LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ARAMENGO (ASTI)-Da Aramengo il cantiere di restauro di un museo
Lella Di Mucci
www.ilmonferrato.it, 09/04/2015

Alle origini di tradizionale Bottega del Restauro Artistico nata nellimmediato dopoguerra, si affianca oggi, senza soluzione di continuit professionale, la realt dImpresa di Nicola Restauri S.r.l., attiva e costantemente presente nello scenario complesso del Restauro: per la volont determinata e costante di mantenere vivo linteresse per gli aggiornamenti tecnico-scientifici della conservazione, per lapertura verso gli orientamenti della disciplina e le innovazioni metodologiche, sempre mantenendo un coerente e caratterizzante legame con la tradizione artigiana dellesperienza di squadra. Valori e intuizioni sempre sostenuti con vivacit e curiosit intellettuale dal Maestro fondatore Guido Nicola nella sua lunga vita lavorativa, e oggi a pochissimo tempo dalla sua scomparsa - ancora pi forti e condivisi tra tutti i collaboratori, seppure in un tempo difficile, anche per il restauro.

Le occasioni di dare il contributo alla conservazione del nostro patrimonio culturale ed artistico si sono susseguite tra i reparti del Laboratorio in Aramengo dAsti, dove si impegnano con perizia restauratori specializzati intenti al recupero di opere darte provenienti dal territorio nazionale e oltre. Si annoverano negli anni restauri di opere di gran pregio e valore, quali dipinti di collezioni pubbliche dai numerosissimi dipinti ad esempio della Galleria Sabauda ( J.van Eyck, A. van Dyck, Guercino, Veronese, Tiepolo, Rubens, Procaccini, Bassano, Lorrain, Reni..) - e private come ad esempio la collezione Olivetti con opere di Warhol, De Chirico, Kandinskij, Guttuso, moltissime pale daltare e fra tutte la Notte di San Lorenzo di Tiziano dalla Chiesa dei Gesuiti di Venezia, oltre a sculture in legno, pietra, terracotta, opere su carta e pergamene, reperti archeologici, fino a richiedere unestensione degli spazi del laboratorio ai 3500 mq di superficie attuali.

Se la notoriet e le dimensioni talvolta impegnative di alcuni capolavori, hanno nel tempo rappresentato un particolare richiamo dellattenzione sul restauro eseguito nei nostri laboratori, tuttavia costante la cura riservata ad ogni opera ricevuta in affidamento, dallo studio approfondito delle problematiche conservative attraverso indagini non distruttive alla realizzazione delle successive fasi del restauro. Con uguale impegno si interpreta lattivit di restauro sul Territorio, garantita dal lavoro coordinato di squadre operative in cantieri, che negli anni hanno toccato importanti edifici civili e di culto in nelle varie province del Piemonte, in Lombardia (ad esempio il restauro del ciclo giottesco di affreschi nellabbazia cistercense di Chiaravalle) e Liguria (Palazzo Reale a Genova), ma specialmente nella Citt di Torino e nelle sue pi alte espressioni dellarte e della cultura, dalle facciate cinquecentesche del Duomo della Citt, alla Chiesa dei Cappuccini, alle sale del seicentesco Castello del Valentino e dei piani nobili dei Palazzi Madama e Reale, degli affreschi di Legnanino a Palazzo Carignano, allomonimo Teatro, fino allavventura che oggi ci vede partecipi dellinaugurazione, per il restauro del Nuovo Museo Egizio.

Qui, nella complessit del cantiere che ha visto rivoluzionati spazi e destinazioni duso - con la contemporanea messa in atto e a norma dei piani strutturali, edili, impiantistici, allestitivi, fruitivi del Museo - il nostro mestiere stato quello di contribuire, nei tempi a disposizione, a recuperare tutti i frammenti della storia decorativa del Palazzo, inteso nella sua completezza di Monumento, oltre la sua funzione di contenitore di collezioni. La delicata e a tratti complicata vicenda del restauro delle sale al piano nobile, si tuttavia compiuta con successo grazie allindispensabile supporto delle Direzioni Operativa del Restauro, quella della Tutela, e al sostegno incondizionato della Fondazione, che ha creduto in una restituzione di tutte le valenze del Museo restaurato, ai suoi fruitori. Il Palazzo si in questi anni svelato - pi generosamente del previsto - ai nostri bisturi utilizzati con estrema cautela, laddove strati di rintonacature e tinteggi avevano in qualche modo protetto le decorazioni pittoriche risalenti a vari periodi e destinazioni degli ambienti.

