LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

"Linea C, tra due anni ai Fori e 1,3 miliardi per San Pietro"
CECILIA GENTILE
23 aprile 2015 LA REPUBBLICA






OLTRE cinque chilometri e sei stazioni. Tra giugno e luglio la metro C far un altro passo avanti per il centro, aprendo alla citt il tratto fra Centocelle e Lodi, a due passi da San Giovanni. Poi, a met 2016, toccher ai 600 metri tra Lodi e San Giovanni. Per il resto, le date diventano pi nebulose. Omodeo Sal, presidente di Roma Metropolitane, dice che tra due anni le talpe arriveranno ai Fori Imperiali, ma su quando gli ulteriori tre chilometri saranno utilizzabili dai romani si accettano scommesse. E qui con i soldi ci fermiamo: la terza metropolitana di Roma finanziata fino alla stazione Fori Imperiali, per quasi 3 miliardi di euro, costo equivalente all'investimento complessivo previsto dall'appalto del 2006 per l'intero tracciato Pantano - Clodio/ Mazzini.

Poi ci sono le speranze e le buone intenzioni. Che tradotto in pianificazione significano un progetto definitivo fino a Venezia ed uno preliminare fino a Ottaviano, entrambi consegnati a dicembre al ministero nell'ambito del decreto Sblocca Italia, in attesa di finanziamenti. Il progetto da Venezia a Ottaviano comporta tre stazioni, Venezia, appunto, San Pietro, prevista tra via della Conciliazione e Castel Sant'Angelo, e Ottaviano. Nessuna fermata verr realizzata tra Venezia e San Pietro, un chilometro e mezzo che rimarr senza accessi intermedi: n Argentina, n Chiesa Nuova, come previsto in origine. Troppo complicato per i divieti della soprintendenza spiega Sal ma il concetto di rete salvo e dunque il valore trasportistico dell'opera, perch a Ottaviano si potr scambiare con la linea A. Completano il progetto tre chilometri di binari pi la fornitura dei treni, dai 5 ai 10 per quel tratto, prodotti da Ansaldo Breda. Costo complessivo stimato 1,3 miliardi di euro.

Per il prolungamento fino alla Farnesina finora c' solo la speranza, con capofila Sal: C' un impegno legato alla candidatura alle Olimpiadi, quello di arrivare a Farnesina per il 2024, ripete pi volte il presidente.

Intanto, il prossimo gioved 30 aprile, le nuove sei stazioni del tratto Centocelle Lodi saranno aperte e visitabili dai cittadini dalle 12.30 alle 19.30: Mirti, Gardenie, Teano, Malatesta, Pigneto, Lodi. Le stesse stazioni che ieri i giornalisti hanno visitato in anteprima invitati dal consorzio Metro C, composto dalle imprese costruttrici Astaldi, Vianini Lavori, Ansaldo Sts, Cmb, Ccc. Avanti e indietro su uno dei treni driverless, senza conducente, che quando l'opera verr completata saranno in tutto 30. Un viaggio tra stazioni imponenti che in periferia si impongono come nuove piazze e insieme segno architettonico. Nella stazione Teano, per esempio, verr collocata una nuova copia del Marco Aurelio, realizzata dall'istituto europeo di restauro. Sopra la stazione del Pigneto al posto di un'area verde degradata, ora ci sono un campetto di calcio e un parco giochi frutto di una progettazione partecipata.

Sono fieri delle opere realizzate Franco Cristini e Fabio Giannelli, rispettivamente presidente e amministratore delegato di Metro C. Ma la convocazione della stampa anche l'oc- casione per lanciare un nuovo "j'accuse" al Campidoglio. Oggi la giornata dei costruttori , premette Cristini. E poi partono le accuse. Per quanto riguarda i ritardi, colpa delle 45 varianti tutte ordinate dall'amministrazione , dice il presidente. E ancora: Il contraente generale ne ha subito le conseguenze. Queste varianti sono costate poco pi di 300 milioni di euro con una significativa incidenza anche sui tempi di realizzazione. Tra le varianti pi significative quella che riguarda la stazione di San Giovanni: nel progetto iniziale si doveva passare sopra la linea A, ma visti i ritrovamenti archeologici e quanto stabilito dalla sovrintendenza si cambiato il progetto, e ora da Lodi a San Giovanni si passa sotto la linea A. Infine, sempre Cristini: Siamo in una situazione finanziaria molto grave. Metro C ha fatture emesse e non pagate per un importo di 132 milioni di euro, oltre a 57 milioni di mancata contrattualizzazione di lavori ordinati e gi eseguiti. Ci stanno mettendo in una situazione di difficolt finanziaria insostenibile che si riflette anche su tante grandi, piccole e medie imprese che lavorano con noi. Il Comune deve dirci cosa ha intenzione di fare.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news