LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

"Cos sar la Scuola di Pompei"
ANTONIO FERRARA
21 aprile 2015 LA REPUBBLICA

POMPEI ha il grande vantaggio di favorire l'isolamento. Si potr fare un'esperienza con colleghi italiani e stranieri per 2 anni imparando a lavorare insieme. Giuliano Volpe stato confermato due mesi fa presidente del Consiglio superiore dei beni culturali, organo consultivo del ministro. Archeologo, stato rettore dell'universit di Foggia.

Professore Volpe, da dove nasce l'idea della Scuola di Atene e Pompei?

Dall'importanza che Pompei ha avuto nella formazione degli archeologi. Lo intu Giuseppe Fiorelli gi nel 1866. Vogliamo rifarci a quella tradizione che all'epoca non trov molti consensi perch si riteneva che l'attivit sul campo non fosse necessaria per formare gli archeologi. Fiorelli fu lungimirante.

La sede della Scuola sar al Palazzo reale di Quisisana.

S, posto bellissimo. Me ne ha parlato il soprintendente Massimo Osanna. Si valorizza cos, in maniera intelligente, il patrimonio monumentale. D'altronde obiettivo del Grande progetto Pompei quello di uscire dal sito e coinvolgere il territorio .

Nel 2008 a Roma fu siglato un protocollo per la nascita della sede distaccata dell'Istituto per la conservazione e restauro a Castellammare. Come mettere insieme le cose?

Si tratta di attrezzare le aule, i laboratori, di pensare alla foresteria per studenti e docenti. Io penso che l'alta formazione in archeologia debba riguardare anche attivit di restauro come intervento preventivo in corso di scavo. A Quisisana nascer una grande struttura che pu vedere il coinvolgimento dell'Iscr e la formazione rientra nelle attivit della nuova direzione generale Educazione e ricerca.

Come operer la Scuola di Atene a Pompei?

Col protocollo firmato dai ministri Franceschini e Giannini il 19 marzo i due ministeri, Istruzione e Beni culturali, tornano ad agire insieme, cos come era 40 anni fa. Questo rende possibile far intervenire a Pompei la Saia, la Scuola archeologica italiana di Atene, l'unica nostra scuola all'estero che vive un momento difficile per i tagli subiti e opera tra grandi difficolt.

Pompei in soccorso di Atene, dunque?

L'idea potenziare la Scuola di Atene agganciandola a Pompei in maniera che gli allievi possano formarsi in Grecia e Campania. Grazie alla presenza di Pompei, destinataria di importanti risorse, sar possibile utilizzare fondi per sostenere un'istituzione prestigiosa come Sar una scuola di alta formazione, con una missione delicata: mettere in campo una nuova generazione di archeologi che si occupi non solo dello scavo, ma anche di fruizione dei monumenti, di restauro, di catalogazione, di comunicazione, di nuove tecnologie. Alla nuova Scuola archeologica Italia di Atene e Pompei presso il Palazzo reale di Quisisana stanno lavorando il soprintendente di Pompei, Ercolano e Stabia Massimo Osanna, la professoressa Maria Luisa Catoni dell'Imt di Lucca e Giuliano Volpe, presidente del Consiglio superiore dei beni culturali. Vi insegneranno i docenti della Saia, ci sar un collegio di 10 docenti e una rete di professori da tutto il mondo. Sulla reggia di Quisisana sin da subito aveva puntato il soprintendente Osanna. Il palazzo ha impressionato Franceschini, in sopralluogo sabato. Anzi, era stato lo stesso ministro un paio di mesi fa a dire al soprintendente: Massimo, ho trovato la sede per la scuola di Pompei. la reggia di Quisisana a Castellammare di Stabia, suscitando la sorpresa di Osanna che, per altre vie, era giunto alla stessa indicazione. Nel frattempo, ieri sono partiti i lavori di riqualificazione della piazzetta antistante l'edificio e la chiesa della Maddalena, che prevedono la posa in opera di un basolato com'era in origine e una nuova illuminazione.

RIPRODUZIONE RISERVATA

la Saia.

Che scuola sorger a Quisisana?

In Italia vi sono troppe scuole di specializzazione, 17 pi la Saia. Spero ci sia un ripensamento del sistema formativo, servono meno sedi, ma di migliore qualit, dove soprintendenze e universit si incrocino veramente. Ecco perch io parlo dei policlinici dei beni culturali, strutture miste universit-soprintendenza nelle quali si lavori insieme. Cos decine di giovani potrebbero operare sul campo facendo fronte alle difficolt operative di tante soprintendenze. Il caso di Pompei ideale per la sperimentazione del nuovo modello .

Quanto coster la Scuola di Atene e Pompei?

Dipender da quanti allievi saranno ammessi e da quante borse di studio riusciremo a offrire. Serve una selezione rigorosa, ma gli allievi, 10-15 all'anno, devono poter contare su una borsa da mille euro al mese. Ci sono i 30 milioni dell'accordo Miur-Mibact, i progetti europei. Per fare una scuola di eccellenza bisogna richiamare i migliori, con borse da 30 mila euro per il biennio. Chi studia alla Scuola di Atene e Pompei non deve avere l'angoscia di come mantenersi, n pu essere solo il figlio di famiglie benestanti. Potrebbe servire un milione all'anno. Conto anche sugli sponsor privati.

Come giudica le attivit del Grande progetto Pompei?

stato fatto un salto di qualit impressionante, nonostante gli imperdonabili ritardi iniziali, ora l'impostazione corretta. Il nuovo corso a Pompei dar risultati col tempo. E poi c' l'esperienza di Ercolano con la fondazione Packard che rappresenta un approccio di qualit.

E in Campania, qual la situazione?

Ci sono resistenze interne ed esterne, come in tutta Italia, ma c' volont di cambiamento e il ministro Franceschini le rappresenta bene. Il primo giugno ci saranno i nuovi direttori al Museo archeologico di Napoli, a Capodimonte, alla Reggia di Caserta e a Paestum.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news