale. Chiese, conventi, complessi religiosi, monumenti e palazzi nobiliari coprono infatti, nel loro insieme, oltre i due terzi del tessuto pi antico e compongono un immenso cantiere di restauro. Il fitto reticolo di ponteggi e di gru che disegna lo skyline cittadino il segno visibile degli oltre 100 interventi avviati dalla Direzione regionale del ministero dei Beni e delle attivit culturali sui pi importanti e significativi edifici pubblici, con l'impegno di oltre 150 milioni, e dei cantieri attivi nei 130 aggregati con progetti approvati dalla Soprintendenza per i beni architettonici e il paesaggio, che impegnano oltre 600 milioni di contributi. Di giorno in giorno i ponteggi si smontano e le facciate si svelano, restituendo antichi scorci e nuove visioni degli spazi urbani. Tutti hanno avviato i lavori, oltre 20 sono praticamente conclusi, con le facciate tornate nuovamente visibili, dopo lo smontaggio dei ponteggi. un lavoro che evidenzia pienamente l'apporto concreto fornito dall'ufficio, sia al processo di ricostruzione, ma anche e soprattutto alla capacit di spesa dei fondi pubblici programmati a fine 2012. I progetti approvati hanno consentito l'immediata erogazione di diverse centinaia di milioni di contributi e quindi l'attivazione dei meccanismi in grado di "mobilizzare" i fondi della programmazione successiva. Va ricordato anche l'importante apporto delle altre Soprintendenze impegnate nel lavoro di indagine e ricerca archeologica e nel recupero e restauro delle superfici decorate e dei beni mobili. I lavori di restauro e ristrutturazione del post-terremoto, in centro storico, ma anche nei borghi, hanno rivelato tesori nascosti per anni sotto le murature in gran parte settecentesche. Quali sono stati i risultati che maggiormente l'hanno emozionata? Italo Calvino in un suggestivo passaggio delle sue "Citt invisibili" afferma che ... "la citt non dice il suo passato, lo contiene". E nei cantieri aquilani quel passato affiora con prepotenza: tra le crepe, i muri e i crolli si svelano presenze inattese e reperti preziosi. Colonne murate da secoli, affreschi nascosti dietro le pareti, antichi soffitti decorati al di sopra delle volte, scale e varchi nascosti nei muri rivelano segreti e narrano storie spesso inedite e sconosciute. Sono le tante citt che compongono L'Aquila di oggi. Quella trecentesca e angioina, con gli antichi muri e gli archi gotici, quella cinquecentesca e seicentesca in gran parte riconfigurata negli edifici della citt settecentesca, quella ricostruita dopo il terremoto del 1703 con la rielaborazione barocca di luoghi, monumenti, edifici e decorazioni. E, ovunque, la citt antisismica, che da sempre si affida ai suoi antichi sistemi e alle sue tecniche costruttive: le "rue", le catene lignee, i muri intelaiati "alla beneventana", le capriate "impalettate", i capichiave decorati. una ricchezza che questo lavoro ci sta regalando e che stiamo cercando di rendere patrimonio comune, raccontandolo e mettendolo a disposizione di quanti vogliano seguire da vicino il recupero della citt. La citt storica in futuro sar pi sicura rispetto al 2009, pur conservando la sua bellezza e il suo valore culturale? Oggi a questa citt si chiede sicurezza, innanzitutto. Ma anche innovazione, per dare risposte alla vita e alle esigenze contemporanee. E per guardare avanti. Tutto ci non incompatibile con la tutela e il rispetto del patrimonio e della storia. Le metodologie del restauro non escludono le soluzioni innovative. Le tecniche sperimentali non devono necessariamente soppiantare o escludere le consolidate tecniche tradizionali del "buon costruire". Perch sicurezza e tutela non sono princpi da contrapporre, ma anzi possono diventare elementi di qualit dello stesso progetto. A patto che si tengano al centro la conoscenza dei manufatti e delle strutture, lo studio, la documentazione, l'indagine operativa e soprattutto il recupero delle tecniche costruttive compatibili con le strutture antiche, che spesso hanno dimostrato anche maggior capacit di resistenza alle sollecitazioni sismiche. E a patto che si lavori con tempi, risorse, professionalit e approfondimenti adeguati. I cantieri aperti, i ritrovamenti inaspettati e i monumenti tornati alla luce sembrano lanciare un messaggio di speranza, in un giorno di dolore: la rinascita appare sempre pi vicina. Dal suo osservatorio privilegiato, sa dire quanto gli aquilani dovranno aspettare ancora per tornare a vivere il centro? Il nostro impegno ridare vita alla citt, a partire dal patrimonio culturale. Ma sappiamo con certezza che questo non basta, perch la vita quotidiana richiede ben altro. Luoghi e spazi pubblici, attivit e servizi, relazioni e legami da riannodare che avranno bisogno di un tempo ben maggiore di quello indicato sui cartelli dei cantieri. Ma siamo certi che la riappropriazione dei luoghi identitari, degli spazi comuni, dei ricordi e delle memorie della citt cos come si presentava prima del 2009 potr contribuire a ritrovarne il senso, ripensarne gli spazi, prefigurare un ritorno alla normalit. Lavorare sui monumenti, sul patrimonio culturale, sui luoghi della storia e della memoria, per tutti noi un onore e un privilegio. Ma soprattutto una grande responsabilit. Perch, citando ancora Calvino "di una citt non godi le sette o le settantasette meraviglie, ma la risposta che d a una tua domanda.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news