LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Undici torri sulla muraglia la terra restituisce il forte bizantino
SILVANA POLIZZI SABINO
01 maggio 2015 LA REPUBBLICA




AFFIORA dagli scavi in tutta la sua maestosit e non ha precedenti in Sicilia. una fortificazione di epoca bizantina. Si estende per ben novanta ettari sul monte Kassar, a Castronovo di Sicilia, a poco meno di 80 chilometri da Palermo. Un'opera imponente, sepolta dalla terra dei secoli che, adesso, grida a gran voce la sua esistenza e rivendica il suo ritorno dal passato. Undici torri, un possente doppio muro di cinta che si sviluppa per due chilometri, due accessi. Un ingresso, a oriente, un tempo chiuso da una porta lignea della quale stata rinvenuta la traversa in ferro e probabilmente protetto da una saracinesca, prova ne sono due guide verticali sulle torri che fiancheggiavano l'accesso.

In questi giorni sono a Palermo, per fare il punto sulla prima campagna di scavi, Martin Carver dell'Universit inglese di York, archeologo di fama internazionale, e la professoressa Alessandra Molinari dell'Universit di Tor Vergata di Roma. Le ricerche, da parte delle universit inglese e romana, sono state condotte in collaborazione con la Soprintendenza ai beni culturali di Palermo. L'area forse frequentata in et romana, era probabilmente disabitata al momento della nascita della fortificazione. Indagini precedenti, dirette da Stefano Vassallo, responsabile della sezione archeologica della Soprintendenza, avevano dato prova dell'esistenza della fortificazione, ma solo nell'ultimo anno si iniziato a scavare al suo interno.

Ci che emerso in questa prima fase dice la professoressa Molinari ci riempie di soddisfazione. Attraverso il magnetometro, strumento d'indagine che consente l'individuazione dei muri sepolti, abbiamo rinvenuto le pareti di tre grandi edifici allineati, lunghi trenta metri ciascuno, dei quali ancora non conosciamo la destinazione. Potrebbero essere stati utilizzati come depositi di derrate, alloggiamenti per i soldati o altro. affiorata, inoltre, un'abitazione, da noi chiamata "la casa del soldato" . Quest'ultima misurava quaranta metri quadrati, aveva pareti intonacate, un pavimento in roccia e un focolare. Era certamente abitata da uomini e donne, di ceto medio- alto. Presumibilmente una famiglia. A dimostrare l'esistenza di presenze femminili all'interno stato il rinvenimento di perle e parti di collane. Una pregiatissima fibbia di bronzo, appartenente a una cintura maschile, testimonia il rango degli abitanti. Lo stesso vale per la raffinata fattura dei vetri dei calici ritrovati.

Ma perch questa fortificazione rappresenta un fatto unico? Perch la sua breve vita, tra il VII ed il IX secolo, testimonia un enorme investimento economico e di manodopera, da parte dell'Impero di Bisanzio, in difesa dell'Isola, roccaforte nel Mediterraneo. La collocazione a mille metri d'altezza, al centro della Sicilia, era strategica, necessaria per far fronte a possibili invasioni da varie direzioni. Tuttavia, quando gli arabi invasero l'Isola, neppure una struttura difensiva di tale portata fu sufficiente. Cos, le fonti attestano che Castellum Novum in arabo Qasr al Gadid capitol nell'857-858. Se si accoglie l'ipotesi di identificazione del Kassar con il Qasr, gli strati di bruciato rinvenuti durante lo scavo della porta est potrebbero essere la vivida testimonianza dell'assedio del centro da parte dell'esercito arabo. L'unicit del sito data anche dall'assenza di contaminazioni da parte delle successive invasioni. La storia della fortificazione finisce in quei giorni. Gli arabi, infatti, non abitarono mai la struttura, a differenza di quanto avvenne in altri siti bizantini. Lo stesso accadde con le successive dominazioni, dai normanni in avanti nessuno utilizz mai il Kassar.

Siamo solo all'inizio precisa la professoressa Molinari di un viaggio che arricchir di dettagli la ricostruzione della quotidianit dell'epoca. Il nostro studio, tuttavia, non si ferma a monte Kassar, ma riguarda l'intero territorio di Castronovo. Stiamo lavorando anche a Casale San Pietro, un'area archeologica di circa quattro ettari, sulla Palermo-Agrigento. Era una stazione di posta in et tardo-romana. Il materiale rinvenuto in questo sito testimonia la successiva presenza di bizantini, arabi, normanni e svevi. C'era un villaggio e abbiamo ritrovato muri, fornaci e delle sepolture di bambini. Immigrazioni, abitudini, cambiamenti culturali, alimentazione, sono i dati al centro delle nostre ricerche.

La prossima campagna di scavi partir in autunno e al pi presto si potrebbe ipotizzare l'apertura ai visitatori. La creazione di un percorso turistico dovrebbe, per, passare attraverso accordi fra il Comune di Castronovo e i privati proprietari dei terreni.



news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news