LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PISA - Il Comune pu comprare il teatro Rossi
10 aprile 2015 IL TIRRENO



Gli abiti medioevali non ci donano. questo il titolo del documento condiviso sul web dagli attivisti del Tra (teatro Rossi aperto) nel quale si sollecita l'amministrazione comunale a prendersi carico del Teatro. Abbiamo capito che l'obbiettivo di una riapertura "ufficiale" del teatro attraverso un percorso partecipativo non pu contare che in un contributo pi che marginale da parte dell'amminsitrazione comunale. Questo il commento degli attivisti dopo l'incontro informale del 23 marzo con il sindaco di Pisa, Marco Filippeschi, e con Andrea Ferrante, assessore comunale alla cultura. Il Tra fa una richiesta precisa: far partire un meccanismo di federalismo demaniale e iniziare un percorso di recupero a piccoli passi. Gli esponenti del teatro Rossi aperto aggiungono che ci trova fondamento sostanziale nella disponibilit della Regione Toscana, incontrata da una delegazione del Tra a febbraio, a finanziare una prima fase dei lavori. Il teatro Rossi fu costruito nel XVIII secolo e dichiarato inagibile negli anni '60. Obiettivo degli attivisti, che lo gestiscono da due anni e mezzo, evitare l'abbandono. Ci sono tutti i margini, legali e politici, per riconoscere l'impegno dei cittadini - scrivono - cos come la stessa Soprintendenza di Pisa non ha avuto problemi a riconoscere. Il Tra giunge dunque alla conclusione secondo cui la proposta, articolata ma praticabile, non piaciuta al sindaco Filippeschi e all'assessore alla cultura Ferrante, i quali proprio non pensano a "mettersi in casa" il peso di un bene del genere, con tutto quello che pu costare in termini di ristrutturazione. Ferrante replica che il teatro non del Comune, ma di propriet del ministero dei Beni culturali. Si chiede all'amministrazione di Palazzo Gambacorti di prenderne la propriet, ma il costo di ristrutturazione stimato in diversi milioni di euro e il Comune non li ha. Lo stato strutturale dell'immobile problematico e nessuno pu permettersi che crolli. Non questo il modo per risolvere il problema. Capisco - conclude Ferrante - l'investimento affettivo e l'impegno sociale, ma il tema molto complesso. Vanno ancora capiti quali soni i percorsi per la sua gestione: il Comune pronto a fare la sua parte, ma ci deve essere un coinvolgimento ampio e chiaro degli attori. I costi per la gestione del teatro sono alti e i percorsi amministrativi ancora devono essere dotati di tutti i crismi.(g.co.)



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news