LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Terni-Ultimatum della Carit per la Fontana di piazza Tacito: «Restauro entro un anno o niente soldi»
Marta Rosati
www.umbria24.it, 07/05/2015

La soprintendenza non fa chiarezza sull'ordine dei lavori, Bucari: «Situazione complicata»

La Fondazione Carit lancia l’ultimatum: «Restauro della fontana entro dodici mesi oppure ritireremo i fondi deliberati». Nulla di male a pensare che il tasso di rischio sia altissimo: «La situazione è complicata, piuttosto nebulosa: i rapporti con la soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici dell’Umbria non è per nulla adamantina». Non si sbottona e non va oltre l’assessore ai lavori pubblici del Comune di Terni, Stefano Bucari, all’uscita dal tavolo di confronto sul restauro della Fontana di piazza Tacito, ma tanto basta per far capire che passerà ancora tempo prima che il monumento simbolo della Conca torni a vedere la luce.

Carit Dopo l’ennesima riunione, a fronte della perdurante assenza di elementi certi da parte della soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici dell’Umbria, a quasi due anni dall’avvio del progetto di restauro della fontana di piazza Tacito, la fondazione Cassa di risparmio di Terni e Narni intende puntualizzare come non si possa perdere ulteriore tempo: «Troppo ne è trascorso inutilmente – scrivono – a causa dei mutati orientamenti della stessa soprintendenza in ordine al restauro dei mosaici, accompagnati da evidenti indecisioni, lacune programmatiche e organizzative». Da Corso Tacito arriva allora una presa di posizione forte, ma già annunciata: «La Carit intende porre un termine temporale, dodici mesi, oltre il quale tutti i finanziamenti deliberati per la realizzazione di un progetto ritenuto fondamentale per la città di Terni, verranno ritirati».

Scenario «Nelle ultime settimane, – scrivono ancora dalla fondazione – con i cambi al vertice della soprintendenza, si è passati da un orientamento volto al rifacimento dei mosaici, ad uno – diametralmente opposto – indirizzato al restauro in situ dell’opera di Cagli. Situazione che, pur causando ulteriori ritardi e disagi, è stata comunque accettata. Oggi, invece, si continua a perdere tempo in discussioni improduttive, come testimoniato dalla riunione svoltasi giovedì maggio presso la sede della stessa Fondazione. Si dice cosa non si deve fare, ma non cosa si dovrebbe fare. Il tutto nonostante le richieste, già avanzate da tempo, di dare seguito con celerità ad un progetto chiaro e condiviso per il recupero del bene. Non sembra però essere questa la priorità della soprintendenza e il rischio è che a pagarne le conseguenze siano, ancora una volta, i cittadini che vorrebbero solo poter riabbracciare il proprio simbolo, attraverso un intervento di qualità e durevole nel tempo».



news

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

Archivio news