LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Capo Colonna, Calabria. le antiche rovine sotto il cemento
Gian Antonio Stella
Corriere della Sera 13/4/2015

Le rovine dellantico Foro di Capo Colonna, in Calabria, sono state coperte con un tappo di cemento armato. Ufficialmente anche se pare incredibile per proteggerle.

S ulla penisoletta del mitico Capo Colonna, in Calabria, magico luogo di storia e bellezza, hanno avuto una bella pensata: per proteggere le rovine dellantico Foro le hanno sigillate. Sotto una colata di cemento armato. Una scelta, secondo molti archeologi, da far accapponare la pelle.
Certo, se non ci sono soldi per scavare rovine antiche con scienza e coscienza, meglio lasciarle l dove stanno. Non avrebbe senso con questi chiari di luna, ad esempio, aprire nuovi cantieri a Pompei o Ercolano. Meglio dedicare ogni risorsa, professionale ed economica, a proteggere quanto gi stato portato alla luce. Perfino ricoprire scavi difficili da tutelare, come successo col villaggio preistorico di Nola allagato da una falda, pu essere saggio.
Purch il mantello protettivo, ecco il punto, possa poi esser rimosso lasciando intatto quanto c sotto. Ovvio, direte voi. Non per tutti. O almeno non per chi stato chiamato a decidere il destino di unampia area di Capo Colonna, il promontorio a sud di Crotone su cui sorgeva lo straordinario santuario di Hera Lacinia, considerato fino al IV secolo a.C. tra i pi importanti della Magna Grecia e punto di riferimento per tutti i marinai.
Del tempio, che aveva quarantotto colonne e doveva avere un impatto simile a quello di Poseidone che svetta a capo Sounion a sud di Atene (anche quello chiamato dai veneziani Capo Colonne, esattamente come quello calabrese fino al 700), resta solo una colonna. Magnifica, nella sua solitudine. Ma via via accompagnata nello scorrere del tempo dalla nascita, probabilmente fra lXI e il XIII secolo, di una chiesa dedicata dai frati basiliani alla Madonna, dalla Torre Nao del XVI secolo e da vari edifici tirati su via via intaccando in parte la magia dei luoghi.
Celebre per avere ospitato per secoli una antica icona probabilmente bizantina oggi nel Duomo di Crotone, icona che secondo la tradizione sarebbe stata dipinta da San Luca, la chiesa di Santa Maria di Capo Colonna da tempi lontani amatissima dai fedeli. I quali accorrono a migliaia, nella terza domenica di maggio, per la processione notturna da Crotone e per venerare il quadro che nel 1638 fece scappare i turchi e protesse Crotone da tanti terremoti.
In questo contesto, stando alle parole del sindaco crotonese Peppino Vallone, del Pd, le autorit locali decisero tempo fa di fare davanti alla chiesa una grande spianata. O meglio, di dare una sistemata al grande piazzale che negli anni Settanta, quando la sensibilit per queste cose era ancora pi bassa di oggi, era stato parzialmente coperto da asfalto via via degradato.
Il fatto che, scava scava, a partire dallestate scorsa, ai piedi della Torre, come rivelano le foto che pubblichiamo, son saltati fuori nuovi resti archeologici. Anzi, secondo larcheologa Margherita Corrado, animatrice di uno dei movimenti che contestano la cementificazione, si tratta con ogni probabilit del Foro. Il che avrebbe dovuto consigliare gli esperti della Sovrintendenza di bloccare tutto.
Macch: sentito il ministero, i lavori sono andati avanti. Immediata rivolta degli ambientalisti e degli appassionati darte riuniti nei comitati Sette Soli, Gettini di Vitalba e Salviamo Capocolonna e appoggiata dal Fondo Ambiente Italiano: come osano fare un parcheggio per le macchine in un luogo come Capo Colonna? Risposta del sindaco, affidata a ilcrotonese.it: Il progetto non prevede parcheggi, impensabili da realizzare perch larea interdetta al traffico se non in via straordinaria. E allora? solo il prolungamento del sagrato della chiesa.
Finch a gennaio, quando le ruspe si sono messe in movimento, un gruppo di volontari riuniti dal comitato Occupy Capocolonna, si mise di traverso occupando larea giorno e notte e riuscendo a coinvolgere lallora ministro degli Affari regionali Maria Carmela Lanzetta che, davanti a tutto quel cemento, si schier: Non c dubbio che questo progetto assolutamente da cambiare. Tutto inutile. Come inutile si sarebbe rivelata una dura interrogazione parlamentare dei grillini Paolo Parentela e Nicola Morra, decisi a pretendere dal governo la messa in sicurezza del parco archeologico di Capo Colonna senza intaccare il valore storico ed artistico dei ritrovamenti.
Via via che passavano i giorni e si avvicinava quella terza domenica di maggio con lappuntamento annuale dei pellegrini, i lavori sono ripresi. Tutto coperto. Ma non con la sabbia, la terra o una pavimentazione rimovibile: con una gittata di cemento compattata da una rete elettrosaldata. Col risultato che domani, se qualcuno volesse studiare il Foro e i resti archeologici, dovr prima rimuovere quel tappeto cementizio usando il martello pneumatico. Auguri.
Saputa la cosa e viste le foto della rete elettrosaldata, il nuovo direttore generale dellArcheologia Gino Famiglietti pare sia saltato sulla sedia. E abbia deciso di sospendere tutto per capire meglio. Vedremo. Certo, a vedere le immagini del prima e del dopo viene in mente Cetto La Qualunque, il personaggio inventato da Antonio Albanese: Basta con ste pietre vecchie, anfore, tombe, elmi, scudi, pezzi di colonne, capitelli consumati... Insommamente: macerie! Meglio bonificare la zona con ligiene e leleganza del cemento armato.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news