LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MILANO - Da Koolhaas a Wes Anderson il supermuseo firmato Prada
Dario Pappalardo
01 maggio 2015 LA REPUBBLICA





AL SOLE , interamente coperta di foglia d'oro, la "casa infestata" Haunted House l'ha ribattezzata Rem Koolhaas luccica. Dentro al palazzo ci sono gi le installazioni di Louise Bourgeois e di Robert Gober. Subito accanto, il "podium" delle mostre temporanee fa da contrasto argentato con la facciata e gli interni rivestiti in schiuma di alluminio: per realizzarla, il materiale viene prima fatto esplodere. Di fronte, il bar disegnato dal regista Wes Anderson puro design anni Cinquanta con tanto di autocitazioni cinefile: vedi il flipper dedicato a Le avventure acquatiche di Steve Zissou.

Il cinema, quello vero, sar inaugurato da un documentario con Roman Polanski che racconta le passioni e i film che ha "copiato". Poco distanti, due grandi depositi, non toccati da restauro, sono ormai una galleria di opere d'arte: Man Ray, Klein, Fontana, Pistoletto, Pascali, Paolini, uno studiolo di legno intarsiato del Quattrocento. Fogli e cartoncini segnano sulle pareti dove inchiodare i Lichtenstein, Richter, Schifano, Stella, Koons. In un sotterraneo si scopre la sala ginecologica-acquario di Damien Hirst. Al lato estremo del cantiere, in fondo, una gru sta innalzando la torre pi alta, pronta per il 2016. Benvenuti alla nuova Fondazione Prada. L'opera faraonica, la Xanadu di Miuccia e Patrizio Bertelli, 19 mila metri quadrati di superficie, sta aprendo qui, a Milano, non lontano da Porta Romana. Dal 4 maggio l'anteprima; dal 9 ingresso aperto al pubblico. Dove c'era una distilleria di inizio Novecento adesso c' il progetto di Rem Koolhaas e dello studio Orma, che mette insieme vecchio e nuovo, oro e argento. Verticale e orizzontale. Cinquanta milioni di euro solo per le costruzioni ex novo. Ma la cifra investita negli anni molto pi alta e segreta. Alla fine dei Novanta, il brand leader della moda ha acquistato questa parte di zona industriale a Milano sud. Nei capannoni di fronte alla nuova Fondazione, ci sono gli uffici della maison, la mensa, la biblioteca che documenta un'attivit espositiva lunga dal 1993 a oggi e che comprende, dal 2011, la sede veneziana di Ca' Corner. Adesso per si alza il tiro. Le collezioni passano e le mostre pure; Pradaland con tutta la sua imponenza al cantiere hanno lavorato in contemporanea anche 570 operai destinata a restare.

una follia dice Patrizio Bertelli Siamo entrati dentro il tunnel della cultura: un tunnel complesso da attraversare, se fatto seriamente. Dovrebbe essere una prerogativa del pubblico, non dei privati. Quello che ha comandato la passione e un po' di irrazionale. Non un'analisi di bilancino costi-risparmi. Ora il problema sar come gestire tutto questo. Di sicuro l'operazione andr ad alimentare la comunicazione intorno a un marchio che, ormai, pi che un prodotto, vende un immaginario: il diavolo veste Prada e l'arte fa lo stesso. Ma non abbiamo mai confuso i due piani. Non abbiamo mai fatto una mostra durante una sfilata o coinvolto un artista nelle collezioni come poi accaduto per altri. Il rapporto tra l'arte e i privati antico. Non capisco le polemiche. Nel Cinquecento, a Firenze, il signor Doni era un banchiere e voleva un'opera di Michelangelo per dimostrare di essere il pi ricco di tutti: ecco, voil, il Tondo Doni. Gli artisti sono sempre stati contesi dalle corti e poi dalla borghesia illuminata. A quella aristocrazia si sostituita la moda, ma anche l'imprenditoria. Si avverte l'esigenza di collegare un nome, un brand, con qualcosa che lasci il segno nel tempo. La differenza che oggi il mondo dell'arte aperto a molte pi persone. Fare una fondazione come abbiamo fatto noi, tutta a nostre spese, compresa l'aria, significa anche donare qualcosa al pubblico. I musei statali evidentemente non bastano. In Italia, la cultura non uno strumento sufficiente per giustificare l'impegno della politica risponde Bertelli La politica non si occupa dell'arte. Altrimenti anche la gestione dei musei sarebbe diversa. Pi che pensare alle insufficienze dei musei, mi chiedo come mai agli imprenditori italiani non venga in mente di sponsorizzarli cos, a fondo perduto .