Dapprima attraverso quattro corposissime campagne di saggi stratigrafici corredate da puntuali analisi chimico fisiche di laboratorio, poi con il supporto di una raffinata ricerca archivistico-documentale effettuata ad hoc data limportanza via via crescente delle informazioni preliminari fornite dai saggi, infine con lintervento di restauro, stato possibile riportare in luce la sequenza di medaglioni istoriati con ritratti di personaggi della scienza e delle arti nei due ampi saloni ottocenteschi e ancora la volta a marmorino della sala 1.1 Deir El Medina e i finti marmi a cornice delle grandi finestre, la doppia serie di medaglioni a monocromo della sala 1.2 Tomba di Kha e lintonaco a marmorino delle pareti ove ancora conservato. Lintervento nella Galleria Sarcofagi ha rivelato la sorprendente volta e tutte le lunette finemente affrescate da Lorenzo Pecheux, Pietro Fea, Giovanni Galliari tra fine 700 e primissimi anni dell800, con la rappresentazione di unelegante architettura dipinta in cui trovano posto le specie animali del pianeta al tempo conosciute, ritratte per lallestimento del Museo di Storia Naturale.

Ultima e per questo ancora pi sorprendente, stata la sala 1.7 Epoca Tarda, che un destino di rimaneggiamenti profondi dello spazio aveva trasformato in doppia sala didattica sormontata da ammezzati: riportata ai volumi originari la sala ha rivelato in volta un magnifico sfondato prospettico con putti e cartigli, racchiuso dallimponente cornicione dipinto a trompe loeil, vasi di fiori e ghirlande, mentre finte finestre emergono sulle lunette con i medesimi motivi decorativi ritrovati sugli sguinci delle vere aperture sul lato Via Accademia delle Scienze.

Ancora finestre dipinte a trompe loeil sono emerse nelle lunette della sala 1.9 Epoca Romano Copta. Le fasi del restauro per ogni ambiente si sono articolate in una prima indispensabile mappatura manuale dello stato di adesione dellintonaco al supporto murario e conseguente preconsolidamento su volte e pareti mediante infiltrazioni di malta compatibile, ricorrendo allinserimento di oltre 900 microperni in teflon fissati con resina idonea, sulla volta della sala Epoca Tarda dove lo stato di estrema criticit avrebbe impedito il recupero degli affreschi sotto scialbo. Le estesissime superfici che in base ai saggi rivelavano tracce di finiture pittoriche, sono state recuperate nella loro originaria fase di finitura decorativa, attraverso un delicato e laborioso discialbo a bisturi ad opera di numerose ed esperte maestranze. Rifacimenti incoerenti e vecchie stuccature sono state eliminate e le superfici risarcite con accurate stuccature e microstuccature a livello.

In corrispondenza di lacune e mancanze si condotta unoperazione di reintegrazione pittorica tesa a ricucire e raccordare ogni frammento originale, al fine di restituire ununitariet di lettura, con il supporto indispensabile delle analisi chimico-fisiche effettuate in corso dopera su pigmenti e malte (dalla Adamantio srl di Torino), al fine di orientare di volta in volta le scelte tecnico-operative dellintervento. Tutte le superfici di pareti e volte delle sale auliche, non interessate da decorazioni pittoriche, sono state tuttavia trattate con velature finali a base di colori a calce (stese su rasatura ad intonaco di calce applicato dalla ditta edile), alla luce di campioni condivisi con D.O. e soprintendenza realizzati in base alle stratigrafie, e nel rispetto delle coloriture originarie o antiche, caso per caso individuate.

A bisturi e per uno sviluppo di centinaia di metri quadri, stato realizzato il recupero dellapparato plastico in stucco dello Scalone Mazzucchetti risalente allultimo quarto dell800, che si mostrava estremamente alterato per la sovramissione di strati di ridipinture, protettivi, depositi di varia natura, compatti e tenacemente adesi alla superficie. Ripristinati a calco gli elementi di modellato andati perduti ed effettuati i necessari raccordi in stucco, si concordata con la D.O.

Restauro artistico e con la Soprintendenza, la metodologia relativa alle velature finali, realizzate in tre tonalit graduali a partire dalla patina chiara individuata sugli stucchi figurativi e per le cornici aggettanti; stato poi scelto un tono appena scurito per le pannellature a basso rilievo, per arrivare alla velatura di tono leggermente pi carico sugli sfondati. Tali scelte sono state supportate dalle numerose campionature di colore, effettuate sulla base di stratigrafie ed esami di laboratorio.

Anche i pregevolissimi stucchi delle lesene rastremate sormontate da semicapitelli a parete con fiori e frutti, nellAtrio - risalenti allimpianto guariniano del Palazzo sono stati discialbati a bisturi, consolidati, sottoposti a microstuccature e completamento di parti mancanti, infine riequilibrati nella patina. Le superfici in pietra della balaustra dello Scalone, delle colonne e dei capitelli sia nello Scalone che nellAtrio hanno richiesto unoperazione di delicata pulitura da cerature stratificate e protettivi alterati, di rimozione delle vecchie stuccature cementizie debordanti, il successivo rifacimento delle parti mancanti con stuccature, la reintegrazione mimetica finale a finta pietra in punta di pennello.

Lella Di Mucci - direttore operativo del cantiere di restauro-assistente direzione tecnica



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news