LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

E venne il giorno di Leonardo tra carte e quadri c' (quasi) tutto
CHIARA GATTI
15 APRILE 2015, LA REPUBBLICA



LA NATURA una cosa meravigliosa. Il monito di Leonardo sulla bellezza del creato risuona chiaro nelle sale della mostra che Palazzo Reale dedica da oggi (inaugurazione ore 19.30) al genio toscano. E, fin dalle prime opere una scelta precisa di disegni d'architettura ispirati alle leggi auree che regolano l'universo si capisce l'anima della sua ricerca, di artista e scienziato: tutto calcolo, la natura si esprime in numeri e simmetrie, la matematica l'alfabeto del mondo. Affascinante, ma non semplicissimo. E infatti i curatori Pietro Marani e Maria Teresa Fiorio mettono sull'avviso: una mostra che richiede uno sforzo di concentrazione, per comprendere il gioco di rimandi fra carte e dipinti, fra i pensieri di Leonardo e i teorici del passato; fatto questo, si potr viaggiare nella sua mente, senza segreti .

Dopo cinque anni di lavoro, studi e negoziazioni, polemiche su arrivi confermati e rifiuti mal digeriti la grande Annunciazionedegli Uffizi rimasta a Firenze e la Dama con l'ermellino a Cracovia l'antologica di Leonardo, prodotta da Comune e Skira e sostenuta da Bank of America Merrill Lynch, non delude le aspettative. E, insieme alla curatela scientifica di un percorso rigoroso, sfoggia numeri da primato. Quattro milioni di euro di spesa e 2 miliardi di valori assicurati per 200 opere di cui 7 dipinti di Leonardo (sui 20 che ha siglato) e 100 suoi disegni, compresi 30 usciti dalla collezione della Regina d'Inghilterra e altrettanti dall'Ambrosiana. Se nel 2011 la mostra di Leonardo alla National Gallery di Londra fu definita "the big show" grazie ai nove oli esposti su novanta pezzi, qui l'impegno non da meno e, anzi, incassa qualche punto in pi per la presenza del celebre Uomo vitruviano, iconadiuncorpodalle misure perfette, un disegno mai prestato dalle Gallerie dell'Accademia di Venezia. A parte il banale dibattito sulle quantit, scopriamo un itinerario diviso per temi e dipanato in un allestimento vellutato di Corrado Anselmi che non cerca effetti scenografici. Il sottotitolo Il disegno del mondo spiegasubito il collante fra le sezioni. Sullo sfondo della Firenze del Rinascimento, animata dalla disputa sul disegno, padre di tutte le arti secondo Ghiberti e Vasari, Leonardo scelse carbone, biacca e punte d'argento come mezzo d'indagine del reale e di costruzione della conoscenza. La Madonna Dreyfuss dellaNational Gallery di Washington, primo capolavoro dei magnifici sette, dialoga con studi morbidi di panneggi, seguiti dalla piccola Annunciazione del Louvre, da volti femminili e brani di natura, rocce e grotte un po' tedesche (ispirate dalla calata di Drer in Italia), che fanno dascenarioal San Gerolamo deiMusei Vaticani. Qui la potenza del segno si sfoga nel collo del santo, un fascio di muscoli contratti. Bello il raffronto con le sculture del Verrocchio, il maestro che gli insegn lo spirito di geometria: accanto alsuomarmofamoso,laDama col mazzolinodel Bargello, s'incontrano gli occhiprofondidella Belle Ferronire, altro gioiello del Louvre, cos ipnotica e oscura da competere con la Monna Lisa.

Dopo un capitolo ricchissimo con studi di cavalli, dettagli di zoccoli e posture, modelli in bronzo per il monumento a Francesco Sforza progettato negli anni del soggiorno milanese, ma rimasto sulla carta per la fuga dovuta all'invasione dei francesi, si apre quello dedicato ai misteri dell'anima e del volto. il turno del Musico dell'Ambrosiana, espostoaccantoallosplendido Ritratto d'uomo di Antonello da Messina, e poi degli studi anatomici, dove la matematica mette ordine nelle proporzioni esattedeivisi,comela Scapiliata diParma, e delle mani, nel disegno per la posa gentile di Cecilia Gallerani, la Dama con l'ermellino, amante di Ludovico il Moro. Superate le sale che celebrano il talento ingegneristico, macchine meravigliose per il mestiere delle armi, per volare o immergersi negli abissi, la mostra si chiude sull'ultimo masterpiece, l'enigmatico San Giovanni Battista, circondato da disegni sui moti dell'acqua che Leonardo diceva sono pari a quelli dei capelli. Peccato per l'epilogo che indaga l'eredit del maestro, ammassando brutte copie e refrain contemporanei. Inutile.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news