LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Come tradire Giotto e Caravaggio con la nuova storia dell'arte
di Tomaso Montanari
22 Aprile 2015



Nella cos detta riforma della "Buona Scuola" gli slogan coprono il vuoto culturale e la storia dell'arte diventa una serie di immagini e strumento finalizzato alla costruzione del Made in Italy, La Repubblica, 22 aprile 2015 (m.p.g.)

Un impegno mantenuto e una scelta di civilt: il ritorno della storia dellarte e della musica nelle scuole, ha annunciato il ministro per i Beni culturali Dario Franceschini. Ma in questi giorni un vasto movimento di insegnanti di storia dell'arte si chiede se le cose stiano davvero cos: e a leggere il disegno di legge sulla cosiddetta Buona Scuola lo scetticisimo appare del tutto fondato.

Nel testo, infatti, non si parla mai di un insegnamento curricolare di 'storia dell'arte', ma genericamente di potenziamento delle competenze nella musica e nell'arte e di alfabetizzazione all'arte, alle tecniche e ai media di produzione e diffusione delle immagini. Cio: non si studieranno Giotto e Caravaggio come si studiano Dante e Galileo, ma ci sar una infarinatura di immagini, fossero pure quelle dei cartelloni pubblicitari. Insomma, siamo di fronte al rischio concreto dell'ennesima espulsione del metodo critico della storia dalla scuola italiana: nell'et del presentismo non c' spazio per la scienza degli uomini nel tempo (Marc Bloch), nel paese dell'esasperato storytelling politico non c' spazio per il vitale antidoto della storia.

E c' ancora di peggio: l'abbandono della 'storia dell'arte' come materia potrebbe essere funzionale ad un collocamento della cosiddetta 'immagine' nelle ore aggiuntive e facoltative, e ad un suo insegnamento indiscriminatamente aperto a docenti di 'materie umanistiche'. Se, alla fine, la Buona Scuola partorisse un simile mostro sarebbe davvero la fine di una qualunque educazione storica al patrimonio culturale.

I dubbi si aggravano quando si legge il documento illustrativo del governo, appropriatamente aperto da una copertina, rosa shocking, impaginata come una confezione di caramelle.
un testo di una rozzezza culturale imbarazzante, le cui parole chiave ripetute a mo' di mantra sono 'creativit' e 'bellezza'. Una usurata retorica da imbonitori che annuncia di voler formare giovani capaci di ripartire dal Made in Italy, per metterli in grado non gi di conoscere e comprendere, o magari di amare (come ha detto il presidente Sergio Mattarella nel suo discorso di insediamento) ma di valorizzare le nostre meraviglie artistiche all'interno dell'offerta turistica, anche scegliendo strade imprenditoriali. Dentro questo 'avviamento all'impresa' (anzi, alla triste rendita del petrolio d'Italia) di stampo ultraberlusconiano, c' evidentemente poco spazio per la 'storia dell'arte'. E infatti l'entusiastico motto : riportiamo la creativit in classe.

Come nel caso dello Sblocca Italia, anche nella Buona Scuola non si salta coraggiosamente verso un futuro lontano, ma si riscaldano formule vecchie, logore, fallimentari. Tanto che la miglior diagnosi quella che Giulio Carlo Argan emise nel 1972: La storia dell'arte materia storica e la cosiddetta classe dirigente, che la scuola dovrebbe formare, ha pi bisogno di coscienza storica, che di talenti creativi. Che l'attuale ne sia sprovveduta si vede dal modo con cui ha vergognosamente dilapidato il patrimonio artistico di cui ora, affinch seguiti a farne scempi senza scrupoli e rimorsi, si progetta di sopprimere lo studio. La borghesia vuole che i suoi figli seguitino come i padri a inquinare allegramente mari e fiumi, a speculare rapacemente sul suolo delle citt e delle campagne, a esportare impunemente capolavori nel baule della fuoriserie. A questo la riduzione della storia dell'arte nella scuola secondaria serve egregiamente.
Siamo sempre fermi l: da questo punto di vista (ma, temo, non solo da questo) la Buona Scuola, oltre che sbagliata, vecchia decrepita.

http://www.eddyburg.it/2015/04/come-tradire-giotto-e-caravaggio-con-la.html


news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news