Miuccia Prada e Patrizio Bertelli hanno iniziato a collezionare arte negli anni Ottanta. L'abbiamo sempre fatto da soli, senza consigli spiega lui Di volta, in volta, compravamo a seconda delle possibilit del tempo. Non abbiamo mai venduto un'opera. Siamo legati a tutte, anche a quelle pi piccole: ai quadri di Cavalieri, postimpressionista in esilio a Parigi negli anni Venti; ai Carciofi di Capogrossi. Quando riguardo la collezione, vedo le tappe di un percorso di conoscenza. Negli appartamenti, nei depositi, in fondazione, in fabbrica, negli uffici: la collezione Prada raccolta in tanti spazi. Le opere pi impegnative da trasportare sono in Toscana, dentro a un magazzino. Il numero "significativo", per usare l'aggettivo della project director Astrid Welter. Adesso, con la nuova Fondazione, molte opere saranno esposte. Ma non so quanto ci piaccia l'idea di allestire una collezione permanente precisa Bertelli Pensiamo pi a una rotazione, a organizzare mostre, scegliendo ogni volta dei filoni a discrezione di un curatore. La diffidenza di critici e studiosi? Appartiene al passato .

Mettere insieme i nomi di Miuccia Prada e Salvatore Settis un tempo sarebbe apparso fantascienza. E, invece, l'archeologo ex rettore della Normale di Pisa anche il curatore della prima mostra della nuova Fondazione Prada: Serial Classic (con Anna Anguissola) e di Portable Classic a Ca' Corner (con Davide Gasparotto). Neanche io pensavo di essere qui racconta iniziato tutto con una telefonata di Miuccia Prada, mediata da Germano Celant, due anni fa. Lei mi ha chiesto di realizzare una mostra di arte classica. Io non volevo chiamare artisti a lavorare sul classico, lo fanno gi da soli. Tanto meno mi andava di accostare Vezzoli o Koons alle opere antiche: accaduto diecimila volte. Ho pensato allora di scegliere un tema che avesse una risonanza con la contemporaneit: raccontare il concetto di serialit come una prerogativa della classicit non era cos scontato. La riproducibilit non nasce con il Novecento: in antico l'originale di una scultura esisteva per essere moltiplicato . Qui a Milano una sessantina di opere stanno arrivando da Louvre, Uffizi, Vaticani, British, Ermitage. Veneri, discoboli, satiri. Ottanta sbarcheranno a Venezia. Copie in serie replicate identiche attraverso i secoli. Per i prestiti ho avuto il 90 per cento dei s. Di solito i musei si prestano le opere tra di loro. In questo caso non avevamo da dare nulla in cambio: ha vinto il progetto. Una Penelope trovata negli scavi di Persepoli esce per la prima volta da Teheran. La copia di un Bronzo di Riace stata realizzata apposta per la mostra da Vinzenz e Ulrike Brinkmann partendo da una stampante 3D. L'allestimento, con il travertino iraniano che fa da pavimentazione e da base per le sculture, a cura di Koolhaas e di Orma. Koolhaas sapeva che avevo scritto due articoli contro di lui su Repubblica per il progetto al Fondaco dei Tedeschi di Venezia precisa Settis Ne abbiamo parlato sorridendo, lo ammiro molto. Non c' stato bisogno di litigare. S, una mostra del genere si poteva realizzare anche in un museo pubblico. Ma a me interessa il risultato: argomentare una tesi, facendo parlare le opere attraverso la loro qualit e la tessitura di un discorso. Qui ci sono riuscito. stata un'occasione che ho colto al volo. Anche Venere, ora, veste Prada.




news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news