LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Da Montalbano a Gangi e San Vito i modelli vincenti delle perle siciliane
CLAUDIA BRUNETTO
07 aprile 2015 LA REPUBBLICA



C' una Sicilia che lavora sodo per conquistare i turisti. Che punta sui servizi, sulle strade pulite e sui beni culturali e che per questo viene premiata. Montalbano Elicona, paese di 2.500 abitanti arrampicato sui Nebrodi, si appena aggiudicato il titolo di "Borgo dei borghi, il borgo pi bello d'Italia" per il 2015. Il riconoscimento arrivato domenica sera nel corso della trasmissione "Alle falde del Kilimangiaro" su RaiTre. Una sfida fra venti comuni finalisti, uno per ogni regione, che ha visto la Sicilia vincitrice per il secondo anno consecutivo. L'anno scorso, infatti, tocc a Gangi, gioiello delle alte Madonie, conquistare lo stesso titolo.

Montalbano, grazie al sostegno di tutti i residenti, ma anche dei tanti altri siciliani che hanno espresso la loro preferenza con il webvoting sul sito del programma tv (circa 130 mila i voti complessivi, secondo un computo non ancora definitivo), ha prevalso prima su Cefal, nella sfida del 22 febbraio scorso, e poi in finale su tutti gli altri borghi d'Italia. Questo titolo esulta Filippo Taranto, sindaco di Montalbano da quasi tre anni un'occasione unica per far conoscere a tutti le bellezze del nostro paese, immerso nella natura e nella storia, con una solida tradizione culinaria e culturale. Ce l'abbiamo fatta grazie all'impegno di tutti. In queste settimane ci sono state migliaia di condivisioni sui social network di foto, video, post, eventi e locandine su Montalbano. Tutti insieme per riscattare l'immagine della Sicilia. Adesso dobbiamo rimboccarci le maniche per onorare il titolo.

Ma cosa c' di bello a Montalbano Elicona? Il paesaggio e la natura, anzitutto. Siamo sui Nebrodi, a 907 metri di altitudine, con un panorama mozzafiato sul mare, sulle isole Eolie e sull'Etna. Il bosco di Malabotta e l'altopiano dell'Argimusco, oggi riserva naturale orientata. E poi il castello di Federico II, risalente al tredicesimo secolo, e le antichissime chiese da visitare. Dai Nebrodi alle Madonie, dove c' chi di titoli ne ha conquistati tanti e continua a lavorare per attrarre turisti. Si tratta di Gangi, "Borgo dei borghi" 2014 e prima ancora "Gioiello d'Italia", titolo conferito dalla presidenza del Consiglio. Riconoscimenti che, insieme con l'idea del sindaco Giuseppe Ferrarello di "regalare" le vecchie case per ripopolare il paese, hanno fatto registrare negli ultimi anni un boom di turisti. Sono otto anni dice il sindaco di Gangi che lavoriamo per riqualificare il paese. I titoli sono stati un volano importante per incrementare il turismo, ma bisogna farsi trovare preparati e non deludere i visitatori: servizi ottimi, strade pulite, musei aperti anche durante le feste. Ristoranti e alberghi pronti ad accogliere. Anche a Pasqua e in tutti i fine settimana successivi, fino a maggio, siamo al tutto esaurito. Abbiamo lavorato sodo sulla destagionalizzazione.

Con la formula delle case vendute a un euro, un cambio dell'impegno a ristrutturarle entro tre anni, sono arrivati turisti da tutto il mondo: Australia, Stati Uniti, Brasile, Francia. Oltre cento case dice Ferrarello sono gi state "regalate". Abbiamo quaranta ristrutturazioni in corso e duemila domande da esaminare. Soltanto fra gennaio e febbraio abbiamo registrato 48 atti di vendita. La gente viene qui, conosce il paese, segue le ristrutturazioni e poi rimane. Dalla montagna al mare. Anche a San Vito Lo Capo, dove la stagione turistica si ormai estesa a otto mesi l'anno, si registrano presenze turistiche da record. Nel 2014, secondo i dati dell'Istat e dell'ufficio Statistica della Provincia di Trapani, rispetto al 2013 c' stato un incremento dei pernottamenti (presenze turistiche) del 17 per cento e un aumento degli arrivi (numero dei visitatori) del 10 per cento. Nell'ultimo triennio gli arrivi a San Vito sono cresciuti, in media, di oltre il 25 per cento, quasi tre volte in pi rispetto a quelli della provincia di Trapani e dell'intera Sicilia. Le presenze invece, sempre nel triennio, sono cresciute in media del 26 per cento, quasi il doppio rispetto alla provincia di Trapani e cinque volte di pi rispetto alla media delle presenze turistiche complessive dell'Isola.

Anche nel mese di settembre, soprattutto grazie all'effetto traino della rassegna internazionale del "Cous cous fest". Le circa 750 mila presenze annue dice Matteo Rizzo, sindaco di San Vito considerando anche i turisti che soggiornano nelle case private, fanno della nostra cittadina una delle pi importanti destinazioni della Sicilia. Questi flussi turistici generano consistenti volumi di affari per l'economia del territorio, consentendo a tanti giovani siciliani di lavorare nel settore del turismo e in tutti i comparti produttivi collegati, ma anche a tanti imprenditori di investire nel territorio.





news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news