LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MODENA - Un tesoro ricostruito dopo i gravi danni del terremoto 2012
14 aprile 2015 GAZZETTA DI MODENA



Unoperazione di recupero brillantemente eseguita con un costo complessivo di oltre 800 mila euro





La nuova Galleria che i visitatori finalmente rivedranno dal 29 maggio molto differente da quella che lo stesso giorno di tre anni fa, dopo le terribili scosse delle 9 e delle 13,30, i responsabili videro entrando coraggiosamente all'interno di Palazzo dei Musei. Stefano Casciu e Luca Bellingeri, quest'ultimo ex direttore della Biblioteca Estense collocata nel piano sottostante la Galleria, trovarono una situazione molto complicata. Per fortuna non danni riparabili alle opere - hanno detto di recente i due dirigenti ministeriali - ma tanti materiali fuori dalla loro posizione. Al Museo grazie a due coraggiosi custodi rimettemmo anche sul loro piedistallo alcune sculture che per fortuna non si erano rotte, ma erano in bilico. Da quel giorno in poi si inizi a pensare a un restauro dei due prestigiosi istituti culturali, con una collaborazione tra il Ministero e il Comune proprietario di Palazzo dei Musei. Prima vennero risolti i danni, poco ingenti, alla Biblioteca Estense che ha riaperto alcuni mesi fa e poi si pass al museo. Qui i gravi danni hanno avuto bisogno di un lavoro lungo e successivamente ha preso tempo anche il delicato riordino dell'allestimento che una sorta di aggiornamento di quello storico voluto tra il 1968 e il 1975 da Amalia Mezzetti e Leone Pancaldi. La Galleria Estense dunque riapre dopo tre anni di lavori e un investimento di 760 mila euro, con appunto 50 nuove opere e un percorso museografico migliorato. I danni riguardavano gravi lesioni alle pareti, alcune coperture scollegate dai muri portanti, una struttura inagibile e pericolante, tante opere d'arte dunque a rischio. I lavori sono coperti quasi totalmente con i fondi del Ministero dei Beni e delle Attivit Culturali e del Turismo. Non sono per mancate nell'ultima fase donazioni da parte di aziende e privati per 60mila euro.

Il primo passo, preliminare all'avvio dei lavori di riqualificazione, stato lo spostamento di tutte le opere d'arte all'interno di un deposito provvisorio. Il cantiere si poi aperto con la demolizione delle due pareti lesionate; seguito il collegamento delle coperture alla struttura portante, quindi stata migliorata la stabilit di queste e altre pareti danneggiate attraverso l'impiego di fasce orizzontali in fibra di carbonio. La salvaguardia del busto di Francesco I d'Este del Bernini - spiega Federico Fischetti anche lui presente alla visita in Galleria alcuni giorni fa - era senza dubbio una priorit. Per garantire la totale messa in sicurezza del principale capolavoro del museo stato realizzato uno speciale basamento antisismico: in caso di terremoto le tecniche di isolamento sismico utilizzate rendono indipendente lo spostamento dell'opera da quello dell'edificio in cui esposta, riducendo al massimo la sua vulnerabilit. Questo progetto stato in parte finanziato dagli Amici della Galleria Estense e in parte attraverso il crowdfunding. (s.l.)


Capolavori giunti in citt quando divenne la capitale del Ducato

La Galleria Estense trae origine dalle importantissime collezioni degli Este, dapprima marchesi poi duchi di Ferrara che si trasferirono nel 1598 a Modena portando con loro nella nuova capitale larga parte delle proprie opere, migliaia tra dipinti, sculture, oggetti di ogni foggia. Le raccolte vennero prevalentemente alloggiate nel nuovo e sontuoso Palazzo Ducale, edificato a partire dal 1630 attorno ad un nucleo di origine medievale. Dopo il trasferimento degli Este a Modena le raccolte si arricchirono grazie al lascito testamentario del cardinale Alessandro d'Este (1624) e soprattutto grazie a Francesco I dEste (1629-1659), il quale per incrementare la Galleria Ducale non esit a sottrarre importanti pale d'altare da numerose chiese del ducato. Nel 1746 cento importanti capolavori di Correggio, Parmigianino, Guercino e altri vennero venduti all'Elettore di Sassonia e oggi sono alla Gemldegalerie di Dresda, mentre i duchi nel 1854 aprirono la collezione al pubblico in Palazzo Ducale. Nel 1894 lo storico dell'arte Adolfo Venturi riapr il museo a Palazzo dei Musei. (s.l.)



Posto donore per Il busto del Bernini e il ritratto del Velazquez

Lungo il percorso ci sono naturalmente anche i due capolavori artistici del museo, il busto di Gian Lorenzo Bernini e il dipinto di Diego Vlazquez entrambi raffiguranti il duca Francesco I d'Este. Il primo, un grandioso marmo barocco, venne realizzato nel 1650 quando il duca di Modena si rivolse al fratello, cardinale Alessandro dEste, per avere l'opera che l'anno seguente giunse in citt trasportata su un carro trainato da buoi. Il ritratto a olio venne invece eseguito tra il 1638 e il 1639 quando Francesco I si trovava a Madrid ospite dei reali di Spagna.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news