LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Basta, salvate Palazzo degli Uffici. Denunciato il Comune di Taranto
Cesare Bechis
Corriere del Mezzogiorno - Bari 26/4/2015

Rubate due campane ottocentesche, libri a rischio: la Soprintendenza scrive alla Procura

TARANTO. Taranto punta al titolo di capitale italiana della cultura, ma poco fa per conservare i suoi gioielli architettonici maggiormente significativi. Lesempio pi attuale Palazzo degli Uffici: abbandonato e depredato. Dopo il furto delle due ottocentesche campane di bronzo che battevano i rintocchi, quando ancora funzionava, dellorologio posto sulla facciata verso piazza Archita, la Soprintendenza per i beni architettonici s rivolta alla procura della repubblica di Taranto e ai carabinieri del Nucleo Tutela del Comando di Bari. Gli ha girato per quanto di competenza lordinanza con la quale due giorni fa ha imposto al Comune quattro opere urgenti e indifferibili per la conservazione del bene. La realizzazione di coperture provvisorie per impedire ulteriori infiltrazioni di acque piovane allinterno; poi, la chiusura con materiali amovibili di finestre e porte finestre previa rimozione delle lastre di vetro fessurate o in prossimo distacco; linventario di tutti i beni mobili, con elenco descrittivo corredato da fotografie e la custodia in luogo sicuro al fine di scongiurare ulteriori furti; il ripristino delle coperture di protezione dei ponteggi, la sostituzione delle reti anticaduta lungo i prospetti privi di ponteggi. Insomma occorre prendersi cura delledificio simbolo della Taranto post-unitaria, massima emergenza storica e architettonica del Borgo umbertino, sottoposto alle disposizioni di vincolo monumentale. Ma, bench sia un monumento, trascurato e a nulla valgono appelli, inviti e sollecitazioni. Questa di Palazzo degli Uffici una vicenda tormentata, inserita nel filone delle tante opere pubbliche tarantine avviate e mai completate, delle incompiute che imbruttiscono tanti punti della citt e dei cantieri aperti e subito richiusi. Questo edificio, storica sede del liceo classico Archita, al centro di una riqualificazione il cui progetto di finanza ha visto la luce nel 2002, altra giunta altri tempi, che dopo tredici anni deve ancora prendere slancio. Il Palazzo sta l, con qualche ponteggio, teloni sfilacciati, tetto semiaperto, senza guardiania e terreno di caccia dei ladri. Soltanto alcuni giorni fa il Comune ne ha ripreso possesso e pu darsi che entro qualche mese i lavori prendano il via. La Soprintendenza aveva gi due volte, l8 e il 26 settembre dellanno scorso, segnalato ai Lavori pubblici del Comune, al sindaco Ezio Stefno e al prefetto la necessit di porre fine al deplorevole degrado in cui versava ledificio. Mai ricevuta, neanche per buona educazione, una nota di riscontro. Nella prima lettera il soprintendente ad interim Francesco Canestrini e larchitetto Augusto Ressa denunciavano lindecorosa condizione di abbandono del cantiere, teli svolazzanti anneriti dallo smog, coperture rimosse, infiltrazioni di acque meteoriche, danneggiamento delle strutture murarie e degli apparati decorativi. Nella nota la Soprintendenza chiedeva al Comune provvedimenti urgenti per impedire ulteriori danni e per ricondurlo al decoro atteso che le attuali condizioni compromettono gravemente limmagine dellintero centro storico della Taranto post-unitaria. Dopo il sopralluogo fatto, insieme con un tecnico comunale, la Soprintendenza tornava a scrivere ai Lavori pubblici, al sindaco e al responsabile dei Beni librari della Regione. Dalla ricognizione era emerso un quadro di abbandono e di degrado. Al piano dellArchita giaceva un busto marmoreo ai piedi di una finestra, oggetto di un tentativo di furto; migliaia di libri della biblioteca del liceo, contenuti in librerie del primo Novecento; preoccupazione per eventuali furti di busti in marmo, arredi, campane di bronzo rimosse dal frontone su piazza Archita. Di fronte a questo inqualificabile quadro Canestrini e Ressa invitavano ancora una volta il Comune a adottare opportuni provvedimenti e a depositare in luogo sicuro e sorvegliato gli elementi darte mobile, busti e campane, al fine di scongiurarne il danneggiamento e/o il furto.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news