LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Benvenuti alla Galleria Estense, la nuova meraviglia di Modena
di Stefano Luppi
14 aprile 2015 GAZZETTA DI MODENA



Tinte sobrie, lo sfondo in varie tonalit di grigio fa emergere i colori dei quadri e delle sculture Le novit della sala dei ritratti e quella dedicata a Nicol dellAbate. Esposte 600 opere, 50 inedite

Colori sobri, una scala di grigi, luce in parte naturale e in parte fornita anche da nuovi luci al led, opere posizionate in maniera pi razionale con esaltazione di capolavori come il busto di Bernini raffigurante Francesco I d'Este, il ritratto dello stesso duca di Vlazquez, le sculture di Begarelli, gli affreschi staccati di Lelio Orsi. la nuova Galleria Estense - dopo avere ottenuto l'autonomia amministrativa dal ministero si chiamer Museo Galleria Estense e ingloba il Palazzo Ducale di Sassuolo - che riapre a tre anni dal sisma.


La Gazzetta l'ha visitata in anteprima insieme all'ex soprintendente Stefano Casciu, oggi a capo del Polo museale regionale della Toscana appena creato dal ministero dei beni culturali. La prima delle 22 sale del percorso stata solo in parte modificata: Abbiamo lasciato, cambiando per alcune posizioni, le vetrine che contengono alcuni importanti oggetti delle multiformi collezioni estensi, spiega Casciu che mentre parla d gli ultimi consigli ai suoi collaboratori su dipinti ancora da posizionare. Anche lo spazio per il protagonista di questa sala, e dell'intero museo, ossia il busto di Bernini che pochi giorni fa era ancora imballato, gi pronto. Lo posizioniamo - spiega Casciu - sulla parete opposta all'ingresso su sfondo grigio scuro, in questo modo si esalta il bianco del marmo. Naturalmente l'opera sar collocata sul nuovissimo piedistallo antisismico, anche se stiamo discutendo dell'altezza a cui storicamente il busto sempre stato mostrato.



Se gi dalla prima sala si comprende la grandiosit della collezione Estense, nei secoli passati nota in tutta Europa perch oltre che da dipinti e sculture era composta anche da eccezionali oggetti da Wunderkammer, troveremo tante altre sorprese. Le quattro direttrici dello spazio museale - continua il responsabile del progetto - sono infatti state dedicate alle opere cardine del museo: al Bernini si aggiunge il Vlazquez, Begarelli, Lelio Orsi a cui abbiamo aggiunto la Crocifissione di Guido Reni che a un certo punto percorrendo le sale si vede anch'esso in lontananza. Siamo stati attenti anche agli aspetti scenografici. La visita prosegue negli spazi, colorati di un grigio pi chiaro e vicino al bianco abbacinante che volle negli anni Settanta Palncaldi, del primo corridoio dove svetta la straordinariet del Sant'Antonio da Padova di Cosm Tura che entr in Galleria solo nel 1906, acquistato dal Ministero in occasione della dispersione della quadreria Santini di Ferrara.

Posizioniamo in questi spazi - spiega la nostra guida d'eccezione - le opere pi antiche a partire da quelle dal fondo oro, tra cui il Tura che ho mantenuto senza cornice in una teca trasparente. La scultura dello Spinario l'abbiamo spostata in altra sala, mentre le opere d'arte toscane sono vicine a Correggio: abbiamo posizionato qui, su basamenti nuovi, alcune sculture di Begarelli. In queste sale mettiamo per l'illuminazione i nuovi fari a led. Andiamo avanti e arriviamo all'angolo con altre sculture di Begarelli posti vicino agli affreschi staccati delle Beccherie di Nicol dell'Abate. Poi - continua Casciu - abbiamo la sala dei Ferraresi, con gli importanti lavori di Dosso e Battista Dossi, insieme alla straordinaria Arpa Estense, alcuni busti di Ercole II e Alfonso I d'Este e altri dipinti del periodo estense ferrarese in parte non esposti in precedenza.


Oggi in tutto nel museo ci sono 609 opere di cui 327 dipinti, 40 sculture e 242 oggetti di varia natura; sono 50 i manufatti artistici aggiunti, provenienti dai magazzini. Successivamente - continua l'ex soprintendente - incontriamo una sala di nuova costituzione con i ritratti. Qui abbiamo posizionato Vlazquez in una delle nicchie dei musei che abbiamo riscoperto durante i lavori, insieme ai dipinti di altri autori tra cui Campi, Loves, Guercino. Abbiamo poi lo spazio quasi chiuso che ospita gli affreschi staccati dal Palazzo Ducale di Scandiano eseguiti ancora da Nicol dell'Abate e posizionati su un grigio scuro. Qui tramite la realt aumentata leggibile dai tablet sar possibile vedere com'erano in origine collocati i dipinti.


Arriviamo poi agli spazi di Lelio Orsi da Novellara e al salone dei Veneti: Qui - dice Casciu - abbiamo messo alcune sculture e cambiato le posizioni di Tintoretto ed El Greco, posizionando anche lo straordinario cofano da viaggio estense. Le ultime sale, infine, sono dedicate all'importante Seicento emiliano con Guercino, Reni, i Carracci e ai dipinti modenesi fino ai primi del XVIII secolo. Il museo anche stato dotato di cartellini nuovi di zecca e una guida utile alla visita edita da Franco Cosimo Panini. Tutto quasi pronto per la serata del 29 maggio, durante la quale Modena potr dire con orgoglio di avere uno dei musei pi belli d'Italia. Il nuovo direttore, nominato a giugno, avr di che lavorare perch la dote lasciata da Casciu, dall'ex direttore Davide Gasparotto e dagli altri collaboratori davvero notevole per qualit e raffinatezza.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news