LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

GUERRA PER IL RESTAURO
di Enrico Tantucci
12 aprile 2015 la nuova Venezia

VENEZIA Mentre fremono quotidianamente trapani e martelli pneumatici all'interno del Fontego dei Tedeschi per la ristrutturazione in corso operata dal gruppo Benetton con la sua societ Edizione per trasformarlo in un grande magazzino poi gestito dal marchio francese Dfs, si riapre, ancora una volta, la battaglia legale sulla legittimit dei lavori autorizzati dal Comune e dalla Soprintendenza dopo un iter tormentato. Italia Nostra - dopo la "sconfitta" al Tar per il ricorso presentato che dichiarava, a suo giudizio, l'illegittimit - ha infatti presentato ricorso al Consiglio di Stato, che sar discusso tra pochi giorni, ponendo, in un senso o nell'altro, la parola fine alla lunga battaglia sull'intervento di trasformazione del cinquecentesco edificio. Sotto accusa in particolare, nel ricorso riproposto da Italia Nostra, tre punti contestati. La terrazza-altana panoramica in corso di realizzazione sul tetto dell'edificio. Il nuovo piano di circa 400 metri quadrati che sar ricavato sotto il lucernario attuale, per farne una sala congressi e manifestazione. E il grande foro circolare previsto dal progetto di Rem Koolhaas e dello Studio Oma tra il primo e il secondo piano, ricavato all'interno delle murature attuali del porticato, come un "segno" architettonico che indichi ai frequentatori del grande magazzino la presenza delle scale mobili. Nel merito, il Tar aveva respinto il fatto che la nuova attivit commerciale del Fontego fosse in contrasto con l'interesse pubblico dell'edificio. Per il Tar anche gli ampliamenti dell'edificio realizzati da Edizione con i lavori non sarebbero significativi e non sarebbe valutabile come un elemento a s stante la trasformazione del tetto per realizzare uno spazio panoramico. In generale sulle varie trasformazioni previste - compreso il foro - il Tar le aveva giudicate di importanza secondaria rispetto a quelle pi radicali all'edificio gi eseguite dalle Poste negli anni Trenta. Di qui il no al ricorso di Italia Nostra che ora si appellata appunto al Consiglio di Stato contestando la sentenza dei giudici amministrativi. Per l'associazione ambientalista non sarebbe n certo n stabilito l'interesse pubblico che giustificherebbe il cambio di destinazione d'uso concesso dal Comune al gruppo Benetton per l'edificio. Inoltre per il Tar la realizzazione del nuovo piano sotto il lucernario avrebbe comportato addirittura una diminuzione della volumetria complessiva del Fontego, che Italia Nostra, dati alla mano, contesta fermamente, invocando l'alterazione paesaggistica. Per quanto riguarda la terrazza-altana e il foro voluto da Koolhaas, per Italia nostra non sarebbero ammissibili con il fatto che - dopo gli interventi di ristrutturazione compiute dalle Poste negli anni Trenta - l'aspetto dell'edificio era gi di fatto alterato, come ha sostenuto il Tar, perch il tetto e il lucernario erano rimasti intatti, mentre ora verrebbero profondamente modificati - con l'inserimento di travi di acciaio per realizzare la soletta di sostegno del nuovo piano che Edizione ha gi iniziato a collocare sul tetto - e il foro andrebbe comunque ad alterare le murature originali dell'edificio. Italia Nostra non contesta la destinazione commerciale stabilita per il Fontego dei Tedeschi - visto che simile era il suo uso anche all'origine - la le manomissione a cui il palazzo verrebbe sottoposto per consentirla e chiede pertanto con il suo ricorso al Consiglio di Stato l'annullamento dell'autorizzazione paesaggistica della Soprintendenza e del Comune e del permesso di costruire in deroga rilasciato a Edizione. I lavori sono in corso, ma non sono escluse altre sorprese.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news