LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VENEZIA - Baratta ai candidati Un patto urgente per i beni culturali
di Roberta De Rossi
01 maggio 2015 LA NUOVA VENEZIA



Un patto urgente con la futura amministrazione per fare fronte comune e trovare risorse per nuovi interventi in Arsenale, perch ora che il Demanio l'ha trasmesso in dote alla citt, non per questo salvo da future speculazioni: senza fondi per mantenerlo, il rischio immobiliare sempre in agguato. Per questo, dice, le istituzioni pubbliche devono farsi carico dell'Arsenale, con estrema attenzione: io sono un po' preoccupato, perch la logica di farne un' "area urbana" aperta come un qualsiasi altro spazio della citt rischia di trasformarlo nel giro di una generazione in un'area edificabile come qualsiasi altra. Urgono fondi. Pi che un appello, un'allerta ai candidati sindaco quella che lancia Paolo Baratta, presidente della Biennale, ammiraglia della cultura italiana e protagonista del fermento di questi giorni, con Venezia che brulica di allestimenti, vernici, mostre collaterali in vista dell'inaugurazione il 9 maggio della 56 Esposizione di Arti visive, appuntamento di richiamo mondiale, vero "evento" che muove la vita culturale e l'economia della citt. E che anima anche l'Arsenale, con l'area sud affidata in concessione trentennale alla Biennale stessa, mentre l'area nord che il Comune ha ora per s, in attesa di una giunta politica non ha ancora un piano che ne delinei il futuro, mentre le tormente finanziarie che si abbattono su Ca' Farsetti non fanno sperare in investimenti immediati. E qui interviene l'appello di Baratta, che risponde anche a quanti si lamentano per l' "allargarsi" della Biennale. L'Arsenale il pi bel matrimonio che ho fatto come presidente della Biennale: contribuire con il restauro a rendere un monumento un luogo di vita: l'hanno visitato 3,2 milioni di persone da tutto il mondo in questi anni, prosegue Baratta, l'importante restaurare per rendere vivo, senza quell'atteggiamento necrofilo che c' troppo spesso in citt, dove si pensa spesso solo a fare dei monumenti un cenotafio del passato intoccabile. La difesa dei beni culturali si fa....facendo, aggiunge, ma per questo servono soldi. La Biennale ha investito 30 milioni di euro nell'Arsenale e se ho accelerato, anni fa, per chiudere l'intesa con la Marina e la soprintendenza sulla Sala d'Armi perch avevo saputo - ed la prima volta che lo racconto - che erano andati in visita emissari di un'impresa immobiliare: l'Arsenale avrebbe preso quella strada. Era il 2008. Servono grandi alleati per una visione di interesse pubblico: un accordo con il Comune, appena insediato, per trovare risorse per nuovi interventi, come gli impianti di riscaldamento e raffreddamento, la rete per scaricare l'acqua in caso di pioggia. Servirebbero tre istituzioni come la Biennale per l'Arsenale. Perch si fa presto a dire pubblico, bello applaudire al passaggio dal Demanio al Comune - il ragionamento del presidente - ma con i chiari di luna in fatto di finanziamenti, il rischio che si ceda c'. Non ora, in futuro. Una punzecchiatura all'operazione firmata dall'ultima amministrazione: Diciamo che l'acquisizione stata un gesto di entusiasmo giovanile, come dire... un po' screanzato: se non si trovano soggetti importanti per proseguire nei lavori, passata una generazione, il rischio il ritorno degli immobiliaristi. Giardino vergini aperto.Comunque, a chi si lamenta per la "biennalizzazione" dell'Arsenale promette che il Giardino delle Vergini sar aperto in gran parte a chiunque - senza il pagamento del biglietto - gi dai prossimi giorni. E per il resto dell'anno: La mostra apre il 9 maggio e chiude a novembre, il cantiere si aperto a febbraio e per disallestire si far gennaio. resta febbraio, ma sulla Sala d'Armi un progetto c' se riusciremo a trovare fondi per gli interventi. L'auspicio elettorale. Auguro che ci sia un programma di ricreazione, di ricostruzione con obiettivi certi, abbandonando abitudini da abbandonare, e con una particolare attenzione all'energia delle nuove generazioni. Infine, spero che si ponga attenzione al fatto che a Venezia si possono fare cose rivolte al mondo e se Venezia non le fa, il mondo si rivolta contro Venezia, perch il mondo non sar mai indifferente a Venezia, in positivo e in negativo, Quasiasi cosa capiti a Venezia va sulle tv di tutto il mondo dall'acqua alta ai bastimenti, Se cos forte l'attenzione del mondo perch non averla per cose positive? Se fa bene a Venezia, pu far bene all'Italia. Con la Biennale stato cos....non ne abbiamo l'esclusiva, pu essere fatto da chiunque governi al citt.



news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news