LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La famiglia ritrovata, parla la camera degli sposi nel capolavoro di Mantegna. Volti e segreti di una dinastia
Edgarda Ferri
Corriere della Sera 27/4/2015


E cos, dora in avanti si ricalcher la strada di Andrea Mantegna mentre lavorava alla Camera Picta, chiamato da Ludovico Gonzaga per celebrare la nomina cardinalizia del figlio Francesco.
Non per guerra, ma per cortesia, nel 1460 il marchese aveva ceduto la sua reggia in Corte Vecchia a Pio II, che a Mantova aveva convocato una Dieta per combattere i turchi, e con famiglia, biblioteca e pittore si era trasferito nel trecentesco castello/fortezza di san Giorgio.
Vi si accede attraversando larioso il cortile ricavato sulla piazza darmi da Luca Fancelli. Oltre il ponte levatoio, attraverso la rampa elicoidale si arriva a una sala rettangolare che porta diritta alla Camera degli Sposi, o Camera Picta. La parete di fronte raffigura larrivo della lettera da Roma con lattesissima nomina. Quella a sinistra, lincontro del padre con il figlio appena nominato.
Mantegna ha dipinto i due episodi, ciascuno delle dimensioni di otto metri per tre, in una stanza di otto metri e cinque centimetri per lato. Per aumentare la cubatura, stata rialzata la volta. Per mettere in ombra le pareti non dipinte, le finestre sono state spostate.
Per non interrompere la narrazione, la scena stata realizzata radente la mensola del camino. Sul soffitto, loculo spalancato su cieli azzurri, nuvole gonfie, donne e amorini ammassati intorno al davanzale, d limpressione di essere allaperto.
Al centro della scena, non c Ludovico ma sua moglie Barbara del Brandeburgo, sposata a dodici anni e arrivata con un seguito di 150 tedeschi subito mandati indietro dal suocero: salvo due vecchie e due o tre famigli, perch la sposa deve dimenticare i costumi de Alemania, e meno ne avr, pi alla svelta dimenticher.
Educati dal Vittorino da Feltre, fondatore a Mantova della Ca zoiosa aperta a poveri e nobili, Ludovico e Barbara sono colti, raffinati, cordiali. Il marchese si circonda di artisti, si professa umile allievo di Luca Fancelli, e nel castello di Goito, la sua dimora del cuore, disegna progetti.
Ieri, a causa del brutto tempo, aveva scritto alla marchesa il segretario Marsilio Andreasi, il mio illustre Signore non andato per boschi ma rimasto tutto il giorno in casa a disegnare una colombaia e una stalla. La marchesa spedisce erbe mediche al marito gottoso, puntualmente informato in volonteroso e rauco italiano della nascita di polesini (pulcini) e dello stato dei bachi da seta allevati su unaltana in cima al castello.
Seduto su un tronetto, e sotto, il fedele bracco Rubino, Ludovico mostra la lettera al suo segretario (la crepa provocata dal sisma del 2012 sfiorava i loro nasi).
Dietro di lui, il monumentale secondogenito Gianfrancesco poggia le mani sulle spalle del fratello Ludovichino, a dieci anni pronotonario nella cattedrale di Mantova. In piedi, la mantellina che gli maschera la schiena bombata, il primogenito Federico.
La bambina translucida con una mela in mano Paola: sposer il conte Leonardo di Gorizia: che non face altro che bere e ballare, e solo per miracolo non si era ammazzato almeno trenta volte correndo come un pazzo a cavallo.
La ragazza vestita di broccato dorato, in piedi dietro la madre, probabilmente Barberina, promessa a un tedesco vecchio e peloso. Mancano Bianca, morta di diarrea, Cecilia terziaria francescana un pocho goba, Susanna costretta a cedere il fidanzato Sforza, causa la gobba, alla sorella Dorotea.
Compiuti i quattordici anni, Dorotea era stata costretta a mostrarsi nuda ai milanesi per garantire che era diritta: e toccata dal collo fino alla cauda, aveva scritto la marchesa al marito; mentre, al mediatore che esclamava il duca non la sposer mai, aveva ribattuto, piccata: la perfezione solo di Dio.
Sulla parete a sinistra, il diciottenne cardinale incontra il padre. Indossa per la prima volta la mantella rossa. Raccomandandolo al papa, Ludovico aveva truccato la data di nascita e Barbara gli aveva suggerito di farsi crescere la barba per sembrare pi vecchio.
Semisepolto in una sorta di robone azzurro, tiene per mano lesangue Ludovichino. Sulla scena c anche Federico, con la gobba avvolta nella mantella bicolore; Ludovico, con i rachitici nipoti Sigismondo e Francesco; i suoi sette cani e il maestoso cavallo: drittissimo.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news