LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia. Palazzo Cini, tour nel bello
Veronica Tuzii
Corriere del Veneto 8/5/2015

Non tutti sono toccati dal dono della creativit spirituale o artistica, ma a tutti dato di amare quelle creazioni e aiutare gli altri ad amarle. Questa celebre frase del Conte Vittorio Cini riassume quella sua attrazione onnivora per larte e per il bello in tutte le sue forme. Lo specchio della qualit del sogno di questo fine collezionista animato da una passione da principe rinascimentale (Vittorio Cini, lunico Faust italiano che abbia mai incontrato asseriva lo storico dellarte Bernard Berenson) nella sua abitazione veneziana, Palazzo Cini a San Vio, dal 1984 casa-museo donata alla Fondazione Giorgio Cini dagli eredi dellimprenditore, uomo politico e di cultura, riaperta dallo scorso anno al pubblico per oltre sei mesi lanno.
Luogo vivo che riserva sorprese anche in questa seconda stagione. Uno scrigno che custodisce una preziosa raccolta di dipinti di scuola toscana, sculture, arredi oggetti darte donati da Yana Cini Alliata di Montereale e dipinti rinascimentali ferraresi concessi in deposito da Ylda Cini Guglielmi di Vulci, che comprende tavole di Filippo Lippi, Beato Angelico, Botticelli, Pontormo, Dosso Dossi, ma anche oggetti e arredi di pregio, che riflettono il gusto personale di Vittorio Cini (Ferrara 1885-Venezia 1977) e di un entourage di speciali amici e consiglieri. Dal 1919 dimora del Conte, il palazzo era solito accogliere llite degli intellettuali del secolo scorso, nomi che di certo influirono nelle scelte operate da Cini nellacquisizione di pezzi della sua collezione e pure nella ricerca della giusta collocazione, come Federico Zeri, il gi citato Berenson e Nino Barbantini. Questultimo, in una lettera del 1952 scriveva: Caro Vittorio...i quadri a casa tua sono gi disposti sui muri e mi paia che tutto stia bene. Si attende, tremando, il tuo verdetto.
Da allora, questa residenza cinquecentesca - ridisegnata negli interni dagli interventi in stile neo rococ dellarchitetto Tomaso Buzzi negli anni 50, come la Sala da pranzo progettata per ospitare la magnifica raccolta di 275 porcellane della manifattura Cozzi e la scenografica Scala ovale a chiocciola - ha mantenuto intatto tutto il suo charme e quel suo aristocratico carattere, intimo e familiare. Palazzo Cini - sottolinea Luca Massimo Barbero, direttore dellIstituto di Storia dellArte della Fondazione Giorgio Cini - un luogo di straordinaria vitalit, un museo che mantiene lo spirito della casa.
Casa Cini accoglie il visitatore tra tappeti orientali e lampadari di Murano, esibisce unimportante serie di rami smaltati rinascimentali e raffinati avori medievali della famosa Bottega degli Embriachi, oreficerie e sculture, e poi un corpus straordinario di opere pittoriche, dal XIII al XVI secolo, tra cui i Due Apostoli della bottega di Giotto; lAscensione di Cristo del Guariento; la Madonna con il Bambino, santi e angeli musicanti di Lippi; il San Tommaso dAquino di Fra Angelico; la Madonna col Bambino e i due angeli di Piero di Cosimo; la Madonna col Bambino , con attribuzione che oscilla tra Piero della Francesca e Luca Signorelli; la grande tavola allegorica de Il giudizio di Paride di Botticelli e aiuti; il Doppio ritratto di amici capolavoro del Pontormo; il San Giorgio di Cosm Tura; la Scena allegorica di Dossi, dalla strana forma, parte del soffitto della camera da letto di Alfonso I dEste di Palazzo Ducale a Ferrara.
Con la nuova stagione dapertura del palazzo (in partnership con Assicurazioni Generali, aperta fino al 15 novembre) un nuovo nucleo di opere e arredi arricchisce ulteriormente il percorso espositivo: tra queste un San Giovanni Evangelista di Stefano di Giovanni detto il Sassetta, artista di cui la Galleria gi possiede la Madonna dellUmilt ; un elegante Ritratto di gentiluomo con guanti attribuito a Girolamo Romanino; due Teste di fantasia tiepolesche; un monumentale tavolo cinquecentesco e un armadio intagliato del Sansovino; un raro portadocumenti del Quattrocento appartenuto al duca di Ferrara Borso dEste. Altra novit di questanno lapertura del secondo piano del palazzo appena restaurato, atto a ospitare mostre temporanee. A inaugurare lo spazio un raffinato progetto espositivo di Ettore Spalletti, mentre in autunno saranno in mostra alcuni dei pi bei disegni di vedute e capricci del Settecento veneziano dal Gabinetto dei Disegni e delle Stampe della Fondazione Cini.



news

10-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news