LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Chiesa di Santa Croce. A Lecce i turisti fotografano la gabbia
Salvatore Avitabile
Corriere del Mezzogiorno - Bari 10/4/2015

A Lecce la chiesa di Santa Croce, il simbolo del Barocco, ancora ingabbiata ed i turisti fanno le foto alle impalcatura. Una foto ricordo nel cantiere. I lavori di restauro, necessari dopo i piccoli crolli avvenuti nel 2011, non sono ancora stati conclusi.

LECCE. Ai turisti che arrivano a Lecce i tour operator consigliano di ammirare subito la basilica di Santa Croce, il monumento simbolo del barocco leccese, grazie soprattutto al suo splendido rosone. Ma da quattro anni, ormai, i vacanzieri che amano larte sono costretti a guardare una basilica ingabbiata. E accaduto anche ieri mattina quando un gruppo di turisti non ha potuto fare altro che scattare foto della basilica ancora con le impalcature di acciaio. Una foto ricordo con il cantiere.
La ditta Nicol di Lequile ha riavviato i lavori sulla facciata , disposti dalla Soprintendenza per i Beni Culturali, dopo i crolli del 2011 e i tre anni di analisi della pietra leccese che sono stati svolti anche con con laiuto del Cnr di Firenze. Obiettivo: comprenderne il livello di consunzione ed individuare la strategia di intervento. Le sbarre di ferro, che si trovano nella pietra leccese (sistemate dopo un restauro fatto negli anni 80), sarebbero la causa dei crolli avvenuti nel 2011 e cos verranno rimossi. Giuseppe Fiorillo, larchitetto della Curia di Lecce, in pi di una occasione ha spiegato che lintervento di restauro sarebbe necessario anche allinterno della basilica.
Secondo gli storici, dunque, la prima pietra della basilica fu posta nel lontano 1353 ma la sua costruzione si interruppe quasi subito a causa della morte del suo mecenate, Gualtiero Di Brienne. I lavori ripresero solo nel 1549 ad opera dei pi importanti architetti salentini dellepoca, quali Gabriele Riccardi, Giuseppe Zimbalo e Cesare Penna, appoggiati nellesecuzione dai maggiori maestri scalpellini e intagliatori della zona di Lecce.La chiesa di Santa Croce fu terminata nel 1699 e presenta i segni del passaggio di quasi quattro secoli. Basti osservare la facciata principale, un organismo plastico complesso, che presenta accostati elementi tipici del Rinascimento Cinquecentesco ad esuberanti fantasie barocche, il tutto in un armonioso complesso architettonico di innata bellezza e di grande prestigio per arte barocca del Salento, spiegano gli studiosi. Gabriele Riccardi complet nel 1582 lordine inferiore della facciata.Nel 1606 fu Antonimo Zimbalo a realizzare il portale maggiore che, con la sua doppia coppia di colonne corinzie e con in alto lo stemma di Filippo III di Spagna, attorniato da quello di Maria DEnghien sulla sinistra e di Gualtiero VI di Brienne Duca di Atene sulla destra, condiziona lo spazio circostante.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news