LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LA SPEZIA-L'antica polena al restauro nel centro commerciale
Andrea Bonatti
www.cittadellaspezia.com, 09/04/2015

La signora che abbelliva la Pirofregata Italia lascia il Museo navale e si trasferisce a La Fabbrica. I lavori di ripristino potranno essere ammirati in diretta. Il direttore Scatena: "Crediamo nel patrimonio del museo spezzino".

Cosa ci fa una polena vecchia di 150 anni in mezzo alla galleria di un centro commerciale? Semplice, va in restauro sotto gli occhi di tutti. Un po' di creativit, un po' di coraggio e una legge che apre scenari inusuali per i beni culturali ed ecco che il centro La Fabbrica di Santo Stefano Magra, il Museo tecnico navale della Spezia e la Soprintendenza per i beni culturali portano un gioiello dell'arte marinaresca per undici mesi sotto le mani sapienti di una professionista in un luogo oggi insolito, ma che forse in futuro sar considerato meno singolare.
"Alcune cose belle nascono per caso, questa volta stato proprio cos - dice Settimo Scatena, direttore de La Fabbrica - L'idea di impegnare il centro commerciale in questa iniziativa nata da una chiacchierata con il precedente direttore del Museo navale, Alessandro Camaiora, che ci ha parlato di questa opportunit che si poteva aprire con la Legge Franceschini. L'abbiamo ritenuta una cosa interessante e dopo aver affrontato la burocrazia eccoci qua pronti a partire".

Un metro e settanta e diverse decine di chili di peso, la bella dama di legno che andr dal "chirurgo estetico" la polena della Pirofregata Italia e dell'Italia una rappresentazione femminile. Uno dei pezzi forti del Museo navale spezzino che l'attuale direttore del museo, il capitano di vascello Silvano Benedetti, ha lasciato partire per undici mesi, il tempo necessario al restauro. "Per noi un'attivit importante - sottolinea l'ufficiale - perch non abbiamo fondi per la promozione, viviamo di passaparola. Avere questa visibilit in tutta la catena del gruppo di centri commerciali di cui fa parte La Fabbrica, un'opportunit che accogliamo con soddisfazione. Anche la forma con cui si arriva al restauro del pezzo molto interessante e speriamo apra la porta ad altre iniziative simili".
La domanda di permuta al Ministero della difesa, una relazione sugli interventi da portare alla polena da parte dell'esperta e poi via al progetto arrivato da Roma. Che ha ricadute positive sul centro commerciale stesso che ottiene un trattamento fiscale di favore con una modalit che in altri Paesi esiste da decenni con ottimi risultati.

Rimane, e non poco, da svolgere la parte tecnica. "Dal punto di vista scultoreo le polene sono oggetti un po' primitivi perch erano fatti dagli stessi maestri d'ascia che costruivano la nave solitamente - illustra Daniela Frati, la restauratrice - Ma hanno caratteristiche uniche dovute alla navigazione che le rendono diverse da ogni altra scultura. E' un campo poco indagato e che quindi si presta molto alla ricerca".
La ricerca della dottoressa Frati sar soprattutto incentrata sul trovare e mettere in luce il colore originale dell'opera. "La sua storia racchiusa negli strati di colore, uno sull'altro, che dall'Ottocento in poi si sono succeduti - spiega Frati - Strati che indagheremo con delle piccole incisioni con il bisturi. Quando avremo capito qual il colore pi antico a cui possiamo risalire, inizieremo a ripulirla dagli strati pi recenti. Oltre alla tonalit, saranno portate alla luce anche le forme originarie, perch ogni nuova pitturazione porta inevitabilmente a far perdere la percezione dell'intaglio dell'autore".

Di certo tre mani di una sorta di grigio chiaro vennero date nel 1928 quando fu portata dentro al museo per la prima volta; nel 1958 poi un'altra rinfrescata con una tonalit pi sul rosato. Spariranno quasi certamente. "Le polene militari di solito venivano fatte color bronzo o marmo: moltissime sono verde scuro o di un verde bronzato ottenuto grazie a una patina metallica - dice la restauratrice - Potrebbe essere questo il colore che troveremo anche per la polena dell'Italia. Ma lo sapremo solo tra qualche settimana quando avremo indagato pi a fondo. I primi saggi ci dicono che gli strati di colorazione sono almeno dodici".
Nella galleria del centro commerciale stato creato un laboratorio apposito, con tutti gli strumenti del caso e tutti i sistemi di sicurezza (allarmi, telecamere, rilevatori volumetrici e sensori) implementati per l'occasione. "Il Museo tecnico navale ha un patrimonio immenso, merita di essere conosciuto di pi e utilizzato di pi - conclude Scatena - Crediamo che anche questo contributo possa essere un obiettivo non secondario di questa operazione. Prossimamente attiveremo iniziative di fund raising affinch non sia l'unica polena a essere restaurata con queste modalit. Vorremmo diventasse una prassi".



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news